Europa delle possibilità: al via la seconda edizione della scuola di formazione di Possibile

Una tre giorni molto intensa, e tutti i partecipanti avranno poi la responsabilità di proseguire il percorso sui propri territori e coi propri comitati di Possibile
#

Nel luglio 2016 con Possibile abbiamo deciso di dare il via a “Europa delle possibilità“, un percorso di formazione sull’Unione Europea, il suo funzionamento e le opportunità che offre, e l’abbiamo fatto perché in un periodo storico in cui sembra crescere a dismisura il distacco percepito tra cittadini ed istituzioni europee, sentiamo la necessità di offrire strumenti che contribuiscano a ridurre le distanze, a capire il funzionamento e le dinamiche del processo decisionale europeo, a comprendere che quelle che affrontiamo nelle aule del Parlamento europeo sono questioni fondamentali che riguardano direttamente la vita e le difficoltà dei cittadini europei e i nostri territori.

Un anno fa, proprio il 28 novembre, ci ha lasciato Gianclaudio Pinto, amico carissimo e compagno di mille battaglie. E’ a lui che vogliamo dedicare questo percorso di formazione, sapendo quanto ritenesse importante la formazione politica, e sperando di poter contribuire a formare giovani e meno giovani, attivisti ed amministratori, che possano dedicarsi all’impegno per gli altri e per la cosa pubblica con la straordinaria generosità e passione con cui ci ha insegnato a farlo Gianclaudio. Perché i semi che ci ha lasciato, e che annaffieremo con cura ogni giorno, possano continuare a germogliare.

A un anno di distanza dalla prima edizione del percorso di formazione, la situazione in cui versa l’Unione Europea non è migliorata, non abbiamo ancora abbastanza Unione in quest’Europa e gli egoismi nazionali continuano ad impedire di mettere in campo risposte efficaci alle crisi ed alle difficoltà quotidiane dei cittadini, e ad impedire di mettere in comune competenze ad un livello più adeguato ad affrontare le grandi sfide che ci troviamo di fronte, che sono tutte sfide comuni, europee e globali – da quella migratoria a quella climatica, da quella sociale a quella della giustizia fiscale, da quella della politica estera alla democratizzazione dei processi -, ed in quanto tali necessitano di risposte europee forti e condivise.

Ecco perché il denso programma di quest’anno intende fornire ai partecipanti strumenti sia tecnici che politici per comprendere meglio il funzionamento dell’Unione Europea, le criticità e le possibili soluzioni, e poter cogliere anche le tante opportunità che offre.

Avrò il piacere di accogliere i partecipanti già mercoledì sera a Bruxelles per una cena di benvenuto che sarà anche occasione di confrontarci sull’attualità politica, le nostre battaglie europee e le maggiori sfide su cui si gioca il futuro dell’UE. Giovedì mattina inizieremo con il prezioso contributo del segretario Giuseppe Civati ed Andrea Pertici, con una riflessione sulle prospettive future dell’UE, e gli interventi indispensabili per rafforzare democrazia, partecipazione e trasparenza nei processi decisionali, a partire dai Trattati. Poi racconterò il lavoro svolto in questi anni al Parlamento europeo, nelle diverse commissioni, ed in particolare la battaglia contro evasione ed elusione fiscale delle multinazionali, e lo straordinario risultato ottenuto nel lungo negoziato di un anno e mezzo sulla riforma del Regolamento di Dublino di cui sono stata relatrice per il gruppo S&D. A seguire sarà Giulia Vignolo, avvocata internazionalista e co-portavoce del Comitato Europeo di Possibile, a dare brevi cenni storici sull’UE e di funzionamento delle istituzioni europee ed a proporci un approfondimento sul CETA. Dopo la visita al Parlamento Europeo, vi sarà l’indispensabile approfondimento sui fondi europei, con una panoramica complessiva sui finanziamenti a cura di Matteo Salvai, funzionario della DG REGI della Commissione europea, e a seguire discuteremo di economia circolare e sviluppo sostenibile grazie all’intervento di Fulvia Raffaelli, capo unità della DG GROW della Commissione europea. Infine, saranno presentate le basi dell’euro-progettazione, con Andrea Collavini della camera di commercio Italiana a Bruxelles. Venerdì mattina analizzeremo lo stato dell’arte sulla Brexit, anche dal punto di vista procedurale, con Annalisa Gliubizzi, responsabile per il Gruppo S&D dei lavori del Parlamento Europeo sul Brexit, e concluderemo con una riflessione sul rapporto tra i media e l’UE, discutendo con Lorenzo Consoli, corrispondente di lungo corso a Bruxelles, ed ex presidente dell’Association de la Presse Internationale.

Sarà una tre giorni molto intensa, e tutti i partecipanti avranno poi la responsabilità di proseguire il percorso sui propri territori e coi propri comitati di Possibile, affinché questi strumenti possano essere patrimonio di tutti e contribuire a diffondere una maggiore consapevolezza di quel che accade e si decide a Bruxelles, e dell’investimento necessario, sui nostri territori, sulle competenze che servono per imparare a sfruttare al meglio le opportunità europee.

  • 364
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati