Questo è l’orrore

La storia di Emmanuel, scampato alle violenze di Boko Haram e della Terra di nessuno libica, morto ammazzato in una strada di una piccola città del centro Italia, vittima dell’indifferenza, del razzismo da bar, dei luoghi comuni che accecano e tracimano. Questo è l’orrore.
Emmanuel_Morto_Fermo_Immigrazione

L’orrore pas­sa sem­pre per l’apparente sta­to di quie­te in cui si svol­go­no i fat­ti. Un pome­rig­gio di ini­zio luglio nel pla­ci­do cen­tro sto­ri­co di Fer­mo, pro­fon­da pro­vin­cia ita­lia­na. Emma­nuel e Chi­mia­ry, rifu­gia­ti nige­ria­ni, ospi­ti del pro­get­to gesti­to dal­la Fon­da­zio­ne Cari­tas in veri­ta­te di don Vini­cio Alba­ne­si, pas­seg­gia­no nei pres­si del cen­tro sto­ri­co. Sono le 14.30, c’è poca gen­te in giro. I due gio­va­ni sono pro­mes­si spo­si in atte­sa di docu­men­ti e di matri­mo­nio, e sono feli­ci. Per­ché qui han­no tro­va­to la pace dopo anni dif­fi­ci­li in fuga da guer­re e violenza.

Anni di fuga inter­rot­ti bru­sca­men­te pro­prio qui, a Fer­mo, da due loro coe­ta­nei, ozio­sa­men­te sedu­ti su una pan­chi­na. Uno di loro è un noto (alle for­ze dell’ordine) tifo­so del­la squa­dra loca­le, con quat­tro anni di Daspo sul­le spal­le. Insie­me al suo soda­le veden­do pas­sa­re i due spo­si­ni irri­do­no la don­na, la chia­ma­no “scim­mia”. Emma­nuel non ci sta, e come potreb­be far­la pas­sa­re sot­to silen­zio un’offesa così gra­tui­ta alla sua com­pa­gna? Chie­de spie­ga­zio­ni, vola­no paro­le gros­se e minac­ce, fino all’aggressione. I due fer­ma­ni pren­do­no in con­se­gna sia Emma­nuel che Chi­mia­ry. Lei se la cava con qual­che col­po gua­ri­bi­le in cin­que gior­ni. Il nige­ria­no, sfug­gi­to alle vio­len­ze di Boko Haram no. Col­pi­to alla nuca con un palo del­la segna­le­ti­ca stra­da­le, cade e rice­ve la sua dose di bot­te anche a ter­ra. Resta lì, esa­ni­me. Accan­to a lui Chi­mia­ry, che pre­sto sareb­be sta­ta sua spo­sa. Immobile.

“Era­no a un pas­so dai docu­men­ti” dice, ama­ro, l’avvocato Astor­ri che con­ti­nue­rà a lot­ta­re per quel­la ragaz­za, “che ha supe­ra­to vio­len­ze incre­di­bi­li duran­te il pas­sag­gio in Libia, per­den­do anche un figlio”.

Emma­nuel è dece­du­to dopo alcu­ne ore in ospe­da­le. Scam­pa­to alle vio­len­ze di Boko Haram e del­la Ter­ra di nes­su­no libi­ca, è mor­to ammaz­za­to in una stra­da di una pic­co­la cit­tà del cen­tro Ita­lia, vit­ti­ma dell’indifferenza, del raz­zi­smo da bar, dei luo­ghi comu­ni che acce­ca­no e tra­ci­ma­no. Que­sto è l’orrore.

“Con­ti­nuo a guar­da­re que­sta foto da sta­mat­ti­na, quel sor­ri­so buo­no e gli occhi sere­ni e sod­di­sfat­ti di chi, nono­stan­te tut­to, ce l’ha fat­ta a sfug­gi­re alla vio­len­za e alla mor­te”, scri­ve su Face­book  Bea­tri­ce Bri­gno­ne, depu­ta­ta di Pos­si­bi­le. “Pro­vo dolo­re e ver­go­gna e non ho nean­che le paro­le per dire quan­to”, conclude.

“La mor­te di Emma­nuel ci lascia sgo­men­ti”, si leg­ge nel­la nota dal Comi­ta­to di Pos­si­bi­le Athe­na di Por­to San Gior­gio. “Vor­rem­mo osser­va­re un rispet­to­so e umi­le silen­zio davan­ti all’uccisione di un uomo vit­ti­ma di una vio­len­za così effe­ra­ta e gra­tui­ta, e per que­sto anco­ra più orri­bi­le. Inve­ce dob­bia­mo far­ci for­za, per espri­me­re la più con­vin­ta e cal­da vici­nan­za a Chi­mia­ry. E fac­cia­mo appel­lo alle cit­ta­di­ne e ai cit­ta­di­ni di Fer­mo e del Fer­ma­no, e alle asso­cia­zio­ni del ter­ri­to­rio, per­ché sia­no fer­mi e uni­ti con­tro la vio­len­za, l’indifferenza e con­tro ogni tipo di discri­mi­na­zio­ne. Era­no due gio­va­ni, fug­gi­ti dal ter­ro­re e dal­la vio­len­za di Boko Haram. Ne han­no tro­va­ta un’altra anco­ra più assur­da, che chia­ma in cau­sa le nostre coscienze”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.