Crollano i ghiacciai – Il nuovo clima chiede di cambiare

I ghiacciai si muovono da sempre, dicono gli esperti glaciologi: ma non a questa velocità, non con la frequenza a cui assistiamo oggi. Il punto è sempre lo stesso: l'accelerazione. Il mancato recupero fra un evento e l'altro. Un equilibrio spostato ineluttabilmente verso la perdita delle condizioni climatiche precedenti l'arrivo dell'industrializzazione.

È crol­la­ta così, un flus­so di fran­tu­mi di cen­ti­na­ia di miglia­ia di metri cubi di ghiac­cio, la par­te ter­mi­na­le del fron­te del ghiac­cia­io Tourt­mann, in Sviz­ze­ra. Gli sbal­zi ter­mi­ci del­le ulti­me set­ti­ma­ne sono sta­ti deci­si­vi per por­tar­ci via un altro pez­zo di sto­ria natu­ra­le, nel silen­zio che segue un gros­so tonfo. 

Nel­le stes­se ore vi era gran­de pre­oc­cu­pa­zio­ne attor­no al sor­ve­glia­to spe­cia­le del Plan­pin­cieux, 500 mila metri cubi che nel­la cadu­ta pote­va­no fini­re per inve­sti­re par­te del­l’o­mo­ni­ma fra­zio­ne di Cour­mayeur. Le con­di­zio­ni pre­ca­rie e in peg­gio­ra­men­to del ghiac­cia­io han­no deter­mi­na­to lo sfol­la­men­to di 75 per­so­ne, la sera del 7 ago­sto. Per ora il peri­co­lo sem­bra scam­pa­to, for­se fino alla pros­si­ma onda­ta di caldo. 

I ghiac­ciai si muo­vo­no da sem­pre, dico­no gli esper­ti gla­cio­lo­gi: ma non a que­sta velo­ci­tà, non con la fre­quen­za a cui assi­stia­mo oggi. Il pun­to è sem­pre lo stes­so: l’ac­ce­le­ra­zio­ne. Il man­ca­to recu­pe­ro fra un even­to e l’al­tro. Un equi­li­brio spo­sta­to ine­lut­ta­bil­men­te ver­so la per­di­ta del­le con­di­zio­ni cli­ma­ti­che pre­ce­den­ti l’ar­ri­vo dell’industrializzazione.

Var­reb­be la pena ragio­na­re oltre l’im­me­dia­tez­za lega­ta all’in­co­lu­mi­tà del­le per­so­ne: i ghiac­ciai che si sciol­go­no pro­vo­ca­no dan­ni ed allu­vio­ni, ma sono soprat­tut­to il sin­to­mo di una malat­tia cro­ni­ca e silen­zio­sa, dif­fi­ci­le da col­le­ga­re alla sopravvivenza. 

Con buo­na pace dei nega­zio­ni­sti che eti­chet­ta­no di allar­mi­smo i movi­men­ti per il cli­ma come Fri­days For Futu­re ed Extinc­tion Rebel­lion, ciò che sta avve­nen­do sot­to i nostri occhi è che i ghiac­ciai se ne van­no a cau­sa del riscal­da­men­to glo­ba­le, a vol­te silen­zio­sa­men­te, retro­ce­den­do sem­pre di più ogni esta­te, altre vol­te in modo mol­to rumo­ro­so, come nei casi di que­st’an­no e del­l’an­no scor­so a Zer­matt, sem­pre in Svizzera. 

La real­tà non guar­da in fac­cia a gior­na­li­sti prez­zo­la­ti, gover­nan­ti nega­zio­ni­sti, al com­par­to oil&gas, né ai pro­fit­ti stel­la­ri dei big del car­bo­ne. Lo spie­ga bene ISPRA, l’I­sti­tu­to supe­rio­re per la Pro­te­zio­ne e la Ricer­ca Ambien­ta­le, che ha pre­sen­ta­to in giu­gno l’“Annuario dei dati ambien­ta­li 2019”. 

Nel 2018, a fron­te di un aumen­to medio glo­ba­le di 0,98 gra­di cen­ti­gra­di, in Ita­lia si è regi­stra­to un aumen­to di 1,71 gra­di. La tem­pe­ra­tu­ra media in Ita­lia cre­sce più che in altre par­ti del mon­do, inclu­sa quel­la dei mari. Sia­mo e sare­mo sem­pre più sog­get­ti ad even­ti estre­mi (Paler­mo, ma anche Bre­scia, Ales­san­dria… Solo per par­la­re del­l’ul­ti­mo mese) con rela­ti­vi dan­ni a per­so­ne, cit­tà, stra­de, agricoltura. 

Milio­ni di euro di dan­ni, tra rico­stru­zio­ni e man­ca­te entra­te eco­no­mi­che. Nel­lo stes­so Annua­rio, ven­go­no ripor­ta­te le con­di­zio­ni in cui ver­sa­no flo­ra e fau­na, minac­cia­te sia da inqui­na­men­to e per­di­ta di habi­tat, che dal­le spe­cie alie­ne (alloc­to­ne, impor­ta­te da altre zone, che spes­so pre­val­go­no per adat­ta­bi­li­tà sul­le spe­cie autoc­to­ne) il cui ingres­so è faci­li­ta­to dai con­ti­nui scam­bi glo­ba­li e dal­l’au­men­to del­le temperature. 

Nel rap­por­to si leg­ge che solo il 48% dei fiu­mi ita­lia­ni ver­sa in buo­no sta­to, men­tre per i laghi si scen­de al 20%. Sul ver­san­te par­ti­co­la­to sospe­so, nel 21% del­le sta­zio­ni si sfo­ra­no i limi­ti gior­na­lie­ri per il PM10, con­fer­man­do il tri­ste pri­ma­to pada­no di aria peg­gio­re d’Europa. 

Gli uni­ci trend posi­ti­vi riguar­da­no i gas ser­ra che vedo­no un calo glo­ba­le rispet­to agli anni novan­ta (i CFC sono sta­ti ban­di­ti nel 1989) e le fon­ti rin­no­va­bi­li per le qua­li con i 18,3% dei con­su­mi l’I­ta­lia ha rag­giun­to l’o­biet­ti­vo euro­peo 2020 del 17%. Ma c’è poco da festeg­gia­re: per la sua con­for­ma­zio­ne e la posi­zio­ne geo­gra­fi­ca, l’I­ta­lia risen­ti­rà più di altre zone degli effet­ti nega­ti­vi del riscal­da­men­to glo­ba­le. Onda­te di cal­do, sic­ci­tà ed incen­di boschi­vi saran­no inten­si­fi­ca­ti ed alter­na­ti ad allu­vio­ni e fra­ne. Come se già non fos­si­mo un Pae­se ad alto rischio idrogeologico. 

A mag­gior ragio­ne occor­re quin­di diven­ta­re por­ta­ban­die­ra, far­si cata­liz­za­to­ri del­la decar­bo­niz­za­zio­ne del­l’e­co­no­mia, pun­ta­re deci­si su que­sta dire­zio­ne, anche con inve­sti­men­ti pub­bli­ci con­si­sten­ti, maga­ri pro­prio a par­ti­re dal Reco­ve­ry Fund (Gre­ta lo chie­de qui: https://climateemergencyeu.org/ #Face­The­Cli­ma­teE­mer­gen­cy)

E inve­ce? Inve­ce spes­so è pro­prio chi oggi ammi­ni­stra il pub­bli­co ad insi­ste­re su mio­pi e sor­pas­sa­te scor­cia­to­ie, con­ti­nuan­do a costrui­re auto­stra­de che chia­ma­no il con­su­mo di fos­si­li del tra­spor­to mer­ci e per­so­ne, con­ver­ten­do ed amplian­do gli aero­por­ti al traf­fi­co car­go anzi­ché sce­glie­re di ammo­der­na­re le reti fer­ro­via­rie locali.

Anche se non ce ne accor­gia­mo quan­do scen­dia­mo a com­pra­re il pane sot­to casa, le emer­gen­ze prin­ci­pa­li a cui dare rispo­ste coor­di­na­te sono due: il col­las­so cli­ma­ti­co e la sesta estin­zio­ne di mas­sa, ovve­ro la per­di­ta ver­ti­ca­le di bio­di­ver­si­tà. È tem­po di dise­gna­re pro­get­ti di ope­re pub­bli­che e infra­strut­tu­re che abbia­no l’o­biet­ti­vo di ridur­re entram­bi gli impatti.

Chia­ra Bertogalli

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.