La destra che è in lui: Gentiloni e gli immigrati

A sentirlo, a guardarlo, a valutarlo al primo impatto, Gentiloni non sembra persona di destra. Eppure, a osservare più da presso le politiche messe in campo fino ad ora, soprattutto quelle gestite dal Ministero degli Interni, siamo nel campo della destra piena: un po’ razzista, un po’ populista, un po’ troppo securitaria.

A sen­tir­lo, a guar­dar­lo, a valu­tar­lo al pri­mo impat­to, Gen­ti­lo­ni non sem­bra per­so­na di destra. Eppu­re, a osser­va­re più da pres­so le poli­ti­che mes­se in cam­po fino ad ora, soprat­tut­to quel­le gesti­te dal Mini­ste­ro degli Inter­ni, sia­mo nel cam­po del­la destra pie­na: un po’ raz­zi­sta, un po’ popu­li­sta, un po’ trop­po secu­ri­ta­ria. Gli ita­lia­ni sce­si in piaz­za per la fine dell’anno si sono tro­va­ti bloc­chi di cemen­to e cec­chi­ni di Sta­to sui tet­ti, men­tre nel­le peri­fe­rie le camor­re han­no festeg­gia­to in pie­na liber­tà con la ven­di­ta e l’esplosione clan­de­sti­na di ton­nel­la­te di botti.

Alle pau­re, insom­ma, il gover­no rispon­de con la mili­ta­riz­za­zio­ne dei cen­tri urba­ni e l’abbandono tota­le del­le peri­fe­rie nel­le mani del­le mafie. Con­trad­di­zio­ni che la reto­ri­ca del Pd nascon­de, per­ché pre­fe­ri­sce inse­gui­re il model­lo valo­ria­le del­la destra con­di­vi­den­do, per esem­pio, la ria­per­tu­ra dei Cie e l’aumento del­le espul­sio­ni. Sia­mo di fron­te a una rive­la­zio­ne? No, a una con­fer­ma: quel­la di una incoe­ren­za stri­den­te tra Gen­ti­lo­ni e la real­tà. La real­tà non è nei voti, nel con­sen­so costrui­to sul raz­zi­smo e sul­la xeno­fo­bia. La real­tà è nel­la pover­tà, nei sen­za­tet­to, nei cin­que­mi­la migran­ti anne­ga­ti nel Medi­ter­ra­neo, nell’assenza di con­tra­sto coor­di­na­to alla trat­ta di esse­ri uma­ni, nel­le disu­gua­glian­ze glo­ba­li, nel­lo sfrut­ta­men­to a nero degli stra­nie­ri e degli italiani.

La rispo­sta di Gen­ti­lo­ni e di Min­ni­ti alle pau­re del­la con­tem­po­ra­nei­tà non sono né acco­glien­za né inte­gra­zio­ne socia­le, ma più mili­ta­ri, più poli­zia, più espul­sio­ni, più repres­sio­ne. Non una paro­la sul­la pover­tà cre­scen­te, sul­la qua­le l’odio e la sot­to­cul­tu­ra fan­no il suc­ces­so di Sal­vi­ni. Non una misu­ra per con­tra­sta­re effi­ca­ce­men­te la pover­tà da disoc­cu­pa­zio­ne (aggra­va­ta dal fal­li­men­to pla­tea­le del Jobs Act).

Le cau­se del ripie­ga­men­to iden­ti­ta­rio di destra che sta atta­na­glian­do il mon­do euro­peo ven­go­no raf­for­za­te dal gover­no ita­lia­no. Si dà per acqui­si­to il dato del­la pau­ra, si cer­ca di smor­zar­lo con la sicu­rez­za in divi­sa, men­tre ogni gior­no, da Nord a Sud, gli ita­lia­ni sono let­te­ral­men­te bom­bar­da­ti da mes­sag­gi media­ti­ci di evi­den­te matri­ce raz­zi­sta. I comu­ni­ca­to­ri del Pd (quel­li che anco­ra si lec­ca­no le feri­te del 4 dicem­bre) si trin­ce­ra­no die­tro un fin­to quan­to men­zo­gne­ro ‘buon sen­so’, il mede­si­mo cini­co sen­ti­men­to che sta favo­ren­do l’avanzata di sen­ti­men­ti di destra den­tro tut­ta la socie­tà e den­tro il loro par­ti­to. Dob­bia­mo insom­ma pren­de­re atto di que­sta evi­den­te diver­si­tà tra il Gen­ti­lo­ni pen­sa­to e il Gen­ti­lo­ni rea­le. Pren­der­ne atto per pren­der­ne le distan­ze, per pra­ti­ca­re un’altra idea di Ita­lia. Plu­ra­li­sta, inclu­si­va, lai­ca, antirazzista.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.