Il costituzionalista in viaggio

Andrea Pertici, tra gli ispiratori delle proposte di riforma costituzionale sostenute da Possibile, ha scelto la strada meno battuta eppure così antica. Un’iniziativa alla volta, un dibattito alla volta. L’incontro di persona, personalmente: una mobilitazione silenziosa.

Bari, Mol­fet­ta, Firen­ze, Udi­ne, Trie­ste, Cam­pi Bisen­zio, Pra­to, Vero­na, Mon­za, Vare­se. C’è un costi­tu­zio­na­li­sta che sta giran­do spa­smo­di­ca­men­te l’Italia e che nei pros­si­mi die­ci gior­ni farà tap­pa nel­le cit­tà elen­ca­te per illu­stra­re le ragio­ni del NO al refe­ren­dum. Mai una paro­la fuo­ri posto, mai stan­co di spie­ga­re nel meri­to, arti­co­lo per arti­co­lo, que­sto costi­tu­zio­na­li­sta rispon­de al nome di Andrea Per­ti­ci.

Un costi­tu­zio­na­li­sta in viag­gio costan­te da pri­ma dell’estate, alla ricer­ca non del­le luci del­le tele­ca­me­re, ma di per­so­ne che han­no voglia di capi­re, di appro­fon­di­re, e maga­ri di diven­ta­re loro stes­se pre­si­di costi­tu­zio­na­li. Il tut­to con uno stru­men­to che non va più di moda: un libro – “La Costi­tu­zio­ne spez­za­ta” -, con­te­nen­te del­le tesi, scrit­te nero su bian­co. Un ele­men­to che tor­na ad ave­re una for­za rivo­lu­zio­na­ria, nel momen­to in cui la poli­ti­ca sem­bra scom­pa­ri­re e in cui le poli­ti­che pub­bli­che cam­bia­no di gior­no in gior­no. Se fino a ieri l’Italicum era la miglior leg­ge elet­to­ra­le del mon­do, che tut­ta Euro­pa ci avreb­be copia­to, oggi è una leg­ge ampia­men­te modi­fi­ca­bi­le, sen­za che nep­pu­re sia mai sta­ta appli­ca­ta. Del­le idee di ieri non riman­go­no che bre­vi fra­si sul web, che si rin­cor­ro­no, si stra­ti­fi­ca­no e infi­ne si per­do­no nel rumo­re di fon­do.

Andrea Per­ti­ci, tra gli ispi­ra­to­ri del­le pro­po­ste di rifor­ma costi­tu­zio­na­le soste­nu­te da Pos­si­bi­le, ha scel­to la stra­da meno bat­tu­ta eppu­re così anti­ca. Un’iniziativa alla vol­ta, un dibat­ti­to alla vol­ta. L’incontro di per­so­na, per­so­nal­men­te: una mobi­li­ta­zio­ne silen­zio­sa. E se lo fa un costi­tu­zio­na­li­sta, dob­bia­mo far­lo anche tut­ti noi, cia­scu­no nel­le pro­prie pos­si­bi­li­tà, che sia l’organizzazione di un even­to pub­bli­co o un sem­pli­ce caf­fè con un amico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.