Dalla parte dei lavoratori Qè di Paternò

Da sei giorni e sei notti i lavoratori del call center Qè di Paternò occupano la sede del Comune. Un atto clamoroso che arriva alla vigilia della scadenza degli ammortizzatori sociali.
call-center-paterno

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Da sei gior­ni e sei not­ti i lavo­ra­to­ri del call cen­ter Qè di Pater­nò occu­pa­no la sede del Comu­ne. Un atto cla­mo­ro­so che arri­va alla vigi­lia del­la sca­den­za degli ammor­tiz­za­to­ri socia­li. Dal 6 dicem­bre, infat­ti, sca­de la mobi­li­tà e cen­ti­na­ia di lavo­ra­to­ri, dopo un anno di mani­fe­sta­zio­ni, sit-in di pro­te­sta, e incon­tri con tut­ti i livel­li isti­tu­zio­na­li, da quel­li loca­li a quel­li nazio­na­li, non avran­no più alcun red­di­to. In que­sti gior­ni, nel­la sede del Comu­ne occu­pa­to, in tan­ti sono arri­va­ti a dare la pro­pria soli­da­rie­tà, poli­ti­ci, sem­pli­ci cit­ta­di­ni, lavo­ra­to­ri e rap­pre­sen­tan­ti sin­da­ca­li di altre azien­de come StMi­croe­lec­tro­nics e Alma­vi­va che han­no anche avvia­to rac­col­te fon­di per soste­ne­re la lotta.

Saba­to scor­so si è anche riu­ni­to il con­si­glio comu­na­le straor­di­na­rio, cui han­no par­te­ci­pa­to anche mol­ti sin­da­ci del com­pren­so­rio, in cui è sta­to appro­va­to, all’u­na­ni­mi­tà, da sog­get­ti isti­tu­zio­na­li e par­ti socia­li, un docu­men­to che impe­gna tut­te le par­ti a far­si pro­mo­tri­ci di azio­ni che da una par­te garan­ti­sca­no con­ti­nui­tà di red­di­to ai lavo­ra­to­ri cui sca­do­no gli ammor­tiz­za­to­ri socia­li e dal­l’al­tra il rien­tro nel ter­ri­to­rio del­le com­mes­se (in par­ti­co­la­re quel­la Inps), “scip­pa­te” dopo la chiu­su­ra del call cen­ter Qè per mala­ge­stio­ne impren­di­to­ria­le. I lavo­ra­to­ri chie­do­no che i volu­mi di lavo­ro rien­tri­no a Pater­nò, alla nuo­va azien­da Nethit, nata sul­le cene­ri di Qè con altro impren­di­to­re, con­sen­ten­do così il rias­sor­bi­men­to dei lavo­ra­to­ri.

Ades­so si atten­de che la regio­ne si atti­vi per sol­le­ci­ta­re la ria­per­tu­ra del tavo­lo al mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po Eco­no­mi­co, così come pro­mes­so saba­to, nel cor­so del con­si­glio comu­na­le, dal gover­na­to­re del­la Sici­lia, Nel­lo Musu­me­ci. Nel frat­tem­po l’oc­cu­pa­zio­ne con­ti­nua ad oltranza.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.