Vuole un fisco che sostenga gli onesti: Filippo Taddei

10-cartolina-civoti-taddei-vertL’a­spet­to più dram­ma­ti­co del­la situa­zio­ne del nostro pae­se? Che il lavo­ro non basta più.” Paro­la di Filip­po Tad­dei, bolo­gne­se, clas­se 1976, di pro­fes­sio­ne macroe­co­no­mi­sta. Filip­po inse­gna alla Johns Hop­kins Uni­ver­si­ty — School of Advan­ced Inter­na­tio­nal Stu­dies (SAIS) di Bolo­gna ed è research fel­low del Col­le­gio Car­lo Alber­to. Dice di esse­re “diven­ta­to adul­to a New York”. Sul­la situa­zio­ne del nostro pae­se non usa mez­zi ter­mi­ni: “da noi acca­de che quan­do qual­cu­no comin­cia a lavo­ra­re (se comin­cia a lavo­ra­re) que­sto pae­se non è più dal­la sua par­te. Non lo è come tas­sa­zio­ne, non lo è come ser­vi­zi. Que­sto per­ché l’I­ta­lia ha scel­to di non esse­re dal­la par­te di chi pro­du­ce, ma dal­la par­te di chi pos­sie­de”.

Ma la cri­si inter­na­zio­na­le — gli chie­do — è dav­ve­ro, come dico­no alcu­ni, Ber­lu­sco­ni su tut­ti, la mag­gio­re respon­sa­bi­le del col­las­so del siste­ma Ita­lia? “La cri­si inter­na­zio­na­le è sta­ta per l’economia ita­lia­na solo l’effetto mar­gi­na­le. Dal 2001 al 2007 era­va­mo già l’economia che cre­sciu­ta meno, in ter­mi­ni di red­di­to medio rea­le, tra tut­ti i pae­si dell’OCSE. Non è un iper­bo­le ma un fat­to. Era­va­mo un model­lo di cre­sci­ta eco­no­mi­ca dopo la secon­da guer­ra mon­dia­le, oggi sia­mo l’economia più fer­ma tra tut­te le eco­no­mie svi­lup­pa­te. Pri­ma del­la gran­de reces­sio­ne inter­na­zio­na­le, mal­gra­do un siste­ma fisca­le scon­si­de­ra­to, una pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne inef­fi­cien­te e uno sta­to socia­le ina­de­gua­to a rispon­de­re alle nuo­ve esi­gen­ze del lavo­ro, il nostro siste­ma pro­dut­ti­vo riu­sci­va a man­te­ne­re fati­co­sa­men­te le pro­prie posi­zio­ne nei mer­ca­ti inter­na­zio­na­li. Vive­va­mo di pic­co­li mar­gi­ni, per­ché dove­va­no far fron­te a defi­cien­ze strut­tu­ra­li che ci met­te­va­no in svan­tag­gio con gli altri pae­si. La cri­si ha sola­men­te acce­le­ra­to il pro­ces­so di decli­no. Ha aumen­ta­to il costo del cre­di­to e la pres­sio­ne fisca­le e, con­tem­po­ra­nea­men­te, ha ridot­to i ser­vi­zi. A quel pun­to il nostro dif­fe­ren­zia­le di pro­dut­ti­vi­tà rispet­to ai nostri con­cor­ren­ti non è più basta­to. Aumen­tan­do i costi effet­ti­vi che gra­va­no sul nostro siste­ma pro­dut­ti­vo, si sono di fat­to annul­la­ti i pic­co­li mar­gi­ni fati­co­sa­men­te con­qui­sta­ti. Era­va­mo in equi­li­brio pre­ca­rio e face­va­mo fin­ta di nul­la. Con la gran­de reces­sio­ne, il nostro siste­ma pro­dut­ti­vo, anche la sua par­te sana e miglio­re, non è più riu­sci­ta a con­tro­bi­lan­cia­re le defi­cien­ze strut­tu­ra­li del pae­se. La neces­si­tà di rifor­ma­re que­sto pae­se non è sta­ta for­te come oggi da alme­no 25 anni”.

E allo­ra come si esce da que­sto pan­ta­no? Qual è la dire­zio­ne da intra­pren­de­re? Il pro­ble­ma fon­da­men­ta­le è che in que­sto pae­se il lavo­ro ha smes­so di esse­re cen­tra­le. Non solo per­ché le per­so­ne non lo tro­va­no, ma anche per­ché chi l’ha non rie­sce più a vede­re il pro­prio lavo­ro come lo stru­men­to per emer­ge­re. Lavo­ra­re non per­met­te più di fare quel che per­met­te­va un tem­po. Com­pra­re casa è for­se l’esempio miglio­re: se nel 1980 l’appartamento medio vale­va tra 3 e 4 vol­te il red­di­to medio annuo lor­do di un tren­ten­ne, oggi vale più di 10 di que­ste annua­li­tà. Il red­di­to da lavo­ro ha sem­pli­ce­men­te smes­so di esse­re cen­tra­le. Abbia­mo deci­so di depo­ten­zia­re il ruo­lo del lavo­ro orga­niz­zan­do un mer­ca­to del lavo­ro for­te­men­te dua­le, lascian­do un siste­ma fisca­le pena­liz­zan­te e tra­scu­ran­do di svi­lup­pa­re i ser­vi­zi – dagli asi­li nido alla riqua­li­fi­ca­zio­ne pro­fes­sio­na­le – che favo­ri­sco­no chi lavo­ra. La discus­sio­ne sull’IMU è sta­ta rive­la­tri­ce da que­sto pun­to di vista. In un pae­se in cui il pro­ble­ma è il lavo­ro, ci sia­mo fer­ma­ti per 6 mesi a discu­te­re di IMU sul­la pri­ma casa. Abbia­mo ali­men­ta­to l’angoscia di un pae­se spa­ven­ta­to che ha visto nel­la pri­ma casa il suo solo appi­glio. La repub­bli­ca fon­da­ta sul­la pri­ma casa ha sosti­tui­to quel­la fon­da­ta sul lavo­ro. Que­sto è il model­lo di socie­tà che dob­bia­mo scar­di­na­re. C’è biso­gno piut­to­sto di un pae­se in cui le per­so­ne voglia­no inve­sti­re nel pro­prio lavo­ro inve­ce che in ren­di­te immo­bi­lia­ri. Ogni vol­ta che abbia­mo fat­to que­sto, l’I­ta­lia ha dimo­stra­to una capa­ci­tà di muta­re e inno­va­re sem­pli­ce­men­te uni­ca.”

Mozio­ne Civa­ti: qua­li sono le novi­tà che rilan­ce­reb­be­ro il siste­ma pae­se? Sono sem­pli­ci pro­po­ste per rico­strui­re le basi del­la repub­bli­ca fon­da­ta sul lavo­ro. Paro­le di chia­rez­za sul­la discri­mi­na­zio­ne in atto nel mer­ca­to del lavo­ro e su come ridur­re le impo­ste sul lavo­ro in un siste­ma fisca­le pen­sa­to per la ren­di­ta inve­ce che per il lavo­ro stes­so. Pren­dia­mo il mer­ca­to: dal momen­to che vole­va­mo cam­bia­re il nostro siste­ma pro­dut­ti­vo, abbia­mo chie­sto par­ti­co­la­re fles­si­bi­li­tà ad alcu­ni lavo­ra­to­ri. Non ci sia­mo però pre­oc­cu­pa­ti di offri­re un asse­gno di disoc­cu­pa­zio­ne anche per loro o di pre­di­spor­re un per­cor­so pre­de­fi­ni­to e di dura­ta cer­ta di sta­bi­liz­za­zio­ne lavo­ra­ti­va. La mozio­ne Civa­ti è l’unica che par­la aper­ta­men­te dell’introduzione di un con­trat­to uni­co di inse­ri­men­to lavo­ra­ti­vo e di uni­ver­sa­liz­za­re la tute­la del­la disoc­cu­pa­zio­ne. Abbia­mo let­te­ral­men­te milio­ni di lavo­ra­to­ri che non rice­vo­no alcun soste­gno se per­do­no il lavo­ro. Pos­sia­mo cam­biar­lo se sia­mo ragio­ne­vo­li.”

Cos’al­tro? Beh, se pas­sia­mo alla tas­sa­zio­ne del red­di­to da lavo­ro, le stor­tu­re sono incre­di­bi­li. Pren­dia­mo un lavo­ra­to­re che gua­da­gna 30.000 Euro lor­di all’anno, cir­ca 1,600 Euro net­ti al mese. Nel 1975 l’aliquota mar­gi­na­le su un red­di­to equi­va­len­te era del 25%, oggi que­sta è al 38%. Que­sto signi­fi­ca che se il dato­re di lavo­ro di que­sto con­tri­buen­te voles­se offrir­gli 100 Euro in più, meno di 30 fini­reb­be­ro nel­lo sti­pen­dio al lavo­ra­to­re stes­so. 38 Euro sva­ni­reb­be­ro per l’imposta sul red­di­to del­le per­so­ne fisi­che, cir­ca 2 Euro se ne andreb­be­ro tra addi­zio­na­li regio­na­li e comu­na­li e più di 30 Euro fini­reb­be­ro in con­tri­bu­ti socia­li. Tut­to que­sto, sem­pli­ce­men­te, non ha sen­so. Non pos­sia­mo tene­re in pie­di un siste­ma fisca­le così pena­liz­zan­te per il lavo­ro. Civa­ti non con­sta­ta solo il pro­ble­ma ma offre una solu­zio­ne. Osser­va come una par­te del­la nostra spe­sa pub­bli­ca, quel­la per gli orga­ni ese­cu­ti­vi, legi­sla­ti­vi e affa­ri este­ri — il cuo­re dell’amministrazione sta­ta­le che però non ero­ga ser­vi­zi socia­li — costa in Ita­lia 1% di pil più del­la Gran Bre­ta­gna, 0,7 % più del­la Ger­ma­nia e 0,8 % più del­la Spa­gna. Se spen­des­si­mo come la più vec­chia demo­cra­zia euro­pea, la Gran Bre­ta­gna, potrem­mo taglia­re le impo­ste sul lavo­ro per 1% del PIL. Sareb­be un taglio del 10% dell’IRPEF, un cam­bia­men­to epocale.”

Filip­po ha le idee chia­ris­si­me. Lo scor­so luglio, al Poli­ti­camp di Reg­gio Emi­lia, dis­se che c’e­ra una fra­se di Civa­ti che ama­va par­ti­co­lar­men­te: “Si può dire tut­to, in poli­ti­ca, ma non tut­ti pos­so­no far­lo”. E aggiun­se: “Quan­do riguar­do alla ridu­zio­ne del red­di­to ripo­nia­mo spe­ran­ze in una clas­se diri­gen­te che ha avu­to l’oc­ca­sio­ne di cam­bia­re e non l’ha fat­to, chie­dia­mo­ci per­ché dovreb­be fun­zio­na­re ora?”

10-cartolina-civoti-taddeiE dun­que — gli chie­do — cosa offre Civa­ti di alter­na­ti­vo? “Offre l’opportunità di affer­ma­re un PD incen­tra­to sul­le poli­ti­che da rea­liz­za­re inve­ce che sugli equi­vo­ci. Sono due in par­ti­co­la­re. Il pri­mo equi­vo­co è sul­la natu­ra del gover­no. L’unico moti­vo per accet­ta­re un gover­no soste­nu­to da una mag­gio­ran­za incoe­ren­te, sen­za alcun man­da­to elet­to­ra­le spe­ci­fi­co, con­si­ste nel fat­to che que­sto si assu­ma la respon­sa­bi­li­tà di com­pie­re scel­te impo­po­la­ri per rifor­ma­re il pae­se. Que­sto oggi signi­fi­ca due cose: una rifor­ma fisca­le dal­la par­te del lavo­ro e il cam­bia­men­to del­la leg­ge elet­to­ra­le. Nes­su­na di que­ste due cose sem­bra mini­ma­men­te nel­le dispo­ni­bi­li­tà del Gover­no let­ta. Il secon­do equi­vo­co è la “sta­bi­li­tà”. Quel che ser­ve a que­sto pae­se è la ridu­zio­ne dell’incertezza attra­ver­so scel­te di Gover­no chia­re e dura­tu­re. Pos­sia­mo ave­re il gover­no più sta­bi­le del mon­do sen­za ridur­re in alcun modo l’incertezza. Qua­le sta­bi­li­tà è quel­la di un gover­no che la mat­ti­na deve rispon­de­re all’On. Bru­net­ta, nel pome­rig­gio affron­ta il dibat­ti­to di un PD sen­za stra­te­gia e poi, tro­va un com­pro­mes­so solo dopo che Alfa­no e Ber­lu­sco­ni han­no fini­to di cena­re insie­me. Accet­ta­re la sta­bi­li­tà sen­za rifor­me è rinun­cia­re a cam­bia­re que­sto pae­se. Sosten­go Civa­ti per­ché, come lui, io non mi ras­se­gno.”

Filip­po, 38 anni, è padre di tre figlie. La mia ulti­ma doman­da è come vor­reb­be il loro futu­ro. “Vor­rei potes­se­ro sce­glie­re que­sto pae­se per­ché le inco­rag­gia a dare il pro­prio meglio. Un pae­se che le obbli­ghi a cre­de­re in quel che fan­no per­ché sostie­ne il loro lavo­ro, rima­nen­do pron­to ad aiu­tar­le quan­do inciam­pe­ran­no nel cam­mi­no del­la vita. Sarei feli­ce che un pae­se così fos­se la loro casa”.

#Civo­ti 10: Filip­po Taddei

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?