Ero partito democratico (della sinistra) e sono tornato

Schermata 2013-11-10 alle 09.23.29 Ave­vo poco meno di ven­ti­cin­que anni, ed ero atti­vi­sta nel più gran­de par­ti­to del­la sini­stra ita­lia­na. Apri­vo la sezio­ne ‑allo­ra non si chia­ma­va­no cir­co­li- e con­tri­bui­vo sia all’i­ni­zia­ti­va poli­ti­ca che alla “pro­pa­gan­da”, si dice­va così, rive­lan­do una par­te del­la mia for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le suc­ces­si­va. Del resto con madre in pas­sa­to mili­tan­te e geni ere­di­ta­ti da un rifor­mi­sta vici­no a Napo­li­ta­no, il mio momen­to-Cosa (di Nan­ni Moret­ti) lo ave­vo già supe­ra­to. In quel­l’an­no il Par­ti­to Demo­cra­ti­co del­la Sini­stra, i cui effet­ti al gover­no del Pae­se si sta­va­no comin­cian­do a vede­re, ave­va vin­to anche le ele­zio­ni comu­na­li ‑in coa­li­zio­ne nel cen­tro­si­ni­stra che era ormai linea­re chia­ma­re Uli­vo- strap­pan­do la cit­tà alla Lega. Di lì a poco, tut­ti i ver­ti­ci del­la sezio­ne si tra­sfe­ri­ro­no in ammi­ni­stra­zio­ne, sen­za pro­ce­de­re a un ricam­bio natu­ra­le, nè lascia­re che l’i­ni­zia­ti­va poli­ti­ca auto­no­ma del par­ti­to rispet­to alla giun­ta si man­te­nes­se viva. Sen­ti­vo che pote­va esse­re il mio momen­to, l’as­sun­zio­ne di una respon­sa­bi­li­tà sul­la scor­ta del­le idee e non solo del mio sta­tus di gio­va­ne, l’u­ni­co che una gestio­ne pre­ce­den­te un po’ spre­giu­di­ca­ta non si era lascia­ta sfuggire.

enver elezioni 97 In occa­sio­ne del con­gres­so, pre­pa­rai un docu­men­to che avrei poi let­to in sede, nel qua­le mi sarei mes­so a dispo­si­zio­ne per una can­di­da­tu­ra ver­so gli anni Due­mi­la. Il tito­lo del­l’in­ter­ven­to era “Una clas­se diri­gen­te nuo­va per un par­ti­to nuo­vo”, e quin­di è pos­si­bi­le capi­re il col­po che mi ha pre­so quan­do ‑quin­di­ci anni dopo- Fabri­zio Bar­ca sti­lò il suo, deno­mi­nan­do­lo “Un par­ti­to nuo­vo per un buon gover­no”. Sfron­da­to dagli ecces­si reto­ri­ci, qua­si venia­li per una per­so­na­li­tà non anco­ra del tut­to adul­ta e un po’ refrat­ta­ria a tat­ti­che e stra­te­gie, quel testo par­la­va già di «demo­cra­ti­ci, come irre­ver­si­bi­le pro­ces­so sto­ri­co e comu­nan­za di valo­ri con­di­vi­si»: era il tasto su cui insi­ste­va l’al­lo­ra vice­pre­mier Vel­tro­ni, gra­zie alla cui Uni­tà accre­sce­vo la mia incli­na­zio­ne a infor­mar­mi pri­ma di scri­ve­re. Non solo: face­vo rife­ri­men­to ai «lavo­ri ati­pi­ci», met­te­vo in guar­dia dal rischio di una mor­ti­fi­ca­zio­ne del­le ener­gie ine­spres­se a van­tag­gio dei soli­ti noti, auspi­ca­vo l’u­so di inter­net (anco­ra non così di mas­sa) nei rap­por­ti tra ver­ti­ci e base, mi schie­ra­vo con­tro la scel­ta immi­nen­te del cosid­det­to appa­ra­to, una gri­gia fun­zio­na­ria per la segre­te­ria, con toni rot­ta­ma­to­ri che il Ren­zi di un anno fa al con­fron­to era uno scru­po­lo­so esta­bli­sher, e che oggi pro­ba­bil­men­te non riscri­ve­rei nel­la stes­sa forma.

mognato pd chioggia Insom­ma, ampi stral­ci di quei fogli, tenu­ti per anni in un flop­py disk e di recen­te rin­ve­nu­ti (spie­gaz­za­ti e vis­su­ti) anche in for­ma­to car­ta­ceo, si pre­ste­reb­be­ro ancor oggi all’at­tua­li­tà poli­ti­ca del mag­gior par­ti­to del­la sini­stra ita­lia­na. E que­sto dice una cosa sola: che in tre lustri e otto gover­ni, non è cam­bia­to nien­te. Non negli argo­men­ti e nei pro­ble­mi, che sono anco­ra tut­ti là ‑dal­la rap­pre­sen­tan­za sin­da­ca­le dei non garan­ti­ti alla comu­ni­ca­zio­ne inter­na ed ester­na, dal­l’es­se­re “par­te” alla con­si­de­ra­zio­ne di una base più avan­ti nei pro­ces­si poli­ti­ci rispet­to ai ver­ti­ci- e non nel­la clas­se diri­gen­te, che si è auto­con­ser­va­ta pur nel­la muta­zio­ne del­la sca­to­la con­te­ni­tri­ce. Super­fluo dire, a que­sto pun­to, che, pur cal­deg­gia­ti da impor­tan­ti espo­nen­ti cit­ta­di­ni, all’e­po­ca quel docu­men­to e i suoi effet­ti non ven­ne­ro con­si­de­ra­ti, in nome del­l’e­spe­rien­za, del­la tenu­ta uni­ta­ria, e di tut­te le altre locu­zio­ni che si inven­ta­no da sem­pre per deci­de­re nei cami­net­ti o davan­ti a qual­che son­tuo­sa gri­glia­ta di pesce. E poco impor­ta che in una assem­blea dei cir­co­li, mol­ti anni più tar­di a Roma, Debo­ra Ser­rac­chia­ni diven­tò cele­bre per aver uti­liz­za­to all’in­cir­ca le stes­se paro­le e gli stes­si argo­men­ti di cri­ti­ca al model­lo. Per con­to mio, con­ti­nuai la mia ade­sio­ne a caval­lo del mil­len­nio, fino al soprag­giun­ge­re di un nuo­vo fat­to­re ‑attua­lis­si­mo, anco­ra- che l’a­vreb­be resa impraticabile.

fassino amato d'alema Al con­gres­so del 2001, Pie­ro Fas­si­no ‑esem­pla­re per­fet­to di tra­ver­sa­ta dal car­rie­ri­smo comu­ni­sta 1983 al car­ri­smo ren­zia­no 2013- si can­di­da­va a segre­ta­rio vagheg­gian­do, obtor­to il suo lun­go col­lo, il per­cor­so ver­so il Par­ti­to Demo­cra­ti­co. Nel­la cel­lu­la del­la lagu­na sud ave­vo aiu­ta­to alcu­ni net­tur­bi­ni di una com­pa­gnia che sta­va per per­de­re l’ap­pal­to di alcu­ne puli­zie a entra­re in con­tat­to col pre­si­den­te del­la muni­ci­pa­liz­za­ta (già segre­ta­rio comu­na­le del PDS) per tro­va­re una solu­zio­ne che con­sen­tis­se di sal­va­re il posto di lavo­ro. Era­no tut­ti o qua­si elet­to­ri del­le destre di popo­lo, dal­la Lega ad Allean­za Nazio­na­le. L’o­pe­ra­zio­ne andò a buon fine, ma non mi sarei aspet­ta­to di veder­li tes­se­ra­ti tut­ti e nove dai DS, entra­re stra­ni­ti in quel­la sede che sen­ti­vo “mia” e che per loro era quel­la dei ros­si, vota­re Fas­si­no al con­gres­so comu­na­le, imboc­ca­re la por­ta d’u­sci­ta e non aver­ne più trac­cia, maga­ri per la cal­le c’e­ra­no le bri­cio­le del­le loro tes­se­re. Pic­co­lo caso di trup­pe cam­mel­la­te, di intru­sio­ne di cor­pi trop­po estra­nei, di doping del­le geo­me­trie inter­ne, come tan­ti ne vedia­mo in cor­so per tut­ta l’I­ta­lia nel­le ulti­me set­ti­ma­ne. Fat­to sta che asse­gnai la mia pre­fe­ren­za a Gio­van­ni Ber­lin­guer, per­si 42 a 1 e deci­si di non rin­no­va­re una tes­se­ra ormai decen­na­le e che ave­va, anche con quel fat­to, per­so il pro­prio valore.

Schermata 2013-11-10 alle 11.26.07 Per tut­ti gli Anni Zero sono sta­to un noma­de, anzi un orfa­no, di quel­la sini­stra social­de­mo­cra­ti­ca e labu­ri­sta che ave­va sapu­to incon­tra­re, nel­l’U­li­vo di Roma­no Pro­di, l’i­spi­ra­zio­ne cat­to­li­ca pro­gres­si­sta e wel­fa­re-orien­ted, le istan­ze ambien­ta­li, i nuo­vi dirit­ti nei refe­ren­dum, l’e­re­di­tà lai­ca e azio­ni­sta, e che fos­se un net­to con­tral­ta­re idea­le, pro­gram­ma­ti­co e pure “antro­po­lo­gi­co” alla destra ber­lu­sco­nia­na e leghi­sta. Ho vota­to non di rado a sini­stra dei DS (Ver­di, giro­ton­di, Ita­lia dei Valo­ri, fino a Ven­do­la) e non mi sono sen­ti­to imme­dia­ta­men­te coin­vol­to dal­la nasci­ta del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, le cui ragio­ni com­pre­si appie­no solo più tar­di. La mia vita di gior­na­li­sta sta­va vol­gen­do ver­so altri inte­res­si e pas­sio­ni, ma quan­do il tuo Pae­se ver­sa in deter­mi­na­te con­di­zio­ni e in casa, a scuo­la, nei luo­ghi di lavo­ro ave­vi respi­ra­to da sem­pre la poli­ti­ca, il richia­mo pri­ma o poi dove­va arri­va­re. Fu alle pri­ma­rie del 2012, nei mesi pre­pa­ra­to­ri, quan­do Ber­sa­ni ‑a cui nel 2009 non die­di cre­di­to- rin­no­vò la segre­te­ria, le rap­pre­sen­tan­ze nei ter­ri­to­ri, per­fi­no i talk show tele­vi­si­vi si adat­ta­ro­no a impor­ta­re nuo­ve figu­re del­la galas­sia demo­cra­ti­ca. L’es­ser­si mes­so con­tro il mefi­ti­co pat­to di sin­da­ca­to del­le cor­ren­ti (che oggi stan­no mez­ze con Cuper­lo e mez­ze con Ren­zi) attri­bui­va ulte­rio­ri pun­ti al segre­ta­rio emi­lia­no, di modo tale da far­mi dire che, al mede­si­mo sta­tus quo di un anno fa, ricon­fer­me­rei quel­la mia scel­ta elet­to­ra­le nei suoi con­fron­ti. Ed è sta­to appa­gan­te, sen­tir­si chie­de­re di dare una mano alla fede­ra­zio­ne nel­l’u­so dei social net­work: final­men­te, una pic­co­la vit­to­ria tar­di­va se non postu­ma, di quel docu­men­to scrit­to quin­di­ci anni prima.

Schermata 2013-11-09 alle 18.25.46 Il resto è cro­na­ca. Dopo la scon­fit­ta di feb­bra­io la diri­gen­za del PD ha sba­glia­to tut­to quel­lo che era pos­si­bi­le sba­glia­re, e anche di più con l’a­pi­ce del 101, soprat­tut­to nel rap­por­to con chi le ave­va affi­da­to anco­ra una vol­ta il pro­prio con­sen­so. Da qual­che anno seguo il blog e le ini­zia­ti­ve poli­ti­che di un mio coe­ta­neo di Mon­za, Giu­sep­pe Civa­ti, con cui ho con­di­vi­so il per­cor­so a par­ti­re dai comi­ta­ti per l’I­ta­lia che voglia­mo, fino a ritro­var­mi sem­pre più nel­le sue posi­zio­ni e anche nel modo di espri­mer­le: uno che gira la nazio­ne non solo duran­te le cam­pa­gne elet­to­ra­li, aggre­gan­do con visio­ne lun­ga. Se non ci fos­se sta­ta la Rete ‑ieri osteg­gia­ta dal sin­da­co di Vene­zia al con­gres­so pro­vin­cia­le, squa­li­fi­can­do­la a «pet­te­go­lez­zo»- non avrei mai, pro­ba­bil­men­te, sapu­to che fuo­ri dal­le con­sor­te­rie, dai nasi tura­ti, dai mago­ni da inghiot­ti­re nel­la pic­co­la iso­la c’è, unen­do i pun­ti­ni, un altro par­ti­to pos­si­bi­le. Espe­rien­ze che con­ver­go­no e che moti­va­no nel tor­na­re a dar­si da fare, con la luci­da sapien­za di Wal­ter Toc­ci e l’e­ner­gia con­ta­gio­sa di Elly Schlein («Quan­te di quel­le ani­me voglia­mo per­de­re anco­ra?»), la schie­na drit­ta di Feli­ce Cas­son con cui le vicen­de nar­ra­te all’i­ni­zio divi­do­no nata­li e dia­let­to, e la mae­stria inop­pu­gna­bi­le di Cor­ra­di­no Mineo: una rete, minu­sco­lo, che è già clas­se diri­gen­te dif­fu­sa e spon­ta­nea, pares il cui pri­mus non è uomo solo al coman­do, per una mis­sio­ne i cui ner­vi sco­per­ti sono anco­ra intat­ti da quel docu­men­to del 1998, e da quel tes­se­ra­men­to di tre anni più tar­di. A pro­po­si­to, in #untran­quil­lo­wee­kend­dapd solo una pro­spet­ti­va così affa­sci­nan­te pote­va con­vin­cer­mi a sot­to­scri­ve­re di nuo­vo l’a­de­sio­ne, dopo tut­to que­sto tem­po, a una for­za che ancor oggi sta gover­nan­do assie­me a Sil­vio Ber­lu­sco­ni: l’u­ni­ca pro­spet­ti­va che aper­ta­men­te chie­de la fine del­le lar­ghe inte­se. E la sola che per la pri­ma vol­ta non è la meno peg­gio, ma ad oggi la miglio­re nel­lo ster­za­re in dire­zio­ne oppor­tu­na, uni­fi­can­do sini­stra e rin­no­va­men­to là dove i con­cor­ren­ti man­ca­no del­l’u­na, o del­l’al­tro. Insom­ma, ero par­ti­to demo­cra­ti­co (del­la sini­stra), sono tor­na­to. E la sini­stra, qual­cu­no chie­de­rà? La ritro­via­mo e la por­tia­mo nel­l’u­ni­co luo­go dove può esse­re spe­sa, assie­me a Giu­sep­pe Civa­ti.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?