Dal PolitiCamp alla Siria: una raccolta di aiuti per i piccoli profughi

Sabato 16 luglio al Politicamp di Reggio Emilia sarà con noi Gaetano Turrini, presidente di Hope For Children, che da due anni lavora senza sosta in Siria e lungo la rotta balcanica. Ci parlerà della situazione siriana e allestiremo un banchetto per la raccolta dei beni destinati ai piccoli profughi siriani.

Saba­to 16 luglio al Poli­ti­camp di Reg­gio Emi­lia sarà con noi al Gae­ta­no Tur­ri­ni, pre­si­den­te di Hope For Chil­dren, asso­cia­zio­ne che da due anni lavo­ra sen­za sosta in Siria e lun­go il per­cor­so che i pro­fu­ghi in fuga affron­ta­no lun­go la rot­ta bal­ca­ni­ca.  Gae­ta­no è appe­na tor­na­to dal con­fi­ne Tur­co-Siria­no e al Chio­stro del­la Ghia­ra, e al Poli­ti­Camp ci rac­con­te­rà cosa sta suc­ce­den­do, cosa sta facen­do la sua asso­cia­zio­ne e qua­li sono le evo­lu­zio­ni poli­ti­che in Siria, ma anche in Europa.

Dal­le imma­gi­ni che arri­va­no la situa­zio­ne ci appa­re ter­ri­bi­le. Bom­be, for­se rus­se, for­se al fosfo­ro, cado­no sui cam­pi pro­fu­ghi. Cam­pi pro­fu­ghi pie­ni di bam­bi­ni. Ovun­que pic­co­li cor­pi mar­to­ria­ti, nel silen­zio gene­ra­le del mon­do. Il sen­so di impo­ten­za è tota­le, ma fer­mi non si può stare.

Per que­sto la set­ti­ma­na pros­si­ma par­ti­rà da Anco­na un cari­co di pro­dot­ti per i cam­pi pro­fu­ghi, e abbia­mo quin­di pen­sa­to di met­te­re a dispo­si­zio­ne il nostro camp a tut­ti colo­ro che vor­ran­no con­tri­bui­re por­tan­do qual­co­sa. Alle­sti­re­mo un ban­chet­to per rac­co­glie­re esclu­si­va­men­te i seguen­ti prodotti:

  • Mate­ria­le sanitario;
  • Vesti­ti LEGGERI per bam­bi­ni (non per adulti);
  • Pan­no­li­ni;
  • Bibe­ron e pro­dot­ti per l’infanzia;
  • Pro­dot­ti per l’igiene personale;
  • Cre­me solari;
  • Pro­dot­ti antipediculosi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.