Fare ciò che è giusto (del reato di clandestinità)

Il Gover­no, con­trav­ve­nen­do alla dele­ga già rice­vu­ta dal Par­la­men­to, ha deci­so di far slit­ta­re l’a­bro­ga­zio­ne del cosid­det­to “rea­to di clan­de­sti­ni­tà”, con l’otti­mo argo­men­to: «è inu­ti­le e dan­no­so però lo tenia­mo, per oppor­tu­ni­tà poli­ti­ca». Dimen­ti­can­do per un momen­to che di rego­la chi ha respon­sa­bi­li­tà poli­ti­che, tan­to più se di gover­no, dovreb­be occu­par­si di fare ciò che è giu­sto, non ciò che pen­sa sia più faci­le da spie­ga­re. Caro Ren­zi, Caro Alfa­no, vi do una mano rispol­ve­ran­do un mio vec­chio post del 2013, quan­do esplo­se il dibat­ti­to, visto che a dif­fe­ren­za di voi pen­so che gli ita­lia­ni sia­no per­fet­ta­men­te in gra­do di capi­re un ragio­na­men­to logico.

“(…) Occor­re fare un po’ di chia­rez­za. Il rea­to di clan­de­sti­ni­tà, intro­dot­to dai cd “pac­chet­ti sicu­rez­za” nel 2009, puni­sce lo stra­nie­ro che fac­cia ingres­so o si trat­ten­ga sul ter­ri­to­rio in con­di­zio­ne d’irregolarità, e l’unica san­zio­ne pre­vi­sta è di tipo pecu­nia­rio (un’ammenda da 5000 a 10000 euro), e non –come mol­ti cre­do­no- di tipo deten­ti­vo. Pre­ve­de inol­tre la san­zio­ne alter­na­ti­va dell’espulsione, che però nul­la aggiun­ge all’espulsione già pre­vi­sta in via ammi­ni­stra­ti­va. Non poten­do van­ta­re alcu­na effi­ca­cia deter­ren­te ver­so chi fug­ge per dispe­ra­zio­ne con nien­te in tasca, né tan­to­me­no per chi si tro­vi ad esse­re irre­go­la­re per aver per­so il lavo­ro e il per­mes­so, dopo aver costrui­to una vita in Ita­lia, il vero moti­vo per cui fu intro­dot­to era di ten­ta­re di evi­ta­re per un cavil­lo l’applicazione del­la diret­ti­va euro­pea sui rim­pa­tri, che gra­zie a una dura sen­ten­za del­la Cor­te di Giu­sti­zia è sta­ta poi inve­ce rece­pi­ta (col decre­to 89 del 2011).

Sin dall’introduzione il rea­to di clan­de­sti­ni­tà è sta­to aspra­men­te cri­ti­ca­to da giu­ri­sti, ope­ra­to­ri ed asso­cia­zio­ni, sot­to diver­si pun­ti di vista: per­ché puni­sce uno sta­tus per­so­na­le anzi­ché una con­dot­ta mate­ria­le, come i prin­ci­pi del dirit­to impon­go­no per il ricor­so alle san­zio­ni pena­li. Per­ché se n’è affi­da­ta la com­pe­ten­za al giu­di­ce di pace, men­tre su que­stio­ni che inci­do­no così pro­fon­da­men­te sul­la liber­tà per­so­na­le garan­ti­ta dal­la Costi­tu­zio­ne dovreb­be deci­de­re il giu­di­ce ordi­na­rio. E per­ché ha siste­ma­ti­ca­men­te inta­sa­to con miglia­ia di pro­ce­di­men­ti le pro­cu­re e gli uffi­ci giu­di­zia­ri già gra­ve­men­te obe­ra­ti. Pro­ce­di­men­ti mol­to costo­si per lo Sta­to e soprat­tut­to inu­ti­li, poi­ché l’espulsione è comun­que pre­vi­sta per via ammi­ni­stra­ti­va. È bene lo ten­ga­no a men­te, i pala­di­ni del­la “sicu­rez­za”.

Di con­se­guen­za, l’abrogazione del rea­to di clan­de­sti­ni­tà è det­ta­ta dal sem­pli­ce buon sen­so. Il buon sen­so di non cri­mi­na­liz­za­re le per­so­ne per il solo fat­to di ten­ta­re dispe­ra­ta­men­te, met­ten­do a rischio la pro­pria vita, di rag­giun­ge­re (e spes­so nem­me­no per restar­ci) un Pae­se che ha di fat­to reso qua­si impos­si­bi­le l’ingresso rego­la­re, con nor­ma­ti­ve cri­mi­no­ge­ne come la Bos­si-Fini. Il buon sen­so di non pro­dur­re costi allu­ci­nan­ti a cari­co del­lo Sta­to (stra­no che Gril­lo non sia sen­si­bi­le a que­sti spre­chi) con pro­ce­di­men­ti che, quan­do arri­va­no a con­dan­na, puni­sco­no per­so­ne insol­ven­ti, e che nul­la aggiun­go­no alle pro­ce­du­re ammi­ni­stra­ti­ve di espul­sio­ne che riman­go­no intatte.

L’unica cosa che cam­bie­rà, con l’abrogazione del rea­to di clan­de­sti­ni­tà, è che i pub­bli­ci uffi­cia­li ed inca­ri­ca­ti di pub­bli­co ser­vi­zio non saran­no più costret­ti a denun­cia­re una don­na sen­za per­mes­so di sog­gior­no che si rivol­ges­se alla que­stu­ra per aver subi­to vio­len­ze, una madre sen­za per­mes­so che voles­se un cer­ti­fi­ca­to di nasci­ta per suo figlio, un testi­mo­ne sen­za per­mes­so che fos­se inter­ro­ga­to duran­te un processo.

L’unica cosa che cam­bie­rà è che rime­die­rem­mo all’ipocrisia di pian­ge­re i mor­ti ed incri­mi­na­re i soprav­vis­su­ti. Non è cer­to riso­lu­ti­vo degli enor­mi pro­ble­mi che l’immigrazione ci pone di fron­te, per cui ser­vo­no urgen­ti rifor­me, ma è già un pas­so di civil­tà obbli­ga­to. Il resto è inu­ti­le e dan­no­sa dema­go­gia. Per­ché con o sen­za rea­to di clan­de­sti­ni­tà, le per­so­ne con­ti­nue­ran­no ad arri­va­re, le pro­ce­du­re di espul­sio­ne rimar­ran­no intat­te, e nel­la loro inef­fi­cien­za con­ti­nue­ran­no ad affol­la­re i CIE che asso­mi­glia­no sem­pre più a luo­ghi di abban­do­no e tor­tu­ra. Pro­ce­du­re che con­ti­nue­ran­no, insom­ma, a non risol­ve­re il pro­ble­ma di un Pae­se che dopo trent’anni si osti­na a non accet­ta­re di esse­re al cen­tro di pro­ces­si di tra­sfor­ma­zio­ne e migra­zio­ne glo­ba­le le cui vere cau­se, a voler­le vede­re, ci tro­va­no in pri­ma fila come respon­sa­bi­li. Intan­to, spe­ria­mo in que­sto pri­mo impor­tan­te pas­so. Poi in una rifor­ma strut­tu­ra­le ed in un cam­bio di men­ta­li­tà quan­to mai necessario.”

Da IlFattoQuotidiano.it, 11 otto­bre 2013

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.