La COP25 di Madrid, una tremenda delusione

“Sia­mo in un momen­to cri­ti­co riguar­do i nostri sfor­zi col­let­ti­vi per limi­ta­re il peri­co­lo­so riscal­da­men­to glo­ba­le. Entro la fine del pros­si­mo decen­nio sare­mo su uno di due per­cor­si: uno è il per­cor­so del­la resa, su cui abbia­mo cam­mi­na­to dor­mien­ti oltre il pun­to di non ritor­no, met­ten­do a rischio la salu­te e la sicu­rez­za di tut­ti su que­sto pia­ne­ta. Voglia­mo dav­ve­ro esse­re ricor­da­ti come la gene­ra­zio­ne che ha nasco­sto la testa sot­to la sab­bia, che ha tem­po­reg­gia­to men­tre il pia­ne­ta anda­va a fuo­co? L’altro è il per­cor­so del­la spe­ran­za. Un per­cor­so di deter­mi­na­zio­ne, di solu­zio­ni soste­ni­bi­li. Un per­cor­so in cui tut­ti i com­bu­sti­bi­li fos­si­li riman­go­no dove dovreb­be­ro sta­re, sot­to­ter­ra, e dove sare­mo a buon pun­to per rag­giun­ge­re la car­bon neu­tra­li­ty entro il 2050.”

Era ini­zia­to così, con un discor­so di altis­si­mo pro­fi­lo di Anto­nio Gutér­res, Segre­ta­rio Gene­ra­le dell’ONU, la COP25, la Con­fe­ren­za del­le Nazio­ni Uni­te sul Cam­bia­men­to Cli­ma­ti­co di Madrid, con­clu­sa­si oggi.

Un discor­so di altis­si­mo pro­fi­lo cui pur­trop­po non sono segui­ti i risul­ta­ti spe­ra­ti, in quel­la che era for­se l’ultima pos­si­bi­li­tà di tro­va­re un accor­do per il con­se­gui­men­to a livel­lo glo­ba­le degli obiet­ti­vi del­l’A­gen­da 2030.

Nono­stan­te pro­mes­se e aspet­ta­ti­ve, la con­fe­ren­za si è are­na­ta in un dibat­ti­to oscu­ro, su ter­mi­no­lo­gie e tec­ni­ci­smi, per­den­do di vista l’obiettivo di arri­va­re un pia­no glo­ba­le per ridur­re le emissioni. 

E allo­ra, men­tre Gre­ta Thun­berg — inter­ve­nu­ta in con­fe­ren­za stam­pa il 9 dicem­bre — ricor­da­va che l’emergenza cli­ma­ti­ca non ha effet­ti “sul futu­ro” per­ché ne ha già “sul pre­sen­te”, l’Arabia Sau­di­ta con­te­sta­va l’uso del ter­mi­ne “emer­gen­za”, negan­do l’urgenza di qual­si­vo­glia prov­ve­di­men­to o azione.

Men­tre Car­lon Zac­kh­ras, un ragaz­zo pro­ve­nien­te dal­le iso­le Mar­shall, alle pre­se con l’innalzamento del­le acque, face­va nota­re che già ades­so per loro “l’unica solu­zio­ne è anda­re più in alto — come suc­ces­so a 200 fami­glie del­la sua zona solo poche set­ti­ma­ne fa — o emi­gra­re”, rima­ne aper­ta la que­stio­ne dei cosid­det­ti “loss and dama­ge”, il mec­ca­ni­smo attra­ver­so il qua­le i pae­si ric­chi — mag­gio­ri respon­sa­bi­li del­la cri­si cli­ma­ti­ca — dovreb­be­ro aiu­ta­re chi subi­sce sul­la pro­pria pel­le gli effet­ti del­la crisi. 

E così, in que­ste ore, è arri­va­ta la noti­zia del fal­li­men­to del­le trat­ta­ti­ve sull’articolo 6, quel­lo riguar­dan­te la rego­la­zio­ne glo­ba­le del mer­ca­to del car­bo­nio. Il nodo più dif­fi­ci­le da scio­glie­re — cer­to — ma anche uno di quel­li deci­si­vi. Di fron­te all’emergenza, nes­su­no — se non i lea­der dei pae­si già espo­sti agli effet­ti del­la cri­si — ha mostra­to un impe­gno a ridur­re le emis­sio­ni, fin­gen­do di igno­ra­re gli effet­ti di riman­da­re le deci­sio­ni alla pros­si­ma Cop.

Rima­ne, come dato posi­ti­vo, l’impegno dell’Unione Euro­pea per la ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni, e per il rag­giun­gi­men­to del­la “car­bon neu­tra­li­ty” entro il 2050. Un pia­no ambi­zio­so, con un fon­do da 100 miliar­di da desti­na­re alle regio­ni e ai set­to­ri più vul­ne­ra­bi­li per favo­ri­re la ricon­ver­sio­ne ener­ge­ti­ca di tut­ta l’industria euro­pea e oltre 50 azio­ni da rea­liz­za­re entro il 2050: un pia­no su cui biso­gne­rà comun­que vigi­la­re atten­ta­men­te per­ché ven­ga attua­to, a cau­sa del­le resi­sten­ze di alcu­ni gover­ni europei.

Rima­ne, alla fine di que­sta COP25, soprat­tut­to una sen­sa­zio­ne: quel­la che le atti­vi­ste e gli atti­vi­sti che ogni set­ti­ma­na ormai da più di anno chie­do­no azio­ni con­cre­te con­tro l’emergenza cli­ma­ti­ca sia­no più lun­gi­mi­ran­ti di chi dovreb­be rap­pre­sen­tar­ci, loro e noi tutti. 

E che una rivo­lu­zio­ne eco­lo­gi­sta non sarà dav­ve­ro pos­si­bi­le se le trat­ta­ti­ve con­ti­nue­ran­no a esse­re affos­sa­te dagli inte­res­si dei pote­ri fos­si­li e da quel­li — di bre­ve ter­mi­ne — di alcu­ni sta­ti nazio­na­li, non inten­zio­na­ti a ridur­re le emis­sio­ni nono­stan­te una minac­cia ogni gior­no più visibile.

Intan­to, il rischio di “esse­re ricor­da­ti come la gene­ra­zio­ne che ha nasco­sto la testa sot­to la sab­bia, che ha tem­po­reg­gia­to men­tre il pia­ne­ta anda­va a fuo­co” - come dice­va Guter­res nel suo discor­so di aper­tu­ra - è sem­pre più concreto.

Intan­to, il tem­po con­ti­nua a passare.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.