Chiediamoci come fermare il femminicidio, ma rispondiamoci soprattutto

Iniziamo a discutere di proposte concrete: noi ne abbiamo fatte e continuiamo a farle; perché l'argomento non venga affrontato solo pochi giorni all'anno e poi lasciato lì, per occuparsi d'altro

Suc­ce­de sem­pre così: se ne par­la il 25 novem­bre, l’8 mar­zo e quan­do vie­ne com­mes­so un fem­mi­ni­ci­dio. Quan­do poi ne seguo­no nel giro di bre­ve tem­po altri, ecco che se ne par­la con i toni di un’epidemia, cose se si diven­tas­se assas­si­ni per un virus improvviso.

E pun­tual­men­te se ne par­la male. Si par­la di amo­re, di gelo­sia, di sospet­ti tra­di­men­ti di lei, di lei che era bel­lis­si­ma e vole­va tor­na­re libe­ra, di “lui che non ha ret­to”, come se pia­ni­fi­ca­re e por­ta­re a ter­mi­ne un omi­ci­dio fos­se qual­co­sa che scap­pa dal­le mani.

Se ne par­la tan­to in que­sti gior­ni di vio­len­za sul­le don­ne, tan­to e tan­to male, come sem­pre. Ma tra qual­che gior­no non se ne par­le­rà più, fino al pros­si­mo fem­mi­ni­ci­dio, come suc­ce­de ogni volta.

Che cos’è veramente il femminicidio

Nel frat­tem­po miglia­ia di don­ne subi­sco­no, spes­so in silen­zio, spes­so urlan­do non ascol­ta­te. I cen­tri anti­vio­len­za si vedo­no taglia­re i fon­di o si tro­va­no a dover­li spar­ti­re con cen­tri per la vita, o con cen­tri di sta­ti­sti­ca o per qual­che pub­bli­ca­zio­ne o per qual­che convegno.

Men­tre il con­tra­sto alla vio­len­za con­tro le don­ne dovreb­be esse­re un tema all’ordine del gior­no. Ogni.Giorno.

Per­ché non si trat­ta di una cala­mi­tà, né di un’emergenza tem­po­ra­nea, né tan­to meno di cri­mi­ni comu­ni. Un fem­mi­ni­ci­dio non è solo un omicidio.

Lo scri­ve­va benis­si­mo Miche­la Mur­gia qual­che gior­no fa:

La paro­la “fem­mi­ni­ci­dio” non indi­ca il ses­so del­la mor­ta. Indi­ca il moti­vo per cui è sta­ta ucci­sa. Una don­na ucci­sa duran­te una rapi­na non è un fem­mi­ni­ci­dio. Sono fem­mi­ni­ci­di le don­ne ucci­se per­ché si rifiu­ta­va­no di com­por­tar­si secon­do le aspet­ta­ti­ve che gli uomi­ni han­no del­le donne.
Dire omi­ci­dio ci dice solo che qual­cu­no è mor­to. Dire fem­mi­ni­ci­dio ci dice anche il perché.”

Diamo delle risposte

La Mini­stra Boschi, fre­sca di nomi­na alle pari oppor­tu­ni­tà, scri­ve in un post che, dopo aver pian­to, “dob­bia­mo chie­der­ci cosa fare per­ché non suc­ce­da anco­ra”. Chie­dia­mo­ce­lo cer­to, ma rispon­dia­mo­ci pure. Alla Mini­stra sug­ge­ria­mo che un gran­de pas­so avan­ti sareb­be lavo­ra­re per la pie­na appli­ca­zio­ne del­la Con­ven­zio­ne di Istan­bul. In que­sti gior­ni Tele­fo­no Rosa ha ela­bo­ra­to una ver­sio­ne del­la Con­ven­zio­ne per i ragaz­zi dai 13 ai 19 anni, di cui con­si­glia­mo la let­tu­ra e la dif­fu­sio­ne a chiun­que, Mini­stra com­pre­sa. Si può tro­va­re qua.

Noi nel nostro pic­co­lo abbia­mo pre­sen­ta­to una serie di pro­po­ste che le met­tia­mo a disposizione.

Alcu­ne di esse mira­no all’uguaglianza di gene­re tra uomi­ni e don­ne: dal­la pari­tà sala­ria­le, all’osservatorio sui prez­zi per pro­dot­ti fem­mi­ni­li, alla tam­pon tax.

Poi abbia­mo pre­sen­ta­to due pro­po­ste che si occu­pa­no spe­ci­fi­ca­ta­men­te di vio­len­za di genere.

La pri­ma è fina­liz­za­ta all’istituzione di una Com­mis­sio­ne Bica­me­ra­le di Indi­riz­zo e Con­trol­lo che si occu­pi di affron­ta­re esclu­si­va­men­te il tema del con­tra­sto alla vio­len­za di gene­re nel suo com­ples­so, met­ten­do in rete e coor­di­nan­do i cav, sup­por­tan­do e for­man­do tut­ti gli ope­ra­to­ri coin­vol­ti, pro­gram­man­do poli­ti­che mira­te, affron­tan­do il recu­pe­ro degli uomi­ni mal­trat­tan­ti, lavo­ran­do per una cor­ret­ta infor­ma­zio­ne… La pro­po­sta nel det­ta­glio si può tro­va­re qua.

Un secon­da pro­po­sta inve­ce è fina­liz­za­ta all’istituzione di un fon­do per l’indennizzo del­le don­ne vit­ti­ma di vio­len­za e per i loro figli. La pro­po­sta è sta­ta incar­di­na­ta qual­che gior­no fa in com­mis­sio­ne giu­sti­zia e spe­ria­mo di veder­ne pre­sto la luce.

Come per la Mafia

In par­ti­co­la­re, nel caso dei figli di don­ne vit­ti­me di vio­len­za chie­dia­mo che lo Sta­to rico­no­sca loro lo stes­so sup­por­to psi­co­lo­gi­co ed eco­no­mi­co che rico­no­sce ai figli vit­ti­me di Mafia.

Mafia, sì.

Chie­dia­mo che lo Sta­to si fac­cia cari­co di un dram­ma che è con­se­guen­za non di un cri­mi­ne comu­ne, non di una disgra­zia acci­den­ta­le, ma di un feno­me­no socia­le e cul­tu­ra­le radi­ca­to in tut­to il Pae­se e che come tale va affrontato.

Chie­dia­mo che ven­ga fat­to quel pas­sag­gio for­te, ma fon­da­men­ta­le, che è sta­to com­piu­to quan­do lo Sta­to ha pre­so coscien­za che la Mafia non è un comu­ne cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta, ma un feno­me­no mol­to più vasto e com­ples­so, che si nutre nel­la cul­tu­ra di un popo­lo e nel­la società.

Scri­vo­no Dona­tel­la Coc­co­li e Raf­fae­le Lupo­li sul­l’ul­ti­mo nume­ro di Left: “Se fos­se­ro 150 mor­ti per Mafia lo sta­to reagirebbe”.

E’ vero. Ma non è sem­pre sta­to così: è sta­to neces­sa­rio, negli anni, una pre­sa di coscien­za segui­ta a tan­tis­si­mo san­gue e a un lun­go elen­co di uomi­ni e don­ne a cui non sare­mo mai abba­stan­za gra­ti, che han­no lot­ta­to a costo del­la vita per­ché la Mafia venis­se rico­no­sciu­ta per quel­lo che è e faces­se sì che lo Sta­to rea­gis­se di conseguenza.

La vio­len­za sul­le don­ne si nutre di disu­gua­glian­za, di discri­mi­na­zio­ni, del­lo sman­tel­la­men­to del­lo sta­to socia­le, di omer­tà, di ste­reo­ti­pi, di soli­tu­di­ne, di indif­fe­ren­za, di igno­ran­za, di son­no del­le coscien­ze, di anal­fa­be­ti­smo sentimentale.

Ser­vo­no gli stru­men­ti socia­li, eco­no­mi­ci e cul­tu­ra­li per rico­no­scer­la, pre­ve­nir­la e scon­fig­ger­la, fin da bambini.

Ma pri­ma di tut­to ser­ve uno Sta­to che pren­da pie­na coscien­za del feno­me­no, inve­ce di resta­re fer­mi alla la reto­ri­ca di “mam­me, figlie e mogli”. E lanciafiamme.

Smet­tia­mo di chie­der­ci cosa ser­ve, ini­zia­mo a met­ter­lo in pratica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.