Il cibo sprecato è il terzo paese al mondo per emissioni di gas serra

Lo spreco alimentare è una materia che, per propria natura, ha ricadute in ambiti e settori estremamente differenti, legati da un’unica costante: la produzione alimentare.

Uno di questi, probabilmente il meno indagato, riguarda le conseguenze ambientali dello spreco alimentare. Se un terzo della produzione mondiale di cibo finisce nella spazzatura – dal momento della raccolta al momento in cui transita sulle nostre tavole – l’equazione dovrebbe essere molto semplice: un terzo dell’energia e delle risorse consumate per la produzione di quel cibo non sono servite a nulla, sono andate sprecate anch’esse. L’energia necessaria per arare i campi, quella per fertilizzarli, quella per seminarli, quella per irrigarli, quella per raccoglierne i frutti. Oltre che quella per distribuirli, i frutti.

Energia e risorse che hanno un costo ambientale perché, come scrive il Financial Times, attivano processi che generano «significative emissioni di anidride carbonica, metano e protossido di azoto».  Tanto significative che «se gli sprechi alimentari mondiali fossero un Paese, sarebbero il terzo più grande emettitore mondiale di gas serra, dopo Cina e Stati Uniti, richiedendo inoltre 250 chilometri cubici di acqua all’anno – più della portata annuale del Danubio», con tutto ciò che ne consegue in termini di riscaldamento globale.

Ma le ricadute non finiscono qui, perché i medesimi processi «fanno filtrare nitrati nelle acque sotterranee e nei corsi d’acqua creando zone costiere “morte”, accelerano l’erosione del suolo e la riduzione della biodiversità, promuovono la diffusione di batteri resistenti agli antibiotici».

La dimostrazione che ridurre lo spreco alimentare non è un capriccio o una proposta con cui farsi belli, ma una priorità dell’agenda politica.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati