In Italia manca l’uguaglianza

L'Italia è il paese dell'immobilità sociale, ci racconta il rapporto Censis 2016. E lo è secondo una doppia frattura, che riguarda sia le condizioni socio-economiche che la condizione anagrafica, come fotografato da dati assolutamente impressionanti.

L’I­ta­lia è il pae­se del­l’immo­bi­li­tà socia­le, ci rac­con­ta il rap­por­to Cen­sis 2016. E lo è secon­do una dop­pia frat­tu­ra, che riguar­da sia le con­di­zio­ni socio-eco­no­mi­che che la con­di­zio­ne ana­gra­fi­ca, come foto­gra­fa­to da un dato asso­lu­ta­men­te impres­sio­nan­te: «l’im­mo­bi­li­tà socia­le gene­ra insi­cu­rez­za, che spie­ga l’in­cre­men­to dei flus­si di cash. Rispet­to al 2007, dal­l’i­ni­zio del­la cri­si gli ita­lia­ni han­no accu­mu­la­to liqui­di­tà aggiun­ti­va per 114,3 miliar­di di euro, un valo­re supe­rio­re al Pil di un Pae­se inte­ro come l’Un­ghe­ria», scri­ve il Censis.

Una ric­chez­za, per­ciò, che esi­ste, ma che è “col­lo­ca­ta” male, in manie­ra ini­qua, e che gene­ra ren­di­te del cui godi­men­to bene­fi­cia­no in pochi: «con una inci­den­za degli inve­sti­men­ti sul Pil pari al 16,6% nel 2015, l’I­ta­lia si col­lo­ca non solo a gran­de distan­za dal­la media euro­pea (19,5%), da Fran­cia (21,5%), Ger­ma­nia (19,9%), Spa­gna (19,7%) e Regno Uni­to (16,9%), ma è tor­na­ta ai livel­li mini­mi dal dopo­guer­ra. Emer­ge una Ita­lia ren­tier, che si limi­ta a uti­liz­za­re le risor­se di cui dispo­ne sen­za pro­ie­zio­ne sul futu­ro, con il rischio di sven­de­re pez­zo a pez­zo l’ar­gen­te­ria di fami­glia».

Sono que­sti i dati di un pae­se che rischia di fos­si­liz­zar­si, di non gode­re più dei bene­fi­ci egua­li­ta­ri che gene­ra la cre­sci­ta eco­no­mi­ca, e che ha per­ciò biso­gno di un dra­sti­co cam­bio di rot­ta nel­le poli­ti­che eco­no­mi­che e lavo­ra­ti­ve, per far in modo che il capi­ta­le tor­ni a esse­re ben­zi­na per il lavo­ro e quin­di per la mobi­li­tà socia­le. Non è un caso, appun­to, che sia­no i gio­va­ni a risen­tir­ne di più, schiac­cia­ti dal­la dupli­ce mor­sa degli scar­si inve­sti­men­ti e del­la fra­gi­li­tà socia­le e lavo­ra­ti­va. Sia suf­fi­cien­te pen­sa­re alla dimi­nu­zio­ne dei con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to nei pri­mi sei mesi del 2016 (21,3%, con­tro 32,4% del 2015) e al “boom” dei vou­cher: «277 milio­ni di con­trat­ti sti­pu­la­ti tra il 2008 e il 2015 (1.380.000 lavo­ra­to­ri coin­vol­ti, con una media di 83 con­trat­ti per per­so­na nel 2015)», dei qua­li ben «70 milio­ni […] emes­si nei pri­mi sei mesi del 2016».

Secon­do il Cen­sis è que­sto «il segna­le che la for­te doman­da di fles­si­bi­li­tà e l’ab­bat­ti­men­to dei costi stan­no ali­men­tan­do l’a­rea del­le pro­fes­sio­ni non qua­li­fi­ca­te e del mer­ca­to dei “lavo­ret­ti”», ai qua­li si asso­cia — come pre­ve­di­bi­le — una bas­sis­si­ma pro­dut­ti­vi­tà: «i nuo­vi occu­pa­ti dal­l’i­ni­zio del 2015 sono asso­cia­ti a una pro­du­zio­ne di ric­chez­za di soli 9.100 euro pro-capi­te. La pro­dut­ti­vi­tà si è ridot­ta da 16.949 euro per occu­pa­to (I tri­me­stre 2015) a 16.812 euro (II tri­me­stre 2016). Se la pro­dut­ti­vi­tà fos­se rima­sta costan­te, nel­l’ul­ti­mo anno e mez­zo il Pil sareb­be cre­sciu­to com­ples­si­va­men­te dell’1,8% e non solo del­lo 0,9% come inve­ce abbia­mo registrato».

Si trat­ta di (non) cam­bia­men­ti che ave­va­mo già regi­stra­to e che ci han­no spin­to, nel­le scor­se set­ti­ma­ne, a inter­ve­ni­re con nume­ro­si emen­da­men­ti sul­la leg­ge di Bilan­cio, oltre che ad avan­za­re una pro­po­sta com­ples­si­va (e strut­tu­ra­le: basta bonus a piog­gia!) tut­ta vota­ta all’u­gua­glian­za: die­ci sem­pli­ci pun­ti, tut­ti con le rela­ti­ve coper­tu­re, per pas­sa­re dal­la ren­di­ta ai red­di­ti, alla tute­la del lavo­ro pre­ca­rio e alla lot­ta alla povertà.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.