Il fattore K, nel senso di Kafka

Il partito non si lascia, o forse sì: basterebbe un po' di sincerità, verso se stessi, verso gli elettori, che magari lo hanno lasciato già.

Il par­ti­to non si lascia, anche se ha lascia­to te.

Il par­ti­to non si lascia, nem­me­no se fa il con­tra­rio di quan­to ave­va pro­mes­so — e fat­to fir­ma­re agli elet­to­ri — in cam­pa­gna elettorale.

Il par­ti­to non si lascia, nem­me­no se fa le cose che il par­ti­to ave­va con­te­sta­to aspra­men­te quan­do le face­va un altro partito.

Il par­ti­to non si lascia, anche se ti costrin­ge a vota­re — in aula e al refe­ren­dum — pes­si­me rifor­me che non condividi.

Il par­ti­to non si lascia, anche se fa il ple­bi­sci­to che a te non pia­ce per niente.

Il par­ti­to non si lascia, nem­me­no a Roma, dove com­mis­sa­rio e nota­io sono le due nuo­ve figu­re poli­ti­che, che sosti­tui­sco­no un sin­da­co elet­to dai cittadini.

Il par­ti­to non si lascia, anche se ha distrut­to il cen­tro­si­ni­stra, dan­do la col­pa agli altri (a chi, non si capi­sce, visto che deci­de uno solo, con il suo grup­po di amici).

Il par­ti­to non si lascia, nem­me­no se il segre­ta­rio asso­lu­to ti «asfal­ta» e ti ridu­ce a un non sen­so politico.

Il par­ti­to non si lascia, anche se ha già fat­to pat­ti e accor­di che dichia­ri irri­ce­vi­bi­li.

Il par­ti­to non si lascia, per­ché non con­vie­ne.

Il par­ti­to non si lascia, per­ché non si sa mai.

Il par­ti­to non si lascia, per­ché poi maga­ri cade un gover­no che ha fat­to una non-rifor­ma elet­to­ra­le tipo Por­cel­lum, ha attac­ca­to dirit­ti rite­nu­ti fon­da­men­ta­li, ha per­so con­sen­so tra gli inse­gnan­ti, non ha siste­ma­to i pen­sio­na­ti, ha fat­to cose con­tra­rie al buon sen­so (tipo ele­va­re il livel­lo del con­tan­te e tol­to la tas­sa sul­la casa dei bene­stan­ti, sen­za ave­re vere coper­tu­re per far­lo, oltre­tut­to), così il gover­no va avan­ti a fare lo stes­so tipo di cose.

Il par­ti­to non si lascia, per­ché non si lascia il par­ti­to.

Anche se è cam­bia­to, anche se gover­na con la destra, anche si allea con la destra, anche se inglo­ba la destra, anche se si tra­sfor­ma in destra.

Il par­ti­to non si lascia, o for­se sì: baste­reb­be un po’ di sin­ce­ri­tà, ver­so se stes­si, ver­so gli elet­to­ri, che maga­ri lo han­no lascia­to già.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.