La #campagnacover: il making of

Schermata 2013-11-23 alle 14.30.13C’è una sto­ria diver­ten­te, a pro­po­si­to del­la nasci­ta del logo del PD, e ha a che fare col fat­to che i colo­ri — il ros­so e il ver­de — furo­no sot­to­po­sti a vota­zio­ne, ma il bian­co di sfon­do non ven­ne con­cor­da­to, e creò qual­che bor­bot­tio quan­do ven­ne rive­la­to al pub­bli­co nel­la com­po­si­zio­ne gra­fi­ca che cono­scia­mo. Vie­ne da chie­der­si qua­le altro colo­re si sareb­be potu­to usa­re, ma a par­te i richia­mi evi­den­ti alla ban­die­ra ita­lia­na, men­tre ros­so e ver­de veni­va­no con­si­de­ra­ti colo­ri comun­que “di sini­stra”, c’e­ra qual­cu­no secon­do cui il bian­co avreb­be richia­ma­to un po’ trop­po la famo­sa bale­na del­lo stes­so colo­re. Un dibat­ti­to che dice mol­to su quan­to si è spes­so discus­so del nul­la, in segui­to, nel PD, ma è pur vero che la costru­zio­ne di un logo, per un par­ti­to appe­na nato, non è cosa da niente.

Ma il logo del PD non è solo la tri­cro­mia bian­co-ros­so-ver­de: non sono pre­sen­ti rife­ri­men­ti alla fal­ce e mar­tel­lo, né allo scu­do cro­cia­to, a dir­la tut­ta nem­me­no a garo­fa­ni, rose, nes­sun peta­lo di mar­ghe­ri­ta e nes­su­na ghian­da di quer­cia, e nes­sun sole che ride a illu­mi­na­re il boschet­to. Quei sim­bo­li, pro­ve­nien­ti da epo­che diver­se, ave­va­no già tro­va­to una sin­te­si pre­ce­den­te, e quel­la sin­te­si era l’U­li­vo, la casa nuo­va in cui, dopo la fine del­la Secon­da Repub­bli­ca, ave­va­no tro­va­to rifu­gio tut­te le for­ze sane dei par­ti­ti che ave­va­no fon­da­to la Repub­bli­ca nel dopo­guer­ra e che si rico­no­sce­va­no nel­la Costi­tu­zio­ne (che det­ta così suo­na un po’ bru­ta­le, ma non sem­pre si è potu­to dire lo stes­so del cen­tro­de­stra, in que­sti ven­ti anni).

Il ramo­scel­lo d’u­li­vo pre­sen­te nel logo del PD è il rico­no­sci­men­to di quel­l’e­spe­rien­za, ed è rias­sun­ti­vo di tut­te quel­le che già com­pren­de­va: ed è curio­so che così di rado sia ricor­da­to, nei nostri dibat­ti­ti, e come mol­ti pre­fe­ri­sca­no fare richia­mi a un pas­sa­to mol­to più anti­co dimen­ti­can­do­si, for­se per cat­ti­va coscien­za, quel­lo recen­te. Come in ogni evo­lu­zio­ne, noi sia­mo qui e sia­mo così anche per la som­ma del­le espe­rien­ze che ci han­no pre­ce­du­to. E non è pas­sa­ti­smo, al con­tra­rio: solo aven­do tut­to que­sto ben pre­sen­te, e sapen­do sepa­ra­re il buo­no dal meno buo­no, e dal pes­si­mo, si può esse­re dav­ve­ro libe­ri di affron­ta­re la sfi­da del futuro.

Tut­to ciò per dire che que­st’an­no ne sono suc­ces­se, di cose, e che in trop­pi cer­ca­no di col­lo­ca­re que­sto con­gres­so fuo­ri dal tem­po e dal­lo spa­zio: negan­do la pos­si­bi­li­tà che si pos­sa par­la­re del gover­no, e quin­di negan­do la rifles­sio­ne su cosa ci ha por­ta­ti fin qui. Al gover­no del­le lar­ghe inte­se, pas­san­do per i 101 che affos­sa­ro­no Pro­di, e con lui tut­to un pro­get­to poli­ti­co che ci ave­va impe­gna­to di fron­te agli elet­to­ri e che non abbia­mo mai spie­ga­to fino in fondo.

Nel 1996, l’U­li­vo segnò la sto­ria del cen­tro­si­ni­stra ita­lia­no e vin­se le ele­zio­ni anche gra­zie a una cam­pa­gna vin­cen­te idea­ta da Rober­to Pari­si (copy), Rober­to Gari­bol­di (art direc­tor) e Nico­let­ta Ver­ga (account). Ema­nue­le Pirel­la era il pre­si­den­te di quel­l’a­gen­zia, e insom­ma, per capir­ci stia­mo par­lan­do dei gran­di miti del­l’ad­ver­ti­sing ita­lia­no. Per que­sto, quan­do qual­che set­ti­ma­na fa ci ha chia­ma­to pro­prio Rober­to Pari­si, per pro­por­ci di rimet­ter­si in squa­dra con Gari­bol­di e Ver­ga per rea­liz­za­re una cam­pa­gna cover, beh, ci è sem­bra­ta un’i­dea bel­lis­si­ma, diver­ten­te, e anche mol­to appro­pria­ta rispet­to alla stret­tis­si­ma cro­na­ca di que­sti giorni.

Per rea­liz­zar­la, sta­vol­ta, abbia­mo scel­to di fare un pas­so fuo­ri dal­la rete, dove si è svol­ta gran par­te del­la comu­ni­ca­zio­ne di que­sta cam­pa­gna, e di com­pra­re le affis­sio­ni vere e pro­prie. Di far­lo a Bolo­gna, cit­tà uli­vi­sta (e pro­dia­na) per eccel­len­za, e di fare pro­prio lì, il 1° dicem­bre, una con­ven­tion un po’ diver­sa dal soli­to, all’E­stra­gon, tem­pio del­la musi­ca live ita­lia­na, con con­cer­to fina­le rega­la­to alla cit­tà (dei Mar­ta sui Tubi). Abbia­mo pro­va­to a stuz­zi­ca­re la curio­si­tà del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca bolo­gne­se, sen­za voler stra­fa­re: 15 mani­fe­sti in tut­to. Pochi per una cit­tà così gran­de, ma lo sco­po era che fos­se nota­to alme­no uno, e ci sia­mo riusciti.

Anche piut­to­sto in fret­ta, per­ché poche ore dopo la pri­ma affis­sio­ne, dome­ni­ca scor­sa, il Resto del Car­li­no ave­va già pub­bli­ca­to un pri­mo arti­co­lo subi­to mol­to pre­ci­so nel attri­bui­re a Civa­ti l’i­ni­zia­ti­va. Cosa che ci ha fat­to mol­to pen­sa­re, per­ché evi­den­te­men­te c’è qual­co­sa nel­la sua can­di­da­tu­ra che richia­ma all’U­li­vo più che nel­le altre, sia det­to sen­za offe­sa per nes­su­no. Ma è rima­sta un’i­po­te­si, i gior­na­li han­no pre­so a inda­ga­re in altre dire­zio­ni ed è scat­ta­to il pas­sa­pa­ro­la, un po’ ovun­que, anche in rete, dove è sta­to diver­ten­te segui­re i com­men­ti di mili­tan­ti e diri­gen­ti del Pd imma­gi­na­re le ipo­te­si più fantasiose.

Schermata 2013-11-23 alle 14.09.53

Poi, dopo pochi gior­ni (sen­za tirar­lo per la giac­chet­ta, per­ché non è mai sta­ta que­sta l’in­ten­zio­ne), è arri­va­to il com­men­to diver­ti­to e incu­rio­si­to del Pro­fes­so­re, di Pro­di in per­so­na, ripre­so un po’ da tut­ti. La sod­di­sfa­zio­ne più gran­de, e il segna­le che pote­va­mo pas­sa­re alla fase due, quel­la dei nuo­vi mani­fe­sti (que­sta vol­ta rea­liz­za­ti dal nostro gra­fi­co in distac­ca­men­to da Bel­gra­do, Andrea Ghet­ti), quel­la del­la spie­ga­zio­ne, e del lan­cio del nostro even­to bolo­gne­se del 1° dicembre.

Costo tota­le del­le affis­sio­ni, 4.100 euro. Costi di agen­zia, zero: nel sen­so che Pari­si, Ver­ga e Gari­bol­di si son diver­ti­ti a riu­nir­si (e pec­ca­to per Pirel­la, che nel frat­tem­po è man­ca­to), a rico­strui­re con gli stes­si font e gli stes­si colo­ri mate­ria­li vec­chi di 17 anni che non esi­sto­no più ma che evi­den­te­men­te fun­zio­na­no anco­ra, come ci rac­con­te­ran­no loro stes­si in un pros­si­mo post.
Noi, banal­men­te, vole­va­mo ricor­da­re ai nostri elet­to­ri che quel ramo­scel­lo tra la P e la D nel logo del Par­ti­to Demo­cra­ti­co non è lì per caso, anche se spes­so ten­dia­mo a dimen­ti­car­ce­ne, e che con tut­ti i brut­ti pastic­ci capi­ta­ti que­st’an­no quel­lo è un buon pun­to da cui par­ti­re, se si vuo­le cam­bia­re tut­to e anda­re ver­so il futu­ro. Spe­ria­mo di esser­ci riu­sci­ti, alme­no un po’.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.