La crisi umanitaria non è conclusa #SaveAleppo

Possibile vuole continuare a tenere alta l’attenzione sul conflitto siriano e le sue conseguenze, e a mobilitarsi attraverso azioni concrete a sostegno dei civili più vulnerabili. Per questa ragione abbiamo deciso di lanciare un appello a prima firma Shady Hamadi e di riservare uno spazio sul nostro sito per la raccolta fondi destinata al finanziamento di diversi progetti direttamente indirizzati ai bambini e alla popolazione siriana. Uno di questi progetti riguarda un orfanotrofio che sorge a Gaziantep, città turca a un'ora d'auto dal confine siriano: l’orfanotrofio Dar al-Salam. In questa struttura vivono 45 bambini e 7 vedove di guerra.

Non più di un mese fa abbia­mo assi­sti­to all’acutizzarsi del con­flit­to siria­no. Il mas­sa­cro di Alep­po ha rap­pre­sen­ta­to solo l’ul­ti­mo epi­so­dio alla base di una cri­si uma­ni­ta­ria ini­zia­ta ormai sei anni fa. Una guer­ra che, oltre ai tra­gi­ci svi­lup­pi dei qua­li venia­mo infor­ma­ti quo­ti­dia­na­men­te, lascia die­tro di sé sto­rie di per­so­ne sen­za col­pe né respon­sa­bi­li­tà, vit­ti­me inno­cen­ti di bom­bar­da­men­ti sen­za fine. Ad Alep­po, la vit­to­ria di Assad e dei suoi allea­ti ha di fat­to costret­to all’evacuazione dei civi­li del­la zona est del­la cit­tà, depor­ta­ti a tut­ti gli effet­ti ver­so cam­pi pro­fu­ghi, in atte­sa non si sa di qua­le futu­ro. Da quel momen­to il quie­tar­si del con­flit­to arma­to ha fat­to cala­re l’attenzione inter­na­zio­na­le su quan­to con­ti­nua inve­ce ad acca­de­re ad Alep­po e in tut­ta la Siria, com­pre­se le sto­rie di chi ha visto scon­vol­ta per sem­pre la pro­pria esistenza.

Pos­si­bi­le vuo­le inve­ce con­ti­nua­re a tene­re alta l’attenzione sul con­flit­to siria­no e le sue con­se­guen­ze, e a mobi­li­tar­si attra­ver­so azio­ni con­cre­te a soste­gno dei civi­li più vul­ne­ra­bi­li. Per que­sta ragio­ne abbia­mo deci­so di lan­cia­re un appel­lo a pri­ma fir­ma Sha­dy Hama­di e di riser­va­re uno spa­zio sul nostro sito per la rac­col­ta fon­di desti­na­ta al finan­zia­men­to di diver­si pro­get­ti diret­ta­men­te indi­riz­za­ti ai bam­bi­ni e alla popo­la­zio­ne siria­na. Uno di que­sti pro­get­ti riguar­da un orfa­no­tro­fio che sor­ge a Gazian­tep, cit­tà tur­ca a un’o­ra d’au­to dal con­fi­ne siria­no: l’orfanotrofio Dar al-Salam. In que­sta strut­tu­ra vivo­no 45 bam­bi­ni e 7 vedo­ve di guer­ra.

Di que­sto orfa­no­tro­fio ci ha par­la­to Eri­ka Capas­so, iscrit­ta a Pos­si­bi­le, che da diver­si mesi sta lavo­ran­do come volon­ta­ria per Dar al-Salam, andan­do rego­lar­men­te a Gazian­tep. Ne ha par­la­to anche in que­sta bre­ve inter­vi­sta (al minu­to 17.58) rila­scia­ta per Resta­te Sco­mo­di, pro­gram­ma di appro­fon­di­men­to di Rai Radio1, pochi gior­ni fa, al rien­tro dal suo ulti­mo viaggio.

Anche lon­ta­ni dai riflet­to­ri, le dif­fi­col­tà di una vita da rifu­gia­ti con­ti­nua­no ad esse­re mol­te. I biso­gni da sod­di­sfa­re sono tan­ti. Noi abbia­mo deci­so di par­ti­re dai più fon­da­men­ta­li. In que­sto caso, garan­ti­re a 45 bam­bi­ni l’accesso ad acqua sicu­ra e puli­ta. Dopo mesi di rac­col­ta fon­di, il pros­si­mo inter­ven­to riguar­de­rà infat­ti le tuba­tu­re del­la strut­tu­ra, attual­men­te danneggiate.

Qui di segui­to tro­va­te gli stru­men­ti per con­tri­bui­re alla cam­pa­gna, che al momen­to offre la pos­si­bi­li­tà di finan­zia­re due pro­get­ti. Oltre al rifa­ci­men­to del­l’im­pian­to idrau­li­co dell’orfanotrofio Dar al-Salam, infat­ti, stia­mo rac­co­glien­do fon­di per la distri­bu­zio­ne di pac­chi ali­men­ta­ri. Si trat­ta di due pro­get­ti atti­va­ti a segui­to del rag­giun­gi­men­to di due altri obiet­ti­vi, e cioè l’ac­qui­sto di un’am­bu­lan­za atti­va nel­le zone più col­pi­te e il finan­zia­men­to dei cor­ri­doi uma­ni­ta­ri ver­so l’I­ta­lia.

La pagi­na web alla qua­le fare rife­ri­men­to, e da dif­fon­de­re, è possibile.com/savea­lep­po.

[wc_row][wc_column size=“one-half” position=“first”]

Acqua sicura e pulita per 45 orfani di guerra e 7 vedove

dar_al_salam

[give_form id=“20600” show_title=“false” show_goal=“true”]

[/wc_column][wc_column size=“one-half” position=“last”]

Pacchi di beni alimentari per 100 famiglie

[give_form id=“20604” show_title=“false” show_goal=“true”]

[/wc_column][/wc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?