Dobbiamo parlare

Cosa stiamo aspettando, di preciso, ad aprire una grande discussione che coinvolga tutto il centrosinistra italiano? Diciamo centrosinistra per capirci, ecco, per brevità, anche se il termine è poco amato. A maggior ragione adesso che c'è un quadro politico nuovo, e una scissione ormai in corso. Cosa aspetta il Pd, che di quest'area grande e forse vaga è il maggiore azionista, a convocarla? Mistero.
left

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Cosa stia­mo aspet­tan­do, di pre­ci­so, ad apri­re una gran­de discus­sio­ne che coin­vol­ga tut­to il cen­tro­si­ni­stra ita­lia­no? Dicia­mo cen­tro­si­ni­stra per capir­ci, ecco, per bre­vi­tà, anche se il ter­mi­ne è poco ama­to. A mag­gior ragio­ne ades­so che c’è un qua­dro poli­ti­co nuo­vo, e una scis­sio­ne ormai in cor­so. Cosa aspet­ta il Pd, che di que­st’a­rea gran­de e for­se vaga è il mag­gio­re azio­ni­sta, a con­vo­car­la? Mistero.

Per­ché atten­zio­ne: poi le cose pos­so­no pre­ci­pi­ta­re, e le cose pre­ci­pi­ta­no sem­pre, e non c’è più tem­po. E si ripie­ga su solu­zio­ni raffazzonate.

Ma, come dice­va­no in quel film, ce ne sono, di cose da discu­te­re. Cosa è suc­ces­so in que­sti anni? Non pos­sia­mo cer­to dire che sia anda­to tut­to bene.
Per quel che ci riguar­da, il cosa vie­ne pri­ma del chi. Quan­do dal Pd ce ne sia­mo anda­ti noi, ormai anni fa, o alme­no chi di noi ci sta­va e si era pure can­di­da­to al con­gres­so rac­co­glien­do quat­tro­cen­to­mi­la voti, non pochis­si­mi si potreb­be dire, lo abbia­mo fat­to per­ché non pote­va­mo più sta­re in un par­ti­to che por­ta­va avan­ti poli­ti­che che non con­di­vi­de­va­mo, peral­tro stan­do al gover­no. E lo abbia­mo fat­to quan­do tut­ti gli altri era­no d’ac­cor­dis­si­mo, e non era mol­to di moda o como­do dissentire.

Altri lo han­no fat­to dopo, votan­do tut­to quel­lo che c’e­ra da vota­re, ma il pun­to è: pos­sia­mo dir­ci che le cose non han­no fun­zio­na­to? Che cer­to, ci sono del­le respon­sa­bi­li­tà per­so­na­li, e che sono mol­to dif­fu­se, nes­su­no esclu­so, e che però soprat­tut­to sono sta­te le scel­te, le poli­ti­che, il pro­ble­ma, e che di quel­le più che di ogni altra cosa dovrem­mo parlare?

Pos­sia­mo pro­cra­sti­na­re il momen­to in cui squa­der­nia­mo sul tavo­lo le nostre idee per il Pae­se e met­tia­mo in discus­sio­ne le posi­zio­ni di tut­ti, com­pre­se le con­vin­zio­ni gra­ni­ti­che di chi ha avu­to in mano le leve per poter­le met­te­re in pra­ti­ca? Per­ché gli ita­lia­ni lo han­no già fat­to, col loro voto, quin­di non si capi­sce cosa stia­mo aspet­tan­do noi.

Ser­ve un con­fron­to, quin­di, un rime­sco­la­men­to urgen­te. Oppu­re si può anda­re avan­ti così.

Si può con­ti­nua­re a dire che chi è cri­ti­co sul­la Tav non ha dirit­to di cit­ta­di­nan­za poli­ti­ca — sal­vo poi ripen­sa­men­ti quan­do si trat­ta di far coa­li­zio­ni loca­li che però non nasco­no da nes­su­na com­po­si­zio­ne, appun­to, e che non soprav­vi­vo­no al gior­no del­lo spo­glio. Si può con­ti­nua­re a soste­ne­re che non c’è sta­ta nes­su­na esa­ge­ra­zio­ne nel­la fles­si­bi­li­tà del mer­ca­to del lavo­ro, che il pre­ca­ria­to sen­za dirit­ti è un’op­por­tu­ni­tà. Si può con­ti­nua­re sul­la stra­da del­la sostan­zia­le pri­va­tiz­za­zio­ne del­la sani­tà pub­bli­ca, si pos­so­no costrui­re nuo­ve auto­stra­de e aero­por­ti inu­ti­li che deva­sta­no il ter­ri­to­rio, che ven­go­no paga­ti con sol­di pub­bli­ci e por­ta­no van­tag­gi solo a pochi pri­va­ti. Si può con­ti­nua­re a soste­ne­re che in ita­lia c’è un pro­ble­ma di sicu­rez­za, che è lega­to all’im­mi­gra­zio­ne e quin­di ser­vo­no leg­gi spe­cia­li e accor­di con la Libia. E si può fare tut­to que­sto men­tre si gover­na col m5S, che su alcu­ni di que­sti temi potreb­be esse­re ten­ta­to di caval­car­le, que­ste faccende.

Oppu­re ci si può met­te­re intor­no a un tavo­lo e dire “ok, par­lia­mo”. Nel­la pri­ma ipo­te­si, ognu­no si tie­ne le sue con­vin­zio­ni, e for­se solo quel­le, per­ché l’e­spe­rien­za recen­te ci dice già dove si va a para­re. Nel­la secon­da ci si infi­la in un pro­ces­so che non sarà faci­le, non sarà velo­ce, e non sarà nem­me­no diver­ten­te. Ma che for­se por­te­rà qual­co­sa di buo­no. In caso con­tra­rio, ci si risen­te alla pros­si­ma scis­sio­ne.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.