Il futuro dell’esame di maturità sarà l’ennesima riforma a costo zero?

Non si può insomma sfuggire al sospetto che l’eventuale scomparsa delle prove scritte si configurerebbe come l’ennesima riforma a costo zero, alla ricerca di qualche facile consenso politico presso una parte della popolazione studentesca e delle famiglie, evitando di impegnarsi in un ben più profondo e proficuo processo di innovazione nella scuola, che comporterebbe invece cospicui investimenti, non solo dal punto di vista strettamente finanziario, ma anche in termini di intelligenza e creatività progettuale.

di Mar­co Chiauzza

Per il Comi­ta­to Scuo­la di Possibile

Recen­te­men­te un comi­ta­to stu­den­te­sco ha pro­po­sto di eli­mi­na­re anche per quest’anno le pro­ve scrit­te dall’Esame di sta­to con­clu­si­vo del secon­do ciclo di istru­zio­ne; e da par­te sua il Mini­stro Bian­chi è sem­bra­to sim­pa­tiz­za­re per tale solu­zio­ne, peral­tro da lui stes­so già pre­ce­den­te­men­te ven­ti­la­ta. Ora il Mini­stro pren­de tem­po, riman­dan­do ai pros­si­mi mesi qual­sia­si deci­sio­ne defi­ni­ti­va in meri­to. Nell’attesa di indi­ca­zio­ni – che si spe­ra arri­vi­no in tem­po uti­le per ade­gua­re il lavo­ro di stu­den­ti e docen­ti alle moda­li­tà dell’esame — è tut­ta­via oppor­tu­no avan­za­re sin d’ora qual­che considerazione. 

Se l’obiettivo del­la pro­po­sta è quel­lo di atte­nua­re lo stress e l’ansia degli stu­den­ti al ter­mi­ne di un anno anco­ra dif­fi­ci­le per gli stra­sci­chi del­la pan­de­mia, essa potreb­be pure esse­re pre­sa in con­si­de­ra­zio­ne, anche se meri­ta rile­va­re che – ad oggi – l’anno sco­la­sti­co si sta svol­gen­do in modo sostan­zial­men­te rego­la­re, sen­za che sia­no pre­vi­ste sospen­sio­ni gene­ra­liz­za­te del­la didat­ti­ca in pre­sen­za; per cui un rego­la­re Esa­me di Sta­to con i due scrit­ti – come pre­vi­sto dal­la nor­ma­ti­va – sareb­be un impor­tan­te segna­le in vista del tan­to ago­gna­to – a vol­te non sen­za qual­che pun­ta reto­ri­ca — ritor­no alla normalità. 

Ben più gra­ve sareb­be però se l’intenzione anco­ra non del tut­to espli­ci­ta­ta del Mini­stro fos­se quel­la di ridur­re defi­ni­ti­va­men­te l’esame ad un col­lo­quio gene­ri­co e poco con­clu­den­te. Un’ipotesi di tal gene­re si con­fi­gu­re­reb­be infat­ti come un fin trop­po faci­le ammic­ca­men­to all’umanamente com­pren­si­bi­le aspi­ra­zio­ne di una par­te degli stu­den­ti ad una faci­li­ta­zio­ne e bana­liz­za­zio­ne del momen­to con­clu­si­vo del loro per­cor­so sco­la­sti­co. L’ansia e lo stress degli stu­den­ti si ridu­co­no favo­ren­do lo svi­lup­po di moda­li­tà di inse­gna­men­to e appren­di­men­to più coin­vol­gen­ti e crea­ti­ve – e non sem­pli­ci­sti­ca­men­te più faci­li – nel­la con­vin­zio­ne che fac­cia par­te del per­cor­so for­ma­ti­vo di ognu­no anche l’acquisizione del­la capa­ci­tà di risol­ve­re pro­ble­mi e di affron­ta­re gli ostacoli. 

Negli ulti­mi decen­ni in Ita­lia si è assi­sti­to ad una costan­te dimi­nu­zio­ne del­la com­pe­ten­za lin­gui­sti­ca degli stu­den­ti, cioè del­la com­pe­ten­za fon­da­men­ta­le per qual­sia­si pro­ces­so edu­ca­ti­vo. Per fer­ma­re tale degra­do cul­tu­ra­le non ci si può cer­to limi­ta­re alla ripro­po­si­zio­ne di meto­do­lo­gie e model­li didat­ti­ci ormai supe­ra­ti, ma nep­pu­re pen­sa­re di eli­mi­na­re dall’Esame di Sta­to le pro­ve scrit­te di ita­lia­no e del­le mate­rie carat­te­riz­zan­ti i sin­go­li per­cor­si di stu­dio, solu­zio­ne che non fareb­be altro che aval­la­re il decli­no ed acce­le­ra­re una dram­ma­ti­ca cor­sa al ribas­so già da tem­po in atto. 

Non si può insom­ma sfug­gi­re al sospet­to che l’eventuale scom­par­sa del­le pro­ve scrit­te si con­fi­gu­re­reb­be come l’ennesima rifor­ma a costo zero, alla ricer­ca di qual­che faci­le con­sen­so poli­ti­co pres­so una par­te del­la popo­la­zio­ne stu­den­te­sca e del­le fami­glie, evi­tan­do di impe­gnar­si in un ben più pro­fon­do e pro­fi­cuo pro­ces­so di inno­va­zio­ne nel­la scuo­la, che com­por­te­reb­be inve­ce cospi­cui inve­sti­men­ti, non solo dal pun­to di vista stret­ta­men­te finan­zia­rio, ma anche in ter­mi­ni di intel­li­gen­za e crea­ti­vi­tà progettuale.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.