Debiti PA, era tutto risolto

matteo-renzi-porta-a-porta

E così la Mon­ta­gna dei debi­ti del­la Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne è ancor tut­ta lì, inos­si­da­bi­le, nono­stan­te le pro­mes­se e gli annun­ci. A Mar­zo, il pre­si­den­te del Con­si­glio, ospi­te di Vespa a Por­ta a Por­ta, sta­bi­li­va una data cer­ta per il rag­giun­gi­men­to del­la quo­ta di 68 miliar­di di euro di paga­men­ti ero­ga­ti. A Ren­zi pia­ce l’azzardo, ma que­sta vol­ta ha per­so la scom­mes­sa. Per­ché né la sca­den­za ini­zia­le, fis­sa­ta a fine Luglio, né quel­la rivi­sta e cor­ret­ta del 21 set­tem­bre, sono sta­te rispet­ta­te. Ren­zi non paghe­rà pegno (il pel­le­gri­nag­gio a pie­di al Mon­te Sena­rio) e non sem­bra che Vespa voglia paga­re al posto suo.

Tut­ta­via è abba­stan­za evi­den­te che su un tema così deli­ca­to — in fin dei con­ti sono pur sta­ti ero­ga­ti cir­ca 30 miliar­di di euro, una mano­vra eco­no­mi­ca — non ci si dovreb­be dilun­ga­re in sipa­riet­ti tele­vi­si­vi e in scom­mes­se che si sa di per­de­re. Il pro­ble­ma non è gesti­bi­le con una buo­na comu­ni­ca­zio­ne, è ben altro: è un tar­lo siste­mi­co che que­sto pae­se non sem­bra in gra­do di cura­re. Tan­to che l’ammontare esat­to del debi­to del­la PA non è noto. L’ultima sti­ma di Ban­ki­ta­lia risa­le allo scor­so Mag­gio quan­do, in sede di rela­zio­ne annua­le, il gover­na­to­re Igna­zio Visco affer­ma­va che “l’an­no scor­so ave­va­mo una sti­ma di debi­ti sca­du­ti di 90 miliar­di, ades­so abbia­mo una cifra attor­no ai 75 miliar­di” (1). Cio­no­no­stan­te, Ren­zi e il Mef segui­ta­va­no ad indi­ca­re quo­ta 68 miliar­di come obbiet­ti­vo da rispet­ta­re. Per il mini­stro Padoan, inter­vi­sta­to dal Cor­rie­re del­la Sera ad Ago­sto, il pro­ble­ma dei debi­ti del­la PA è “di fat­to, risolto”:

Il mec­ca­ni­smo del­lo scon­to fat­tu­re pres­so le ban­che è decol­la­to e sta fun­zio­nan­do mol­to bene […] Ad ago­sto le impre­se sono cor­se a pre­sen­ta­re le istan­ze di auto­cer­ti­fi­ca­zio­ne dei cre­di­ti: com­ples­si­va­men­te sono qua­si 55 mila auto­cer­ti­fi­ca­zio­ni, per un impor­to di cir­ca 6 miliar­di. Che si aggiun­go­no ai 26 già paga­ti con le anti­ci­pa­zio­ni di teso­re­ria. Ci aspet­tia­mo che le cer­ti­fi­ca­zio­ni cre­sca­no anco­ra, come i rim­bor­si (Cor­rie­re del­la Sera, 27/08/2014).

Se fos­se dav­ve­ro risol­to, avrem­mo cer­ta­men­te un’idea più chia­ra del mon­te dei resi­dui pas­si­vi accu­mu­la­ti sino ad oggi dagli enti loca­li, eppu­re que­sta cifra non la cono­scia­mo. Vi sono dif­fi­col­tà intrin­se­che nel moni­to­rag­gio di tale debi­to, i nume­ri sono mol­to diver­si fra di loro, frut­to di sti­me mol­to diver­se fra di loro: varia­no da 90 miliar­di (dato del 2013) di Ban­ki­ta­lia, ai 130 del­la CGIA di Mestre. L’ammontare dei resi­dui pas­si­vi matu­ra­ti nel 2013 era pari al 59,1% del­le fat­tu­re emes­se. Nel 2014, nei pri­mi tre mesi dell’anno, la pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne non ave­va sal­da­to il 53,9% del­le fat­tu­re sca­du­te (2). Il calo del 5,2% rispet­to allo stes­so tri­me­stre del 2013 dovreb­be rap­pre­sen­ta­re il mas­si­mo effet­to ope­ra­to dal nuo­vo cor­po nor­ma­ti­vo, matu­ra­to fra i gover­ni Mon­ti e Let­ta e rima­sto sostan­zial­men­te tale nel­le cifre stanziate.

Le rifor­me con­ten­go­no nor­me sul­la ridu­zio­ne dei tem­pi dei paga­men­ti, che però resta­no lun­ghis­si­mi, spe­cie per la sani­tà: “l’Associazione arti­gia­ni e pic­co­le impre­se segna­la­va per il 2013 paga­men­ti luma­ca fino a 170, anche 210 gior­ni dopo l’emissione del­la fat­tu­ra”. Secon­do i dati Cer­ved, nel pri­mo tri­me­stre del 2014, la Pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne ha sal­da­to media­men­te in 96,1 gior­ni con­tro i 107,4 del­lo stes­so perio­do 2013: un miglio­ra­men­to di 11,2 gior­ni che non inte­res­sa le fat­tu­re del­le Asl, sal­da­te in media entro i 180 giorni.

Nep­pu­re la fat­tu­ra­zio­ne elet­tro­ni­ca è ascri­vi­bi­le alle ope­re di que­sto gover­no: è sta­ta intro­dot­ta nel 2007 (Padoa Schiop­pa), ed è sta­ta ogget­to di rifor­ma e com­ple­ta­men­to da par­te del gover­no Let­ta, con il D.L. 55/2013. E’ sta­ta avvia­ta da trop­po poco tem­po (6 Giu­gno 2014) e solo per mini­ste­ri, agen­zie fisca­li ed enti nazio­na­li di pre­vi­den­za; gli enti loca­li e la sani­tà saran­no obbli­ga­te solo dal 31 Mar­zo 2015. Ma le sca­den­ze non sono mai peren­to­rie, lo sappiamo.

Il decre­to Mon­ti (35/2013) sta­bi­li­va tre linee di inter­ven­to: una diret­ta, prin­ci­pal­men­te tra­mi­te liqui­di­tà mes­sa a dispo­si­zio­ne del­la Cdp e allen­ta­men­to del pat­to di sta­bi­li­tà; una di com­pen­sa­zio­ne, tra­mi­te scon­to sul debi­to fisca­le del­le impre­se coin­vol­te; la ter­za, di tipo indi­ret­to, che sareb­be poi la ces­sio­ne del cre­di­to. Dei pre­vi­sti 57 miliar­di di euro, som­ma del­le dispo­si­zio­ni dei due decre­ti Mon­ti e Let­ta, sono sta­ti ero­ga­ti — a tut­to Luglio 2014 — solo 30 miliar­di cir­ca, di cui alme­no 7,2 miliar­di deri­va­no dal­la ‘con­ces­sio­ne di spa­zi finan­zia­ri’: i cosid­det­ti allen­ta­men­ti del pat­to di sta­bi­li­tà. Di que­sti ulti­mi non cono­scia­mo i dati sul loro impie­go, tut­ta­via gli spa­zi del­la fles­si­bi­li­tà inter­na sono ormai esau­ri­ti al 98% e tut­to­ra non sono chia­ri gli effet­ti sul defi­cit e sul debi­to. Il Gover­no ave­va pre­vi­sto che l’au­men­to del­lo stock di debi­to (pari all’in­te­ro ammon­ta­re degli inter­ven­ti) potes­se rien­tra­re tra i cosid­det­ti “fat­to­ri rile­van­ti”, pre­si in con­si­de­ra­zio­ne dal­la Com­mis­sio­ne Euro­pea ai fini di non atti­va­re una nuo­va pro­ce­du­ra di infra­zio­ne. Ma non esi­ste, per ora, alcu­na deci­sio­ne del­la Com­mis­sio­ne in merito.

Le anti­ci­pa­zio­ni di teso­re­ria, inol­tre, non libe­ra­no gli enti loca­li dal debi­to, che rima­ne in capo agli stes­si, tra­sfor­ma­to in un mutuo tren­ten­na­le ver­so la Cas­sa Depo­si­ti e Pre­sti­ti. Il tas­so di inte­res­se appli­ca­to è pari al ren­di­men­to di mer­ca­to dei Buo­ni Polien­na­li del Teso­ro a 5 anni in cor­so di emis­sio­ne rile­va­to dal Mef. In caso di man­ca­to paga­men­to, l’Agenzia del­le Entra­te trat­tie­ne le som­me rela­ti­ve sul rela­ti­vo get­ti­to dell’Imposta Muni­ci­pa­le. Inol­tre, in caso di aumen­to del ren­di­men­to di mer­ca­to dei BTP o, guar­dan­do­la da un’altra pro­spet­ti­va, di aumen­to del­lo Spread fra BTP e Bund, la spe­sa per inte­res­si degli enti loca­li è desti­na­ta anch’es­sa ad aumentare.

Che dire degli altri stru­men­ti pre­vi­sti? Per poter effet­tua­re la com­pen­sa­zio­ne dei debi­ti fisca­li è neces­sa­rio il decre­to attua­ti­vo pre­vi­sto dall’articolo 12, com­ma 7‑bis del D.L. Desti­na­zio­ne Ita­lia n. 145/2013. Il decre­to non ha anco­ra visto la luce, anche se la nor­ma pre­ve­de­va la sua emis­sio­ne entro 90 gior­ni dall’entrata in vigo­re del Desti­na­zio­ne Ita­lia. La prin­ci­pa­le modi­fi­ca dovreb­be riguar­da­re la data di iscri­zio­ne a ruo­lo di tali debiti:

Secon­do la dispo­si­zio­ne ori­gi­na­ria, una del­le con­di­zio­ni pre­vi­ste al fine di bene­fi­cia­re del­la com­pen­sa­zio­ne riguar­da la data di noti­fi­ca dei ruo­li. Infat­ti, sono com­pen­sa­bi­li i debi­ti per le som­me già iscrit­te a ruo­lo su car­tel­le esat­to­ria­li ed altri atti, a con­di­zio­ne che la noti­fi­ca sia avve­nu­ta entro il 31 dicem­bre 2012 […] Con il decre­to attua­ti­vo sarà pos­si­bi­le la com­pen­sa­zio­ne con i debi­ti tri­bu­ta­ri iscrit­ti nei ruo­li noti­fi­ca­ti entro il 31 mar­zo 2014 (3).

Nell’intervista al Cor­rie­re, Padoan descri­ve­va il suc­ces­so del­la for­mu­la del­la ces­sio­ne del cre­di­to: “il mec­ca­ni­smo del­lo scon­to fat­tu­re pres­so le ban­che è decol­la­to e sta fun­zio­nan­do mol­to bene”. Per acce­de­re a tale pro­ce­du­ra, è neces­sa­ria la cer­ti­fi­ca­zio­ne del pro­prio cre­di­to. Ma tan­t’è, l’au­men­to regi­stra­to nell’ultimo mese, è avve­nu­to per­ché si era in pros­si­mi­tà del 23 ago­sto, dead­li­ne per cer­ti­fi­ca­re i cre­di­ti matu­ra­ti al 31/12/2013 e per i qua­li appun­to si inten­da pro­ce­de­re con il mec­ca­ni­smo del­la ces­sio­ne (che, nel frat­tem­po, con il decre­to 66/2014, ha otte­nu­to la garan­zia del­lo Sta­to). Nes­su­no si era occu­pa­to di infor­ma­re anzi­tem­po le impre­se del­la immi­nen­te sca­den­za. Il 20 ago­sto è sta­ta pub­bli­ca­ta in Gaz­zet­ta Uffi­cia­le la con­ver­sio­ne del decre­to n. 91/2014, con­te­nen­te la pro­ro­ga del­la cer­ti­fi­ca­zio­ne al 31 ottobre.

Inte­res­san­te anche il mec­ca­ni­smo con il qua­le le ban­che cedo­no a loro vol­ta il cre­di­to alla Cas­sa depo­si­ti e pre­sti­ti. E’ sta­ta sot­to­scrit­ta una con­ven­zio­ne, deno­mi­na­ta Pla­fond Debi­ti PA, da par­te dell’Associazione Ban­ca­ria Ita­lia­na e la stes­sa Cdp: un fon­do pari a cir­ca 10 miliardi.

“La Cas­sa potrà acqui­si­re dal­le ban­che e dagli inter­me­dia­ri finan­zia­ri i cre­di­ti che le impre­se van­ta­no nei con­fron­ti del­la PA, ride­fi­nen­do in favo­re del­la PA ter­mi­ni e con­di­zio­ni di paga­men­to dei rela­ti­vi debi­ti”  (dal Comu­ni­ca­to stam­pa Cdp del 5 Agosto).

Cdp è il ter­mi­na­le sia del­le ope­ra­zio­ni di ces­sio­ne cre­di­to, sia del­le ope­ra­zio­ni di anti­ci­pa­zio­ne di teso­re­ria: in ogni caso, gli Enti Loca­li diver­ran­no debi­to­ri ver­so Cdp. Le con­di­zio­ni, che Padoan giu­di­ca van­tag­gio­se, per la ces­sio­ne del cre­di­to, sono un costo pari al 1,9% del cre­di­to mede­si­mo (1,6% per la par­te che supe­ra la soglia di 50 mila euro) in ragio­ne d’anno, quin­di per un cre­di­to matu­ra­to su un paga­men­to in ritar­do di 1 anno e 7 mesi, dovreb­be esse­re detrat­to due vol­te il pre­lie­vo di 1,90%.

Infi­ne, la tra­spa­ren­za: ciò che era sta­to pre­vi­sto dal nuo­vo cor­pus nor­ma­ti­vo sui paga­men­ti del­la PA è ben diver­so dal­la pras­si mes­sa in ope­ra nel perio­do Feb­bra­io-Luglio 2014, perio­do in cui dal Mef non era tra­pe­la­to più nul­la. Nel mede­si­mo perio­do, i paga­men­ti sono rima­sti pra­ti­ca­men­te fer­mi; a feb­bra­io era sta­to paga­to qua­si l’80–85% del­le som­me mes­se a dispo­si­zio­ne per il 2013; era, di fat­to, fini­ta la liqui­di­tà dispo­sta da Mon­ti-Let­ta e man­ca­va­no i decre­ti dei ripar­ti del­le nuo­ve som­me, dispo­ste sol­tan­to a fine Giugno.

La comu­ni­ca­zio­ne uffi­cia­le par­la di 57 miliar­di tota­li mes­si a dispo­si­zio­ne, ma è un valo­re pro­gres­si­vo che trae in ingan­no: tie­ne infat­ti in con­si­de­ra­zio­ne i paga­men­ti effet­tua­ti e le som­me non anco­ra dispo­ste. Per il 2014 dovreb­be­ro esser­ci a dispo­si­zio­ne alme­no 14 miliar­di di anti­ci­pi del­la Cdp, ma per ora ne sono sta­ti deli­be­ra­ti solo 3. Come dire, era tut­to risolto.

Sito­gra­fia

(1) Il Sole 24 Ore, 30/05/2014 — http://www.ediliziaeterritorio.ilsole24ore.com/art/infrastrutture24/2014–05-30/banca-italia-ancora-miliardi-114602.php?uuid=AbYSY5oJ

(2) Il Fat­to Quo­ti­dia­no, 20/07/2014 — http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/07/20/debiti-pa-la-sanita-resta-lentissima-sei-mesi-per-pagare-una-fattura/1064696/

(3) Ipsoa.it, 21/08/2014 — http://www.ipsoa.it/documents/fisco/riscossione/quotidiano/2014/08/21/compensazione-debiti-fiscali-e-crediti-verso-la-pa-in-arrivo-un-estensione-pro-contribuenti

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.