Corridoi umanitari: un’alternativa alla militarizzazione esiste

Mentre a Parigi si discutono piani straordinari per militarizzare frontiere e rotte migratorie, c'è chi si adopera per costruire un modello differente, in cui le persone non vengono bloccate ma aiutate, in cui non sono passatori, trafficanti e milizie a gestire i flussi ma le istituzioni e il terzo settore assieme.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1504005570633{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Sono atter­ra­ti que­sta mat­ti­na a Fiu­mi­ci­no con un volo Ali­ta­lia decol­la­to nel­la not­te da Bei­rut, Liba­no. Sono tren­ta­tre rifu­gia­ti siria­ni, ori­gi­na­ri soprat­tut­to di Dama­sco, ma c’è anche chi è fug­gi­to da Tar­tous, Alep­po, Hama e Homs. Sono arri­va­ti in Ita­lia legal­men­te e, soprat­tut­to, in manie­ra sicu­ra, sen­za dover met­te­re a rischio la pro­pria vita con peri­co­lo­sis­si­me tra­ver­sa­te del Medi­ter­ra­neo e sen­za traf­fi­can­ti. Han­no potu­to far­lo gra­zie a una spe­ri­men­ta­zio­ne pro­mos­sa da Comu­ni­tà di San­t’E­gi­dio, Chie­se Evan­ge­li­che e Chie­sa Val­de­se che ha aper­to un cor­ri­do­io uma­ni­ta­rio Liba­no-Ita­lia con lo sco­po di ren­de­re esi­gi­bi­le in manie­ra sicu­ra il dirit­to d’a­si­lo nel nostro paese.

«La base giu­ri­di­ca di que­sta ini­zia­ti­va ecu­me­ni­ca — scri­vo­no — si fon­da sull’art. 25 del Rego­la­men­to (CE) n. 810/2009 del 13 luglio 2009 rela­ti­vo al Codi­ce comu­ni­ta­rio dei visti e pre­ve­de la pos­si­bi­li­tà di con­ce­de­re visti con vali­di­tà ter­ri­to­ria­le limi­ta­ta, in dero­ga alle con­di­zio­ni di ingres­so pre­vi­ste in via ordi­na­ria dal codi­ce fron­tie­re Schen­gen, “per moti­vi uma­ni­ta­ri o di inte­res­se nazio­na­le o in vir­tù di obbli­ghi inter­na­zio­na­li”». E pro­se­guo­no: «Per que­sti moti­vi i cor­ri­doi uma­ni­ta­ri si pro­pon­go­no come un model­lo repli­ca­bi­le negli Sta­ti dell’area Schen­gen attuan­do una siner­gia vir­tuo­sa tra isti­tu­zio­ni e socie­tà civi­le».

Men­tre a Pari­gi si discu­to­no pia­ni straor­di­na­ri per mili­ta­riz­za­re fron­tie­re e rot­te migra­to­rie, per ren­de­re sem­pre più dif­fi­col­to­sa la fuga del­le per­so­ne, c’è chi si ado­pe­ra per costrui­re un model­lo dif­fe­ren­te, in cui le per­so­ne non ven­go­no bloc­ca­te ma aiu­ta­te, in cui non sono pas­sa­to­ri, traf­fi­can­ti e mili­zie a gesti­re i flus­si ma le isti­tu­zio­ni e il ter­zo set­to­re assie­me.

Nel dicem­bre scor­so, quan­do l’as­se­dio di Alep­po si è fat­to incre­di­bil­men­te vio­len­to, abbia­mo lan­cia­to la cam­pa­gna #SaveA­lep­po, con l’u­ni­co sco­po di aiu­ta­re i civi­li. Tra i pri­mi pro­get­ti che abbia­mo finan­zia­to (e che già ave­va­mo rac­con­ta­to ampia­men­te in Nes­sun Pae­se è un’i­so­la) gra­zie alle dona­zio­ni dei tan­ti iscrit­ti, atti­vi­sti e sim­pa­tiz­zan­ti di Pos­si­bi­le (e non solo) c’e­ra esat­ta­men­te il cor­ri­do­io uma­ni­ta­rio Liba­no-Ita­lia di cui sta­te leg­gen­do. Il nostro con­tri­bu­to è sta­to tut­to som­ma­to pic­co­lo, ma impor­tan­te per testi­mo­nia­re, come avve­nu­to sta­mat­ti­na, che pos­sia­mo adot­ta­re un approc­cio dif­fe­ren­te alle migra­zio­ni for­za­te e che pos­sia­mo attuar­lo. Basta volerlo.

La cam­pa­gna #SaveA­lep­po è anco­ra atti­va e pote­te con­tri­bui­re ai due pro­get­ti in cor­so clic­can­do qui.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.