Gratteri e la cannabis: all’ideologia rispondiamo con i dati

Spiace veramente, leggere oggi l’intervista del procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, in risposta alla posizione favorevole del Procuratore Nazionale Antimafia alla legalizzazione delle droghe leggere.

Spia­ce vera­men­te, leg­ge­re oggi l’intervista del pro­cu­ra­to­re di Catan­za­ro, Nico­la Grat­te­ri, in rispo­sta alla posi­zio­ne favo­re­vo­le del Pro­cu­ra­to­re Nazio­na­le Anti­ma­fia alla lega­liz­za­zio­ne del­le dro­ghe leg­ge­re.

Spia­ce per­ché da un pro­cu­ra­to­re capo — per il lavo­ro del qua­le e dei suoi col­la­bo­ra­to­ri riba­dia­mo la nostra sti­ma — di una pro­cu­ra così espo­sta ai pro­ble­mi del­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta ci si aspet­te­reb­be una posi­zio­ne più “con­sa­pe­vo­le” e ragio­na­ta sul­la que­stio­ne droghe/criminalità e meno ideo­lo­gi­ca.

Spia­ce per­ché alcu­ni dei dati che por­ta a sup­por­to del­la sua tesi sono fal­si. Non erra­ti, non cam­pa­ti in aria: pro­prio fal­si, con il dub­bio che que­sti dati sia­no ripor­ta­ti con una dose di dolo, o alme­no col­pa grave.

Venia­mo all’intervista. Già la par­ten­za è tut­ta un programma :

«Pen­so che uno sta­to demo­cra­ti­co non si pos­sa per­met­te­re il lus­so di libe­ra­liz­za­re ciò che pro­vo­ca dan­ni alla salu­te dei cit­ta­di­ni».

Una sola fra­se con 2 erro­ri, uno tec­ni­co ed uno pra­ti­co, il pri­mo è che il mer­ca­to del­le dro­ghe (tut­te) è già libe­ra­liz­za­to (la paro­la cor­ret­ta era “lega­liz­za­to”), poi­ché in qual­sia­si posto del nostro pae­se, in un modo o in un altro, rie­sci sem­pre a recu­pe­ra­re le sostan­ze che vuoi, sen­za trop­pe dif­fi­col­tà. Il secon­do è che, a quan­to mi risul­ta, sostan­ze come l’alcol ed il tabac­co sono per­fet­ta­men­te lega­li, pur pro­vo­can­do diver­se deci­ne di miglia­ia di deces­si diret­ta­men­te col­le­ga­ti con il pro­prio uso, o più spes­so, abu­so. Men­tre la let­te­ra­tu­ra scien­ti­fi­ca e medi­ca non con­tem­pla la pos­si­bi­li­tà di mor­te cor­re­la­ta al solo uso e abu­so di can­na­bis. Quin­di, dott. Grat­te­ri, secon­do il suo ragio­na­men­to dovrem­mo vie­ta­re alcol e tabac­co e lega­liz­za­re la can­na­bis, corretto?

Pro­se­guia­mo con l’analisi :

«Il gua­da­gno che si sot­trar­reb­be alle mafie è qua­si ridi­co­lo rispet­to a quan­to la cri­mi­na­li­tà trae dal traf­fi­co di cocai­na e eroi­na. Un gram­mo di eroi­na costa 50 euro, un gram­mo di mari­jua­na costa 4 euro. Non c’è para­go­ne dal pun­to di vista economico».

In que­sta fra­se un altro erro­re tec­ni­co ed un fat­to sot­ta­ciu­to, for­se per col­pa, for­se per dolo: l’errore tec­ni­co sta nel prez­zo del­la can­na­bis, che è più del dop­pio (cir­ca 10 euro al gram­mo, che ridu­ce la dif­fe­ren­za dall’8% al 20%). Ma quel­lo che Grat­te­ri si scor­da di ricor­da­re, for­se col­pe­vol­men­te, è che i con­su­ma­to­ri di eroi­na sono infi­ni­ta­men­te meno rispet­ti a quel­li del­la can­na­bisGli ulti­mi dati dispo­ni­bi­li par­la­no infat­ti del 2% del­la popo­la­zio­ne 15–64 anni che ha fat­to uso di eroi­na, con­tro il 32% del­la cannabis.

Rifac­cia i con­ti caro pro­cu­ra­to­re: è pro­prio sicu­ro che non ci sia para­go­ne dal pun­to di vista eco­no­mi­co? Ha ragio­ne! Con la can­na­bis la cri­mi­na­li­tà gua­da­gna mol­to di più.

Con­clu­do con la spas­so­sis­si­ma fra­se con­clu­si­va, che se fos­se det­ta da un qual­sia­si vec­chiet­to in un bar l’avrei potu­ta accet­ta­re, da un pro­cu­ra­to­re gene­ra­le del­la Repub­bli­ca, sin­ce­ra­men­te no :

«Le atti­vi­tà inve­sti­ga­ti­ve dimo­stra­no che le orga­niz­za­zio­ni cri­mi­na­li che ven­do­no al det­ta­glio gli stu­pe­fa­cen­ti diver­si­fi­ca­no e quin­di spac­cia­no cocai­na, eroi­na, ma anche mari­jua­na, hashish e dro­ghe sin­te­ti­che. Non vedo una disper­sio­ne di uomi­ni e mezzi».

Ogni gior­no leg­go di noti­zie di arre­sti di peri­co­lo­si spac­cia­to­ri che ave­va­no in casa maga­ri sol­tan­to un paio di pian­ti­ne, che poi devo­no subi­re san­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve e maga­ri anche un pro­ces­so per pro­du­zio­ne e spac­cio. Non esi­sto­no dati pub­bli­ci repe­ri­bi­li, ma mi sen­to di dire che in que­sto momen­to in Ita­lia ci sia­no cen­ti­na­ia di casi così, o maga­ri addi­rit­tu­ra miglia­ia, ma il pro­cu­ra­to­re non vede disper­sio­ne di uomi­ni e mezzi…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.