Inseguire Salvini nel Far West

In Commissione Giustizia alla Camera si rischia di realizzare i sogni dei novelli John Wayne, dalla Lega a Fratelli d'Italia. Ma l'iniziativa è del responsabile Giustizia del Partito Democratico, David Ermini, avvocato penalista.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1492587895136{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Ogni vol­ta che la cro­na­ca pone l’opinione pub­bli­ca di fron­te a gra­vi rea­ti com­mes­si nell’ambito del­la pro­prie­tà pri­va­ta, qua­le che ne sia il dram­ma­ti­co esi­to, cioè la mor­te di un eser­cen­te come acca­du­to a Budrio oppu­re quel­la dell’aggressore come a Lodi, si riac­cen­de il dibat­ti­to sul­le modi­fi­che al codi­ce pena­le rela­ti­ve alla legit­ti­ma difesa.

E pur­trop­po emer­ge il ten­ta­ti­vo, pro­ve­nien­te da più par­ti, di sna­tu­ra­re una del­le nor­me più equi­li­bra­te con­te­nu­te nel nostro ordi­na­men­to, già modi­fi­ca­ta nel 2006:

Non è puni­bi­le chi ha com­mes­so il fat­to per esser­vi sta­to costret­to dal­la neces­si­tà di difen­de­re un dirit­to pro­prio od altrui con­tro il peri­co­lo attua­le di un’offe­sa ingiu­sta, sem­pre che la dife­sa sia pro­por­zio­na­ta all’of­fe­sa. Nei casi pre­vi­sti dal­l’ar­ti­co­lo 614, pri­mo e secon­do com­ma, sus­si­ste il rap­por­to di pro­por­zio­ne di cui al pri­mo com­ma del pre­sen­te arti­co­lo se talu­no legit­ti­ma­men­te pre­sen­te in uno dei luo­ghi ivi indi­ca­ti usa un’ar­ma legit­ti­ma­men­te dete­nu­ta o altro mez­zo ido­neo al fine di difendere:

a) la pro­pria o la altrui incolumità:

b) i beni pro­pri o altrui, quan­do non vi è desi­sten­za e vi è peri­co­lo d’aggressione.

La dispo­si­zio­ne di cui al secon­do com­ma si appli­ca anche nel caso in cui il fat­to sia avve­nu­to all’in­ter­no di ogni altro luo­go ove ven­ga eser­ci­ta­ta un’at­ti­vi­tà com­mer­cia­le, pro­fes­sio­na­le o imprenditoriale.”

La tesi leghi­sta e del­la destra in gene­ra­le è nota. Ognu­no in casa pro­pria deve ave­re il dirit­to di spa­ra­re a chiun­que entri sen­za per­mes­so o con­tro la pro­pria volon­tà, indi­pen­den­te­men­te dal­le cir­co­stan­ze. Quin­di, indi­pen­den­te­men­te dal fat­to che chi entra abbia cat­ti­ve inten­zio­ni, oppu­re le abbia ma non sia noto qua­li sia­no, e se sia o meno armato.

Sal­vi­ni andrà sul pal­co a Vero­na il 25 apri­le a urla­re che “la dife­sa è sem­pre legit­ti­ma”, che è una scioc­chez­za giu­ri­di­ca che non vuol dire nul­la, se non nel Far West, dove ci vor­reb­be por­ta­re. La pro­pa­gan­da leghi­sta pro­po­ne l’assoluta impu­ni­tà di chi spa­ra, e rap­pre­sen­ta ovvia­men­te un incen­ti­vo a risol­ve­re auto­no­ma­men­te e discre­zio­nal­men­te ogni vio­la­zio­ne di leg­ge nell’ambito del­la pro­prie­tà pri­va­ta, e si è cri­stal­liz­za­ta in una pro­po­sta di leg­ge (rela­to­re Mol­te­ni) che sta­tui­va una pre­sun­zio­ne di licei­tà del com­por­ta­men­to nel­le cir­co­stan­ze deter­mi­na­te dal­la nor­ma stessa.

La nor­ma attua­le, come è noto, pre­ve­de che la dife­sa sia legit­ti­ma solo quan­do la rea­zio­ne sia pro­por­zio­na­ta all’offesa, e ciò anche in sen­so puta­ti­vo, cioè quan­do l’agente sia ragio­ne­vol­men­te con­vin­to di esse­re costret­to a difen­de­re la pro­pria o l’altrui inco­lu­mi­tà, ma anche beni mate­ria­li pro­pri in assen­za di desi­sten­za, e quan­do vi sia (o cre­da ragio­ne­vol­men­te vi sia) peri­co­lo di aggressione.

In sostan­za, il nostro ordi­na­men­to, con­tra­ria­men­te alla pro­pa­gan­da popu­li­sta e nono­stan­te le modi­fi­che legi­sla­ti­ve del 2006 pro­ve­nien­ti da destra, che inci­do­no sul­la “pro­por­zio­ne”, rima­ne fer­mo, gra­zie alla giu­ri­spru­den­za del­la Cor­te di Cas­sa­zio­ne, nel rite­ne­re che la sem­pli­ce pre­sen­za di un estra­neo non giu­sti­fi­chi la sua ucci­sio­ne e che deb­ba­no in ogni caso deter­mi­nar­si altre cir­co­stan­ze che esclu­da­no la puni­bi­li­tà dell’agente (il peri­co­lo attua­le, l’of­fe­sa ingiu­sta e la neces­si­tà-ine­vi­ta­bi­li­tà del­la rea­zio­ne difen­si­va a mez­zo del­le armi).

La ragio­ne­vo­le con­vin­zio­ne di esse­re legit­ti­ma­to a difen­der­si vie­ne pale­se­men­te meno quan­do l’estraneo sia in fuga e ven­ga col­pi­to alle spal­le oppu­re emer­ga con asso­lu­ta cer­tez­za che non sia arma­to o in gra­do di offen­de­re e che chi ha spa­ra­to ne sia con­sa­pe­vo­le, come ha con­fer­ma­to sem­pre la Supre­ma Corte.

In que­sto con­te­sto, la Com­mis­sio­ne Giu­sti­zia del­la Came­ra ha di fat­to mes­so in sof­fit­ta la pro­po­sta leghi­sta votan­do un emen­da­men­to che andreb­be a modi­fi­ca­re l’art. 59 del codi­ce pena­le (Cir­co­stan­ze del rea­to) in modo tale che sareb­be sem­pre esclu­sa la col­pa del­la per­so­na legit­ti­ma­men­te pre­sen­te nel domi­ci­lio che usa un’ar­ma legit­ti­ma­men­te dete­nu­ta con­tro l’ag­gres­so­re, ove sus­si­sta la simul­ta­nea pre­sen­za di due con­di­zio­ni:

  • se l’er­ro­re rife­ri­to alla situa­zio­ne di peri­co­lo e ai limi­ti impo­sti sia con­se­guen­za di un gra­ve tur­ba­men­to psichico;
  • se det­to erro­re sia cau­sa­to, volon­ta­ria­men­te o col­po­sa­men­te, dal­la per­so­na con­tro cui è diret­to il fatto.

Ora, non è neces­sa­rio esse­re giu­ri­sti di fama, o for­se nep­pu­re giu­ri­sti, per com­pren­de­re che con l’approvazione di que­sto emen­da­men­to si ver­reb­be di fat­to ad avve­ra­re la pro­pa­gan­da leghi­sta, in modo più effi­ca­ce che con una sem­pli­ce pre­sun­zio­ne di licei­tà, cioè con l’eliminazione in radi­ce del rea­to di ecces­so col­po­so di legit­ti­ma dife­sa (art. 55 codi­ce penale).

Come potreb­be un giu­di­ce nega­re che la mera pre­sen­za in ambi­to domi­ci­lia­re di un estra­neo pos­sa deter­mi­na­re tur­ba­men­to psi­chi­co e che que­sto tur­ba­men­to sia ricon­du­ci­bi­le alme­no col­po­sa­men­te all’estraneo?

Solo che in que­sta ipo­te­si teo­ri­ca, oltre al padre o alla madre di fami­glia sve­glia­ti dal rumo­re not­tur­no, ritro­via­mo il posti­no che col­po­sa­men­te non abbia suo­na­to il cam­pa­nel­lo e sia entra­to nel via­let­to per lascia­re un pac­co o la vici­na che in pos­ses­so del­le chia­vi di casa pen­si che non ci sia nes­su­no ed entri per lascia­re una tor­ta (la mia lo fa). Per­si­no un figlio che si dimen­ti­chi le chia­vi ed entri di not­te dal­la fine­stra sen­za suonare.

Alcun appun­to potreb­be esse­re rivol­to a chi spa­ra a que­ste per­so­ne e nep­pu­re al ladro disar­ma­to in fuga, per­ché trat­tan­do­si di una sostan­zia­le esi­men­te, le con­di­zio­ni pre­vi­ste dall’art. 52 non avreb­be­ro più alcu­na rile­van­za in pre­sen­za di quel­le dell’art. 59 modi­fi­ca­to, né sareb­be in alcun modo appli­ca­bi­le l’art. 55 (ecces­so col­po­so) con rife­ri­men­to all’art. 52.

L’unica valu­ta­zio­ne rima­sta al Giu­di­can­te riguar­de­reb­be la gra­vi­tà del tur­ba­men­to. Ma come si fa a valu­ta­re quan­ti­ta­ti­va­men­te un tur­ba­men­to psi­chi­co, che per defi­ni­zio­ne è soggettivo?

E’ evi­den­te a tut­ti che la sem­pli­ce enun­cia­zio­ne del tur­ba­men­to (for­se sal­vo casi ecla­tan­ti e mar­gi­na­lis­si­mi che tut­ta­via al momen­to non mi ven­go­no in men­te) deter­mi­ne­reb­be “sem­pre” l’esclusione del­la respon­sa­bi­li­tà per col­pa, anche se si spa­ra al ladro disar­ma­to in fuga.

Altra con­se­guen­za, il para­dos­so secon­do il qua­le nel­la dife­sa domi­ci­lia­re la col­pa ces­sa di ave­re cit­ta­di­nan­za, dive­nen­do il dolo l’unico cri­te­rio di impu­ta­zio­ne sog­get­ti­va dell’evento. Cioè a dire, il pub­bli­co mini­ste­ro per per­se­gui­re l’agente dovrà (solo…) dimo­stra­re che l’ha fat­to apposta.

E’ una clau­so­la che trae ali­men­to dal­le para­no­ie pub­bli­che e fini­sce col ridur­re in manie­ra dra­sti­ca la sicu­rez­za col­let­ti­va. Que­sta nor­ma non cam­bie­rà nul­la nel caso in cui l’aggressione sia effet­ti­va. Nul­la cam­bie­rà per il malin­ten­zio­na­to, rispet­to al qua­le la rea­zio­ne spro­por­zio­na­ta è già oggi legit­ti­ma­ta dall’ordinamento. Tut­to cam­bie­rà inve­ce per la vici­na di casa, per il posti­no o per il figlio, cioè per chi sarà col­pi­to per sba­glio. La moglie del posti­no, il mari­to del­la vici­na, la sorel­la di chi rien­tra tar­di: nes­su­no sarà più nel­le con­di­zio­ni di chie­de­re giu­sti­zia. Baste­rà che il PM accer­ti che chi ha spa­ra­to era gra­ve­men­te tur­ba­to (for­mu­la giu­ri­di­ca­men­te muta) e che la vit­ti­ma è sta­ta impru­den­te: l’archiviazione sarà cosa fatta.

Ora, se que­sto emen­da­men­to pro­ve­nis­se dal­la Lega o da Fra­tel­li d’Italia non sarei a mia vol­ta tur­ba­to più di tan­to, per­ché sareb­be sem­pli­ce inqua­dra­re poli­ti­ca­men­te l’iniziativa. Inve­ce lo sono, e mol­to, per­ché arri­va dal respon­sa­bi­le Giu­sti­zia del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, David Ermi­ni, avvo­ca­to pena­li­sta.

I tem­pi ahi­noi sono cam­bia­ti dal 2006, quan­do l’allora segre­ta­rio dei DS Pie­ro Fas­si­no, alla luce del­le modi­fi­che volu­te dal­la destra, mol­to meno gra­vi di que­ste per­ché la for­mu­la­zio­ne era supe­ra­bi­le dall’interpretazione giu­ri­spru­den­zia­le, dichia­ra­va: “Non è imi­tan­do John Way­ne che gli ita­lia­ni saran­no più sicu­ri, anzi. Temo al con­tra­rio che anche i delin­quen­ti saran­no di con­se­guen­za più peri­co­lo­si. Una cosa è cer­ta, se vin­ce­re­mo le ele­zio­ni cam­bie­re­mo la legge”.

Già rin­cor­ren­do le pul­sio­ni di ven­det­ta del “popo­lo” si sono sta­tui­te pene pesan­tis­si­me per rea­ti col­po­si lega­ti alla cir­co­la­zio­ne stra­da­le, in cer­ti casi più afflit­ti­ve che per le mede­si­me fat­ti­spe­cie dolo­se, in sen­so para­dos­sal­men­te con­tra­rio a que­sto rea­to, dove inve­ce si esclu­de l’ipotesi colposa.

Già i demo­cra­ti­ci mini­stri Min­ni­ti e Orlan­do (casual­men­te ex respon­sa­bi­le giu­sti­zia del PD) han­no dato pro­va di gran­de impe­gno nel ragio­na­re su immi­gra­zio­ne e deco­ro urba­no con gli sche­mi men­ta­li del­la destra, sem­pre ane­lan­do al con­sen­so giustizialista.

Ora assi­stia­mo all’inseguimento “demo­cra­ti­co” di uno dei più noti caval­li di bat­ta­glia (let­te­ral­men­te un ever­green) del novel­lo John Way­ne (il figlio for­se?), il cow­boy de noan­tri Mat­teo Sal­vi­ni, per dir­la come Fas­si­no quan­do anco­ra non era ren­zia­no (inve­ce di cam­bia­re la leg­ge, come pro­met­te­va, è cam­bia­to lui).

E il pro­ble­ma degli inse­gui­men­ti è che se si pren­de velo­ci­tà poi si fa fati­ca a ral­len­ta­re, si rag­giun­ge l’inseguito e maga­ri toc­ca anche supe­rar­lo (a destra).

Solo che dopo diven­ta dif­fi­ci­le, per l’elettore, distin­gue­re le pro­po­ste poli­ti­che dell’inseguito e dell’inseguitore.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.