La #campagnacover: il making of

Schermata 2013-11-23 alle 14.30.13C’è una sto­ria diver­ten­te, a pro­po­si­to del­la nasci­ta del logo del PD, e ha a che fare col fat­to che i colo­ri — il ros­so e il ver­de — furo­no sot­to­po­sti a vota­zio­ne, ma il bian­co di sfon­do non ven­ne con­cor­da­to, e creò qual­che bor­bot­tio quan­do ven­ne rive­la­to al pub­bli­co nel­la com­po­si­zio­ne gra­fi­ca che cono­scia­mo. Vie­ne da chie­der­si qua­le altro colo­re si sareb­be potu­to usa­re, ma a par­te i richia­mi evi­den­ti alla ban­die­ra ita­lia­na, men­tre ros­so e ver­de veni­va­no con­si­de­ra­ti colo­ri comun­que “di sini­stra”, c’e­ra qual­cu­no secon­do cui il bian­co avreb­be richia­ma­to un po’ trop­po la famo­sa bale­na del­lo stes­so colo­re. Un dibat­ti­to che dice mol­to su quan­to si è spes­so discus­so del nul­la, in segui­to, nel PD, ma è pur vero che la costru­zio­ne di un logo, per un par­ti­to appe­na nato, non è cosa da niente.

Ma il logo del PD non è solo la tri­cro­mia bian­co-ros­so-ver­de: non sono pre­sen­ti rife­ri­men­ti alla fal­ce e mar­tel­lo, né allo scu­do cro­cia­to, a dir­la tut­ta nem­me­no a garo­fa­ni, rose, nes­sun peta­lo di mar­ghe­ri­ta e nes­su­na ghian­da di quer­cia, e nes­sun sole che ride a illu­mi­na­re il boschet­to. Quei sim­bo­li, pro­ve­nien­ti da epo­che diver­se, ave­va­no già tro­va­to una sin­te­si pre­ce­den­te, e quel­la sin­te­si era l’U­li­vo, la casa nuo­va in cui, dopo la fine del­la Secon­da Repub­bli­ca, ave­va­no tro­va­to rifu­gio tut­te le for­ze sane dei par­ti­ti che ave­va­no fon­da­to la Repub­bli­ca nel dopo­guer­ra e che si rico­no­sce­va­no nel­la Costi­tu­zio­ne (che det­ta così suo­na un po’ bru­ta­le, ma non sem­pre si è potu­to dire lo stes­so del cen­tro­de­stra, in que­sti ven­ti anni).

Il ramo­scel­lo d’u­li­vo pre­sen­te nel logo del PD è il rico­no­sci­men­to di quel­l’e­spe­rien­za, ed è rias­sun­ti­vo di tut­te quel­le che già com­pren­de­va: ed è curio­so che così di rado sia ricor­da­to, nei nostri dibat­ti­ti, e come mol­ti pre­fe­ri­sca­no fare richia­mi a un pas­sa­to mol­to più anti­co dimen­ti­can­do­si, for­se per cat­ti­va coscien­za, quel­lo recen­te. Come in ogni evo­lu­zio­ne, noi sia­mo qui e sia­mo così anche per la som­ma del­le espe­rien­ze che ci han­no pre­ce­du­to. E non è pas­sa­ti­smo, al con­tra­rio: solo aven­do tut­to que­sto ben pre­sen­te, e sapen­do sepa­ra­re il buo­no dal meno buo­no, e dal pes­si­mo, si può esse­re dav­ve­ro libe­ri di affron­ta­re la sfi­da del futuro.

Tut­to ciò per dire che que­st’an­no ne sono suc­ces­se, di cose, e che in trop­pi cer­ca­no di col­lo­ca­re que­sto con­gres­so fuo­ri dal tem­po e dal­lo spa­zio: negan­do la pos­si­bi­li­tà che si pos­sa par­la­re del gover­no, e quin­di negan­do la rifles­sio­ne su cosa ci ha por­ta­ti fin qui. Al gover­no del­le lar­ghe inte­se, pas­san­do per i 101 che affos­sa­ro­no Pro­di, e con lui tut­to un pro­get­to poli­ti­co che ci ave­va impe­gna­to di fron­te agli elet­to­ri e che non abbia­mo mai spie­ga­to fino in fondo.

Nel 1996, l’U­li­vo segnò la sto­ria del cen­tro­si­ni­stra ita­lia­no e vin­se le ele­zio­ni anche gra­zie a una cam­pa­gna vin­cen­te idea­ta da Rober­to Pari­si (copy), Rober­to Gari­bol­di (art direc­tor) e Nico­let­ta Ver­ga (account). Ema­nue­le Pirel­la era il pre­si­den­te di quel­l’a­gen­zia, e insom­ma, per capir­ci stia­mo par­lan­do dei gran­di miti del­l’ad­ver­ti­sing ita­lia­no. Per que­sto, quan­do qual­che set­ti­ma­na fa ci ha chia­ma­to pro­prio Rober­to Pari­si, per pro­por­ci di rimet­ter­si in squa­dra con Gari­bol­di e Ver­ga per rea­liz­za­re una cam­pa­gna cover, beh, ci è sem­bra­ta un’i­dea bel­lis­si­ma, diver­ten­te, e anche mol­to appro­pria­ta rispet­to alla stret­tis­si­ma cro­na­ca di que­sti giorni.

Per rea­liz­zar­la, sta­vol­ta, abbia­mo scel­to di fare un pas­so fuo­ri dal­la rete, dove si è svol­ta gran par­te del­la comu­ni­ca­zio­ne di que­sta cam­pa­gna, e di com­pra­re le affis­sio­ni vere e pro­prie. Di far­lo a Bolo­gna, cit­tà uli­vi­sta (e pro­dia­na) per eccel­len­za, e di fare pro­prio lì, il 1° dicem­bre, una con­ven­tion un po’ diver­sa dal soli­to, all’E­stra­gon, tem­pio del­la musi­ca live ita­lia­na, con con­cer­to fina­le rega­la­to alla cit­tà (dei Mar­ta sui Tubi). Abbia­mo pro­va­to a stuz­zi­ca­re la curio­si­tà del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca bolo­gne­se, sen­za voler stra­fa­re: 15 mani­fe­sti in tut­to. Pochi per una cit­tà così gran­de, ma lo sco­po era che fos­se nota­to alme­no uno, e ci sia­mo riusciti.

Anche piut­to­sto in fret­ta, per­ché poche ore dopo la pri­ma affis­sio­ne, dome­ni­ca scor­sa, il Resto del Car­li­no ave­va già pub­bli­ca­to un pri­mo arti­co­lo subi­to mol­to pre­ci­so nel attri­bui­re a Civa­ti l’i­ni­zia­ti­va. Cosa che ci ha fat­to mol­to pen­sa­re, per­ché evi­den­te­men­te c’è qual­co­sa nel­la sua can­di­da­tu­ra che richia­ma all’U­li­vo più che nel­le altre, sia det­to sen­za offe­sa per nes­su­no. Ma è rima­sta un’i­po­te­si, i gior­na­li han­no pre­so a inda­ga­re in altre dire­zio­ni ed è scat­ta­to il pas­sa­pa­ro­la, un po’ ovun­que, anche in rete, dove è sta­to diver­ten­te segui­re i com­men­ti di mili­tan­ti e diri­gen­ti del Pd imma­gi­na­re le ipo­te­si più fantasiose.

Schermata 2013-11-23 alle 14.09.53

Poi, dopo pochi gior­ni (sen­za tirar­lo per la giac­chet­ta, per­ché non è mai sta­ta que­sta l’in­ten­zio­ne), è arri­va­to il com­men­to diver­ti­to e incu­rio­si­to del Pro­fes­so­re, di Pro­di in per­so­na, ripre­so un po’ da tut­ti. La sod­di­sfa­zio­ne più gran­de, e il segna­le che pote­va­mo pas­sa­re alla fase due, quel­la dei nuo­vi mani­fe­sti (que­sta vol­ta rea­liz­za­ti dal nostro gra­fi­co in distac­ca­men­to da Bel­gra­do, Andrea Ghet­ti), quel­la del­la spie­ga­zio­ne, e del lan­cio del nostro even­to bolo­gne­se del 1° dicembre.

Costo tota­le del­le affis­sio­ni, 4.100 euro. Costi di agen­zia, zero: nel sen­so che Pari­si, Ver­ga e Gari­bol­di si son diver­ti­ti a riu­nir­si (e pec­ca­to per Pirel­la, che nel frat­tem­po è man­ca­to), a rico­strui­re con gli stes­si font e gli stes­si colo­ri mate­ria­li vec­chi di 17 anni che non esi­sto­no più ma che evi­den­te­men­te fun­zio­na­no anco­ra, come ci rac­con­te­ran­no loro stes­si in un pros­si­mo post.
Noi, banal­men­te, vole­va­mo ricor­da­re ai nostri elet­to­ri che quel ramo­scel­lo tra la P e la D nel logo del Par­ti­to Demo­cra­ti­co non è lì per caso, anche se spes­so ten­dia­mo a dimen­ti­car­ce­ne, e che con tut­ti i brut­ti pastic­ci capi­ta­ti que­st’an­no quel­lo è un buon pun­to da cui par­ti­re, se si vuo­le cam­bia­re tut­to e anda­re ver­so il futu­ro. Spe­ria­mo di esser­ci riu­sci­ti, alme­no un po’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.