Dall’abrogazione alla proposta: 2/La conversione ecologica

consumo-suolo

Ma come… Non avreb­be dovu­to esse­re que­sto il tem­po del­la rottamazione?
E cosa si dovreb­be rot­ta­ma­re prio­ri­ta­ria­men­te, per defi­ni­zio­ne, se non ciò che ha dimo­stra­to una strut­tu­ra­le inca­pa­ci­tà di adem­pie­re effi­ca­ce­men­te ed effi­cien­te­men­te alle pro­prie funzioni?
Il refe­ren­dum ha pro­prio que­sto sco­po per noi: rottamare/abrogare quel­le nor­me scel­le­ra­te che ci chie­do­no di guar­da­re con mal ripo­sta spe­ran­za ad un pas­sa­to fal­li­men­ta­re, per poter comin­cia­re a costrui­re, imme­dia­ta­men­te, un futu­ro diver­so. Auspi­ca­bi­le, cre­di­bi­le e sostenibile.

Non ci basta un #Gree­nAct, quin­di, non più.
Dopo quel­lo che abbia­mo visto con lo sbloc­caI­ta­lia (che pre­ten­de di far pas­sa­re come inno­va­ti­ve ricet­te vec­chie e fal­li­men­ta­ri come l’a­sfal­to, le tri­vel­le e gli ince­ne­ri­to­ri), dopo l’ul­te­rio­re chi­rur­gi­co affos­sa­men­to del­le rin­no­va­bi­li, dopo le lodi per il mefi­sto­fe­li­co TTIP, dopo l’ac­ca­ni­men­to tera­peu­ti­co con l’IL­VA di Taran­to e con la rie­di­zio­ne del ricat­to decen­na­le tra salu­te e lavo­ro (solo per citar­ne alcu­ne)… non può basta­re che si vari un pac­chet­to più meno “ambien­ta­li­sta” per bilan­cia­re un vero e pro­prio siste­ma­ti­co scempio.
Stia­mo giun­gen­do alla con­fe­ren­za di Pari­gi con un assor­dan­te nul­la di fat­to in mano, sen­za che i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci (tra le cau­se prin­ci­pa­li del­le migra­zio­ni di mas­sa pre­sen­ti e futu­re e del­l’a­cuir­si di feno­me­ni di dis­se­sto, ad esem­pio) sia­no sta­ti seria­men­te pre­si in con­si­de­ra­zio­ne da nes­sun addet­to ai lavo­ri di que­sto Governo.

E allo­ra, a distan­za di 35 anni da quan­do Alex Lan­ger ne intuì la neces­si­tà e l’ur­gen­za, tor­nia­mo a pun­ta­re alto e ad esi­ge­re qual­co­sa di pro­fon­da­men­te e radi­cal­men­te diver­so. Quel­lo di cui abbia­mo biso­gno è di una rea­le “con­ver­sio­ne” del­la socie­tà, del­l’e­co­no­mia (com­pres­sa e avvi­li­ta da sche­mi fal­li­men­ta­ri), dei set­to­ri pro­dut­ti­vi, come anche del­la cul­tu­ra, del­le coscienze.

Il cam­po è vastis­si­mo, la sfi­da è enor­me… E allo­ra, sen­za la pre­te­sa di esau­ri­re imme­dia­ta­men­te tut­te le pos­si­bi­li azioni/questioni/problematiche, deci­dia­mo di par­ti­re da alcu­ni pun­ti cru­cia­li e sim­bo­li­ci, per i qua­li i prin­ci­pi si decli­ni­no in stra­te­gie e le stra­te­gie in pro­po­ste di leg­ge, da met­te­re nel­le mani del Par­la­men­to ita­lia­no (men­tre, su altri fron­ti, com­bat­tia­mo per­ché pos­sa real­men­te espri­me­re la sovra­ni­tà popolare).

Il pac­chet­to #con­ver­sio­ne pren­de­rà le mos­se da 4 temi, indi­ca­ti come stra­te­gi­ci anche dal­le più sane e sacro­san­te diret­ti­ve europee:
— stop al con­su­mo di suo­lo e alla cemen­ti­fi­ca­zio­ne sel­vag­gia che ha let­te­ral­men­te divo­ra­to, sac­cheg­gia­to e mes­so in peri­co­lo gran par­te del ter­ri­to­rio ita­lia­no, in bar­ba a un patri­mo­nio pae­sag­gi­sti­co di ine­sti­ma­bi­le valo­re; rige­ne­ra­zio­ne urba­na (anche in chia­ve anti-sismi­ca) e lot­ta al dis­se­sto idrogeologico;
— valo­riz­za­zio­ne del­le espe­rien­ze con­cre­te e ampia­men­te spe­ri­men­ta­te che han­no mostra­to che anda­re ver­so un siste­ma a “rifiu­ti zero” sia pos­si­bi­le e dove­ro­so, anche attra­ver­so il poten­zia­men­to del­la cosid­det­ta “eco­no­mia cir­co­la­re” che trat­ta siste­ma­ti­ca­men­te alla stre­gua di risor­se da valo­riz­za­re e ri-immet­te­re in cir­co­lo anche quel­le che un tem­po veni­va­no pen­sa­te come scar­ti e rifiuti;
— vivi­bi­li­tà e benes­se­re nel­le aree urba­ne e metro­po­li­ta­ne, pun­tan­do for­te­men­te su razio­na­liz­za­zio­ne dei con­su­mi, rispar­mio ener­ge­ti­co ed idri­co spin­to e gestio­ne nuo­va e soste­ni­bi­le del­la mobilità;
— stra­te­gia per una con­ver­sio­ne radi­ca­le e stra­te­gi­ca dei siti indu­stria­li inqui­nan­ti (che han­no deva­sta­to aree del Pae­se e inci­so dram­ma­ti­ca­men­te sul­la vita e sul­la salu­te di milio­ni di cit­ta­di­ni ita­lia­ni) e, ad un tem­po, per la pro­mo­zio­ne ed il soste­gno strut­tu­ra­le alle atti­vi­tà pro­dut­ti­ve e indu­stria­li for­te­men­te inno­va­ti­ve e soste­ni­bi­li, in gra­do di rilan­cia­re eccel­len­ze e com­pe­ten­ze anco­ra pre­sen­ti (mal­gra­do tut­to) nel nostro Paese
— lot­ta ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci: chiu­su­ra di ogni for­ma di finan­zia­men­to e soste­gno a impian­ti di gene­ra­zio­ne ener­ge­ti­ca fos­si­le ad alto impat­to ambien­ta­le e intro­du­zio­ne di un siste­ma fisca­le all’in­se­gna di “chi inqui­na paghi” (car­bon Tax), in gra­do di soste­ne­re e pro­muo­ve­re la gene­ra­zio­ne di ener­gia distri­bui­ta e puli­ta, l’ef­fi­cien­za ener­ge­ti­ca, le buo­ne pra­ti­che green. È que­sto il rea­le obiet­ti­vo stra­te­gi­co su cui inve­sti­re per ren­de­re l’I­ta­lia sta­bil­men­te indi­pen­den­te dal­le impor­ta­zio­ni di com­bu­sti­bi­li ed ener­gia (il petro­lio dei nostri mari è pochis­si­mo e di scar­sa qua­li­tà. Anche se cen­tel­li­na­to, sareb­be uti­liz­za­bi­le per pochi anni).

In que­sti gior­ni stia­mo siste­ma­tiz­zan­do, aggior­nan­do ed armo­niz­zan­do il mate­ria­le già dispo­ni­bi­le (e abban­do­na­to a favo­re di prov­ve­di­men­ti par­la­men­ta­ri sem­pre, casual­men­te, “più urgen­ti e indif­fe­ri­bi­li” per il Pae­se) e stia­mo costi­tuen­do grup­pi di lavo­ro mul­ti-disci­pli­na­ri tra esper­ti del set­to­re per per­fe­zio­na­re le pro­po­ste ed arric­chir­le del­le mol­te espe­rien­ze e com­pe­ten­ze vir­tuo­se del Paese.
Il pun­to di par­ten­za è sem­pli­ce: l’i­dea di futu­ro che voglia­mo costrui­re non è solo la più equa e soste­ni­bi­le. E’ anche la più effi­ca­ce e con­ve­nien­te in ter­mi­ni di lavo­ro, di com­pe­ti­ti­vi­tà del­le impre­se e del siste­ma Pae­se, di effi­cien­za, lega­li­tà e lot­ta alla cor­ru­zio­ne, di benes­se­re socia­le. Ce lo dimo­stra­no le miglia­ia le azien­de ita­lia­ne — gran­di, medie, pic­co­le — che su que­sta sfi­da stan­no già costruen­do le loro stra­te­gie, e il fat­to che que­sto pez­zo di eco­no­mia sia anche quel­lo che ha ret­to meglio all’ur­to del­la cri­si. Ce lo dimo­stra­no le buo­ne pra­ti­che di cui è dis­se­mi­na­to il nostro ter­ri­to­rio, par­te­ci­pa­te, sane, col­let­ti­ve. Il pro­ble­ma è una poli­ti­ca che igno­ra com­ple­ta­men­te que­sta pro­spet­ti­va, o che peg­gio, come nel caso del gover­no Ren­zi e dei suoi pre­de­ces­so­ri acco­mu­na­ti da una visio­ne tra­sver­sal­men­te fos­si­le, la sfa­vo­ri­sce. Sen­za un capo­vol­gi­men­to rea­le di que­sta visio­ne, la “green eco­no­my” ita­lia­na reste­rà solo una nic­chia, inve­ce di diven­ta­re la loco­mo­ti­va di una ripre­sa che tut­ti auspi­ca­no ma su cui nes­su­no, real­men­te, investe.
Insom­ma, la sfi­da è aper­ta, come anche il can­tie­re; “il tem­po di per­de­re tem­po”, gio­can­do a scim­miot­ta­re il boom degli anni ’60, è ampia­men­te sca­du­to; un nuo­vo modo di pen­sa­re al futu­ro, al benes­se­re, al lavo­ro, alla con­vi­ven­za socia­le, al rispet­to del pia­ne­ta e del pros­si­mo è, infi­ne, dav­ve­ro, possibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.