Jobs act: oltre le mistifcazioni, i numeri sono negativi

Nei primi quattro mesi dell'anno il bilancio dei contratti stabili è negativo (-65 mila contratti). Le trasformazioni sono in costante calo da Febbraio: in media, rispetto al 2015, le trasformazioni dei contratti a termine e di apprendistato sono inferiori del 43% (-27.6% da inizio anno).

Qua­li sono le ten­den­ze in atto sul mer­ca­to del lavo­ro per quan­to riguar­da i con­trat­ti incen­ti­va­ti dal­la decon­tri­bu­zio­ne? Innan­zi­tut­to, occor­re sele­zio­na­re le infor­ma­zio­ni. Sta­bi­lia­mo alcu­ni cri­te­ri di meto­do: i nostri indi­ca­to­ri sono sem­pre le atti­va­zio­ni net­te (Nuo­ve atti­va­zio­ni di con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to meno le Ces­sa­zio­ni) e le tra­sfor­ma­zio­ni (da tene­re in con­si­de­ra­zio­ne ma che non costi­tui­sco­no una pro­xy cir­ca l’au­men­to del­l’oc­cu­pa­zio­ne, trat­tan­do­si di con­trat­ti già in essere).

Non si può cer­to dire che INPS e Gover­no (ed espo­nen­ti del PD) impie­ghi­no la mede­si­ma meto­do­lo­gia. Lo scri­vo per chia­rez­za: i nostri indi­ca­to­ri sono gli stes­si del­lo scor­so anno, non abbia­mo cam­bia­to rife­ri­men­ti. Ciò che fan­no altro­ve è un po’ diver­so. Vi ho già rac­con­ta­to la sto­ria del cher­ry pic­king? For­se sì, for­se mi ripe­te­rei.

Ma tor­nia­mo ai nume­ri. Che fine han­no fat­to le atti­va­zio­ni net­te? Potrei dir­vi che il report del­l’Os­ser­va­to­rio sul Pre­ca­ria­to del­l’INPS è miglio­ra­to nel cor­so del tem­po ed offre mol­te oppor­tu­ni­tà di ana­li­si. Per esem­pio, sono pre­sen­ti nume­ri mese per mese, e ciò ren­de più faci­le smen­ti­re la vul­ga­ta del­la cre­sci­ta costan­te e con­ti­nua dei posti di lavo­ro sta­bi­li.

Schermata 2016-07-07 alle 14.32.38

Nei pri­mi quat­tro mesi del­l’an­no, per que­sto indi­ca­to­re è pre­val­so sem­pre il segno meno: il bilan­cio dei con­trat­ti sta­bi­li è nega­ti­vo (-65 mila con­trat­ti). Le tra­sfor­ma­zio­ni sono in costan­te calo da Feb­bra­io: in media, rispet­to al 2015, le tra­sfor­ma­zio­ni dei con­trat­ti a ter­mi­ne e di appren­di­sta­to sono infe­rio­ri del 43% (-27.6% da ini­zio anno).

Schermata 2016-07-07 alle 14.32.50

Nel com­ples­so, i con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to (sia nuo­ve atti­va­zio­ni che tra­sfor­ma­zio­ni), che tut­to­ra usu­frui­sco­no degli sgra­vi con­tri­bu­ti­vi (ridot­ti al 40% mas­si­mo del mon­te con­tri­bu­ti­vo a cari­co del dato­re di lavo­ro), cre­sco­no di sole 73 mila uni­tà con­tro i 329 mila con­trat­ti del mede­si­mo perio­do del 2015; si trat­ta del­l’80% in meno rispet­to allo scor­so anno. Anda­men­to signi­fi­ca­ti­vo del fat­to che ai dato­ri di lavo­ro non inte­res­sa lo scon­ti­ci­no del­la decon­tri­bu­zio­ne (che inve­ce con­ti­nue­rà a pesa­re sul­le cas­se del­l’INPS, e quin­di del­lo Sta­to, per altri anni, alme­no sino al 2019).

Schermata 2016-07-07 alle 14.32.57

Infat­ti, solo 142 mila con­trat­ti usu­frui­sco­no del­l’e­so­ne­ro (tab. 13 Osser­va­to­rio sul Pre­ca­ria­to, Gen-Apr. ’16), pari al 25% del­la som­ma di Atti­va­zio­ni Lor­de e del­le Tra­sfor­ma­zio­ni (ovve­ro del­la pla­tea poten­zia­le dei con­trat­ti che potreb­be­ro ave­re acces­so all’in­cen­ti­vo). Lo scor­so anno l’in­ci­den­za era del 55%-60%.

Schermata 2016-07-07 alle 14.32.38

Cos’al­tro potrem­mo aggiun­ge­re alla fred­da evi­den­za di que­sti nume­ri? Potrem­mo cer­to risa­li­re a quan­do le cose anda­va­no peg­gio, ma for­se sarem­mo un po’ disonesti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.