Il favoloso Senato del Partito Democratico: tutto e il contrario di tutto

Eliminiamo il Senato, ma il Senato rimane. I Senatori non saranno più eletti direttamente dai cittadini, però saranno eletti dai cittadini. A voi sembrano delle contraddizioni, ma non è così nel fantastico mondo del Partito Democratico, di Matteo Renzi, del senatore Chiti e dell’onorevole Cuperlo.

Eli­mi­nia­mo il Sena­to, ma il Sena­to rima­ne. I Sena­to­ri non saran­no più elet­ti diret­ta­men­te dai cit­ta­di­ni, però saran­no elet­ti dai cit­ta­di­ni. A voi sem­bra­no del­le con­trad­di­zio­ni, ma non è così nel fan­ta­sti­co mon­do del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, di Mat­teo Ren­zi, del sena­to­re Chi­ti e dell’onorevole Cuper­lo. Nel fan­ta­sti­co mon­do c’è tut­to: anche l’europeismo e l’antieuropeismo, il popu­li­smo e l’antipopulismo, per dire.

Non deve esse­re affat­to faci­le vive­re nel fan­ta­sti­co mon­do del Par­ti­to Demo­cra­ti­co: se il son­dag­gio del gior­no dice che por­ta più voti dire che i sena­to­ri sono elet­ti­vi, allo­ra ci pen­sa Chi­ti. Se il son­dag­gio del gior­no dice il con­tra­rio, allo­ra ci pen­sa Renzi.

Può capi­ta­re, però, che nel­lo stes­so gior­no arri­vi­no due son­dag­gi che dica­no cose oppo­ste.

E così Van­ni­no Chi­ti par­te all’attacco con un roboan­te «Basta bal­le, con la rifor­ma i cit­ta­di­ni sce­glie­ran­no i sena­to­ri». Un arti­co­lo bel­lis­si­mo, che vi con­si­glio di leg­ge­re, nel qua­le si sostie­ne addi­rit­tu­ra che «I Con­si­gli regio­na­li si limi­te­ran­no a una pre­sa d’at­to. Come negli Sta­ti Uni­ti […] dove for­mal­men­te il pre­si­den­te ver­rà elet­to a dicem­bre dai “gran­di elet­to­ri”. Ma sap­pia­mo tut­ti che i cit­ta­di­ni han­no già scel­to Trump (pur­trop­po)», con­fon­den­do i gran­di elet­to­ri con il Sena­to ame­ri­ca­no, che nel 1913 è pas­sa­to dall’essere elet­to dai par­la­men­ta­ri degli sta­ti all’esse­re elet­to dai cit­ta­di­ni, anche per supe­ra­re epi­so­di di cor­ru­zio­ne, come dis­se Chi­ti al nostro Poli­ti­camp del 2014.

E men­tre Chi­ti tuo­na, Mat­teo Ren­zi sbruf­fo­neg­gia: «Saran­no loro a rap­pre­sen­ta­re la Sar­de­gna a Roma», rife­ren­do­si a Fran­ce­sco Piglia­ru e Mas­si­mo Zed­da. Nell’interpretazione ren­zia­na del­la rifor­ma non saran­no i cit­ta­di­ni a sce­glie­re i sena­to­ri, e nem­me­no i con­si­glie­ri regio­na­li: sarà diret­ta­men­te Mat­teo Ren­zi a indi­vi­dua­re i sena­to­ri, in un capo­vol­gi­men­to tota­le dei prin­ci­pi costi­tu­zio­na­li (eppu­re non così lon­ta­no dal­la rifor­ma, se pen­sia­mo che saran­no i grup­pi con­si­lia­ri regio­na­li, rap­pre­sen­ta­ti­vi dei par­ti­ti, a mer­can­teg­gia­re sul­le nomi­ne senatoriali).

A fare da spon­da a tut­to ciò, con un’aura di rigo­ro­sa respon­sa­bi­li­tà, c’è Gian­ni Cuper­lo, il qua­le è riu­sci­to nel capo­la­vo­ro poli­ti­co di attri­bui­re – gra­zie alla pro­ver­bia­le affi­da­bi­li­tà del pre­mier (do you remem­ber #enri­co­stai­se­re­no?) – fun­zio­ni legi­sla­ti­ve alla Dire­zio­ne nazio­na­le del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, con­fer­man­do l’adagio del­la fu cor­ren­te ber­sa­nia­na secon­do il qua­le “la dit­ta” vie­ne pri­ma del­la Repub­bli­ca e del­la Costituzione.

In que­sto mara­sma che con­tie­ne il Sena­to e il con­tra­rio del Sena­to, così da copri­re tut­te le posi­zio­ni (it’s “il par­ti­to del­la nazio­ne”, stu­pid), rima­ne il testo del­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le, che è chia­ris­si­mo nel non esse­re chia­ro, e dice, in pri­mis­si­mo luo­go, che «I Con­si­gli regio­na­li […] eleg­go­no, con meto­do pro­por­zio­na­le, i sena­to­ri tra i pro­pri componenti».

Chi eleg­ge i sena­to­ri? I Con­si­gli regio­na­li: c’è scrit­to. Basta leggere.

Come li eleg­ge? Con «meto­do pro­por­zio­na­le», che già vuol dire «in con­for­mi­tà alle scel­te espres­se dagli elet­to­ri per i can­di­da­ti con­si­glie­ri». Natu­ral­men­te in quan­to espo­nen­ti di par­ti­to e non in quan­to sin­go­li can­di­da­ti. Per­ché se il M5S nel Lazio doves­se pren­de­re il 35% dei voti o dei seg­gi (que­sto pun­to rima­ne non chia­ri­to dal­l’art. 57 ulti­mo com­ma, come dire­mo tra poco), ma i suoi can­di­da­ti con­si­glie­ri doves­se­ro pren­de­re pochis­si­me pre­fe­ren­ze rispet­to a quel­li del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, rimar­reb­be comun­que anzi­tut­to una attri­bu­zio­ne in base al par­ti­to. Per­ché di rap­pre­sen­tan­za per par­ti­ti — e quin­di poli­ti­ca — si trat­ta e per que­sto dovreb­be esser­vi l’e­le­zio­ne diret­ta da par­te dei cit­ta­di­ni. L’au­spi­cio che con­ti­no le pre­fe­ren­ze — che potreb­be­ro con­ta­re comun­que solo per la quo­ta dei con­si­glie­ri regio­na­li e non per quel­la dei sin­da­ci, che in mol­te Regio­ni sono il 50% — è giu­sto un auspi­cio, che pas­sa anzi­tut­to attra­ver­so la neces­si­tà di leg­gi regio­na­li che pre­ve­da­no pre­fe­ren­ze. Il che potreb­be non verificarsi.

E se la leg­ge regio­na­le pre­ve­de un pre­mio di mag­gio­ran­za che por­ta una for­za del 35% ad ave­re (fac­cio un esem­pio) il 45% dei seg­gi, come si deci­de? Non si sa, per­ché il testo del­la rifor­ma dice che «I seg­gi sono attri­bui­ti in ragio­ne dei voti espres­si e del­la com­po­si­zio­ne di cia­scun Con­si­glio». Quin­di: in ragio­ne dei voti espres­si o del­la com­po­si­zio­ne del Con­si­glio? Di entram­bi. Ma che vuol dire, di grazia?

Nel favo­lo­so mon­do del Par­ti­to Demo­cra­ti­co si scri­vo­no nor­me costi­tu­zio­na­li in que­sta manie­ra. Chi­ti e Cuper­lo pos­so­no spie­gar­ci che è tut­to nor­ma­le, men­tre Mat­teo Ren­zi si sce­glie i sena­to­ri ad per­so­nam.

Chi vota no sce­glie di non cam­bia­re e di tener­si quel che c’è: «I sena­to­ri sono elet­ti a suf­fra­gio uni­ver­sa­le e diret­to dagli elet­to­ri che han­no supe­ra­to il ven­ti­cin­que­si­mo anno di età. Sono eleg­gi­bi­li a sena­to­ri gli elet­to­ri che han­no com­piu­to il qua­ran­te­si­mo anno». Con tan­ti salu­ti al pre­mier Ren­zi, al sena­to­re Chi­ti e all’o­no­re­vo­le Cuperlo.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.