E’ troppo tardi

È troppo tardi. Lo dico non con rassegnazione, ma con l’arrabbiatura di chi – e siamo tanti, ma non abbastanza – da tempo denunciava il presentarsi di un nuovo fascismo, mentre gli altri – tanti – ridevano, alzavano le spalle, minimizzavano.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]È trop­po tar­di. Lo dico non con ras­se­gna­zio­ne, ma con l’arrabbiatura di chi – e sia­mo tan­ti, ma non abba­stan­za – da tem­po denun­cia­va il pre­sen­tar­si di un nuo­vo fasci­smo, men­tre gli altri – tan­ti – ride­va­no, alza­va­no le spal­le, minimizzavano.

Io ricor­do quan­do, mesi e mesi pri­ma del­le ele­zio­ni del­lo scor­so 4 mar­zo, chi era al gover­no del pae­se spie­ga­va che l’opinione pub­bli­ca non avreb­be capi­to la can­cel­la­zio­ne del rea­to di immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na e l’introduzione del­lo ius soli.

Io ricor­do quan­do, un anno e mez­zo fa, ci spie­ga­ro­no che i flus­si migra­to­ri dal­la Libia devo­no esse­re gesti­ti soste­nen­do un gover­no libi­co non in gra­do di garan­ti­re mini­ma­men­te il rispet­to dei dirit­ti uma­ni, e che que­sto anda­va fat­to per­ché c’era in bal­lo la «tenu­ta demo­cra­ti­ca del pae­se». Io ricor­do chi fu il pri­mo a chie­de­re che le Ong bat­ten­ti ban­die­ra di altri pae­si euro­pei si recas­se­ro in quei pae­si, e chi pro­po­se un codi­ce di condotta.

Io ricor­do quan­do, pri­ma anco­ra dell’inizio del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le, si con­ce­de­va spa­zio infi­ni­to su reti pub­bli­che e pri­va­te non solo a chi dichia­ra­va espli­ci­ta­men­te di esse­re fasci­sta, ma al raz­zi­smo stri­scian­te, sub­do­lo e ancor più peri­co­lo­so, quel­lo che dif­fon­de noti­zie e ideo­lo­gie fal­se e che fal­si­fi­ca­no la real­tà, a par­ti­re dal­la immon­da ver­go­gna del cosid­det­to “pia­no Kaler­gi” per la sosti­tu­zio­ne etnica.

Io ricor­do un’informazione in lar­ga par­te assen­te, con rare e enco­mia­bi­li ecce­zio­ni. Ricor­do tele­gior­na­li su tele­gior­na­li, l’estate scor­sa, dedi­ca­ti alle Ong e sem­pre in manie­ra impre­ci­sa, che in nome del­la neu­tra­li­tà con­fon­de­va­no le ragio­ni del­la veri­tà e le ragio­ni dei crea­to­ri di noti­zie fal­se. Ricor­do ser­vi­zi gior­na­li­sti­ci in cui si rac­con­ta­va del­la distri­bu­zio­ne di pac­chi del­la spe­sa a fami­glie di ita­lia­ni in dif­fi­col­tà da par­te di grup­pi e par­ti­ti fasci­sti, pur di spie­ga­re che la sini­stra non c’è più, quan­do inve­ce sap­pia­mo benis­si­mo del­l’e­si­sten­za di tan­te ini­zia­ti­ve di soli­da­rie­tà di matri­ce progressista.

Io ricor­do quan­do ci dice­va­no tut­to que­sto, e ce lo dice­va­no per­ché con­vin­ti che così gli elet­to­ri avreb­be­ro vota­to i mode­ra­ti, con­te­nen­do l’avanzata del­le destre nel­le urne. Ce lo dice­va­no men­tre le destre era­no già avan­za­te nel pae­se, nei suoi umo­ri più pro­fon­di. Un «modo di pen­sa­re e di sen­ti­re, una serie di abi­tu­di­ni cul­tu­ra­li, una nebu­lo­sa di istin­ti oscu­ri e inson­da­bi­li pul­sio­ni», scri­ve­va Umber­to Eco, che sono sta­ti sdo­ga­na­ti da chi dice­va di voler­li com­bat­te­re uti­liz­zan­do gli stes­si stru­men­ti poli­ti­ci e cul­tu­ra­li dell’avversario.

È trop­po tar­di per­ché ci sarà da soste­ne­re una fati­ca incre­di­bi­le se voglia­mo anche solo riaf­fer­ma­re sem­pli­ci prin­ci­pi di uma­ni­tà, men­tre si è tes­su­ta la tra­ma perché quel­le inson­da­bi­li pul­sio­ni esplo­des­se­ro con tut­ta la loro vio­len­za, come le sem­pre più fre­quen­ti aggres­sio­ni a sfon­do raz­zia­le ci dimostrano.

È trop­po tar­di, ma è giu­sto. È giu­sto ora quan­to lo era allo­ra, ed è per que­sto che Pos­si­bi­le non si tire­rà indie­tro e con­ti­nue­rà a insistere.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.