La COP25 di Madrid, una tremenda delusione

“Sia­mo in un momen­to cri­ti­co riguar­do i nostri sfor­zi col­let­ti­vi per limi­ta­re il peri­co­lo­so riscal­da­men­to glo­ba­le. Entro la fine del pros­si­mo decen­nio sare­mo su uno di due per­cor­si: uno è il per­cor­so del­la resa, su cui abbia­mo cam­mi­na­to dor­mien­ti oltre il pun­to di non ritor­no, met­ten­do a rischio la salu­te e la sicu­rez­za di tut­ti su que­sto pia­ne­ta. Voglia­mo dav­ve­ro esse­re ricor­da­ti come la gene­ra­zio­ne che ha nasco­sto la testa sot­to la sab­bia, che ha tem­po­reg­gia­to men­tre il pia­ne­ta anda­va a fuo­co? L’altro è il per­cor­so del­la spe­ran­za. Un per­cor­so di deter­mi­na­zio­ne, di solu­zio­ni soste­ni­bi­li. Un per­cor­so in cui tut­ti i com­bu­sti­bi­li fos­si­li riman­go­no dove dovreb­be­ro sta­re, sot­to­ter­ra, e dove sare­mo a buon pun­to per rag­giun­ge­re la car­bon neu­tra­li­ty entro il 2050.”

Era ini­zia­to così, con un discor­so di altis­si­mo pro­fi­lo di Anto­nio Gutér­res, Segre­ta­rio Gene­ra­le dell’ONU, la COP25, la Con­fe­ren­za del­le Nazio­ni Uni­te sul Cam­bia­men­to Cli­ma­ti­co di Madrid, con­clu­sa­si oggi.

Un discor­so di altis­si­mo pro­fi­lo cui pur­trop­po non sono segui­ti i risul­ta­ti spe­ra­ti, in quel­la che era for­se l’ultima pos­si­bi­li­tà di tro­va­re un accor­do per il con­se­gui­men­to a livel­lo glo­ba­le degli obiet­ti­vi del­l’A­gen­da 2030.

Nono­stan­te pro­mes­se e aspet­ta­ti­ve, la con­fe­ren­za si è are­na­ta in un dibat­ti­to oscu­ro, su ter­mi­no­lo­gie e tec­ni­ci­smi, per­den­do di vista l’obiettivo di arri­va­re un pia­no glo­ba­le per ridur­re le emissioni. 

E allo­ra, men­tre Gre­ta Thun­berg — inter­ve­nu­ta in con­fe­ren­za stam­pa il 9 dicem­bre — ricor­da­va che l’emergenza cli­ma­ti­ca non ha effet­ti “sul futu­ro” per­ché ne ha già “sul pre­sen­te”, l’Arabia Sau­di­ta con­te­sta­va l’uso del ter­mi­ne “emer­gen­za”, negan­do l’urgenza di qual­si­vo­glia prov­ve­di­men­to o azione.

Men­tre Car­lon Zac­kh­ras, un ragaz­zo pro­ve­nien­te dal­le iso­le Mar­shall, alle pre­se con l’innalzamento del­le acque, face­va nota­re che già ades­so per loro “l’unica solu­zio­ne è anda­re più in alto — come suc­ces­so a 200 fami­glie del­la sua zona solo poche set­ti­ma­ne fa — o emi­gra­re”, rima­ne aper­ta la que­stio­ne dei cosid­det­ti “loss and dama­ge”, il mec­ca­ni­smo attra­ver­so il qua­le i pae­si ric­chi — mag­gio­ri respon­sa­bi­li del­la cri­si cli­ma­ti­ca — dovreb­be­ro aiu­ta­re chi subi­sce sul­la pro­pria pel­le gli effet­ti del­la crisi. 

E così, in que­ste ore, è arri­va­ta la noti­zia del fal­li­men­to del­le trat­ta­ti­ve sull’articolo 6, quel­lo riguar­dan­te la rego­la­zio­ne glo­ba­le del mer­ca­to del car­bo­nio. Il nodo più dif­fi­ci­le da scio­glie­re — cer­to — ma anche uno di quel­li deci­si­vi. Di fron­te all’emergenza, nes­su­no — se non i lea­der dei pae­si già espo­sti agli effet­ti del­la cri­si — ha mostra­to un impe­gno a ridur­re le emis­sio­ni, fin­gen­do di igno­ra­re gli effet­ti di riman­da­re le deci­sio­ni alla pros­si­ma Cop.

Rima­ne, come dato posi­ti­vo, l’impegno dell’Unione Euro­pea per la ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni, e per il rag­giun­gi­men­to del­la “car­bon neu­tra­li­ty” entro il 2050. Un pia­no ambi­zio­so, con un fon­do da 100 miliar­di da desti­na­re alle regio­ni e ai set­to­ri più vul­ne­ra­bi­li per favo­ri­re la ricon­ver­sio­ne ener­ge­ti­ca di tut­ta l’industria euro­pea e oltre 50 azio­ni da rea­liz­za­re entro il 2050: un pia­no su cui biso­gne­rà comun­que vigi­la­re atten­ta­men­te per­ché ven­ga attua­to, a cau­sa del­le resi­sten­ze di alcu­ni gover­ni europei.

Rima­ne, alla fine di que­sta COP25, soprat­tut­to una sen­sa­zio­ne: quel­la che le atti­vi­ste e gli atti­vi­sti che ogni set­ti­ma­na ormai da più di anno chie­do­no azio­ni con­cre­te con­tro l’emergenza cli­ma­ti­ca sia­no più lun­gi­mi­ran­ti di chi dovreb­be rap­pre­sen­tar­ci, loro e noi tutti. 

E che una rivo­lu­zio­ne eco­lo­gi­sta non sarà dav­ve­ro pos­si­bi­le se le trat­ta­ti­ve con­ti­nue­ran­no a esse­re affos­sa­te dagli inte­res­si dei pote­ri fos­si­li e da quel­li — di bre­ve ter­mi­ne — di alcu­ni sta­ti nazio­na­li, non inten­zio­na­ti a ridur­re le emis­sio­ni nono­stan­te una minac­cia ogni gior­no più visibile.

Intan­to, il rischio di “esse­re ricor­da­ti come la gene­ra­zio­ne che ha nasco­sto la testa sot­to la sab­bia, che ha tem­po­reg­gia­to men­tre il pia­ne­ta anda­va a fuo­co” - come dice­va Guter­res nel suo discor­so di aper­tu­ra - è sem­pre più concreto.

Intan­to, il tem­po con­ti­nua a passare.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.