Contro il trasformismo, per il rilancio del Sud

ars01

In Sici­lia il tra­sfor­mi­smo poli­ti­co ha ormai rag­giun­to dimen­sio­ni epo­ca­li: più di 43 su 90 depu­ta­ti all’assemblea regio­na­le sici­lia­na han­no cam­bia­to casac­ca dall’inizio del­la legi­sla­tu­ra ad oggi, il Par­ti­to Demo­cra­ti­co gover­na sta­bil­men­te con l’UDC e il segre­ta­rio regio­na­le del PD Raci­ti ritie­ne ormai pros­si­ma – e invo­ca, addi­rit­tu­ra – un’alleanza soli­da con il Nuo­vo Cen­tro­de­stra di Alfa­no in Sicilia.

La ripro­po­si­zio­ne in sal­sa sici­lia­na del Pat­to del Naza­re­no, insom­ma.

Il “fu” par­ti­to di Enri­co Ber­lin­guer tira drit­to ver­so le tap­pe con­clu­si­ve del­la sua muta­zio­ne gene­ti­ca: da par­ti­to atten­to ai valo­ri del­la soli­da­rie­tà, dei dirit­ti dei lavo­ra­to­ri e del­le clas­si più disa­gia­te a par­ti­to del­la Nazio­ne. Un car­roz­zo­ne dei vin­ci­to­ri dove chiun­que può, ade­ren­do all’opa su ricor­da­ta, dimen­ti­ca­re il pas­sa­to da cuffariano/ lom­bar­dia­no / for­zi­sta e otte­ne­re il lascia­pas­sa­re neces­sa­rio per una ria­bi­li­ta­zio­ne poli­ti­ca istan­ta­nea fina­liz­za­ta all’elezione al pros­si­mo tur­no elettorale.

Espo­nen­ti che fino a ieri affer­ma­va­no “il PD mi fa schi­fo”, fie­ri del­la loro mili­tan­za for­zi­sta, ed oggi ade­ri­sco­no al Par­ti­to Demo­cra­ti­co con estre­ma nonchalance.

Giu­sep­pe Toma­si di Lam­pe­du­sa, se potes­se, tro­ve­reb­be spun­ti per una tri­lo­gia inte­ra, altro che Gat­to­par­do.

In que­sto deso­lan­te con­te­sto, il dis­sen­so inter­no al Cen­tro-Sini­stra – o quel che ne rima­ne – sici­lia­no si fa sem­pre più inten­so. I mili­tan­ti e gli elet­to­ri sono insof­fe­ren­ti, disil­lu­si e ama­reg­gia­ti da una clas­se diri­gen­te che ante­po­ne gli inte­res­si di bot­te­ga agli inte­res­si dei cit­ta­di­ni e da un gover­no regio­na­le che ha dimo­stra­to ormai ampia­men­te la pro­pria inadeguatezza.

Ed è qui che si inse­ri­sce il pro­get­to di Pos­si­bi­le. Inten­dia­mo rida­re voce ai cit­ta­di­ni, ricrea­re spa­zi aper­ti, plu­ra­li, di con­fron­to, in cui il dis­sen­so non ven­ga liqui­da­to con una bat­tu­ta al vetrio­lo, ma ascol­ta­to, capi­to, affrontato.

Voglia­mo ritor­na­re ai valo­ri che con­trad­di­stin­guo­no la nostra azio­ne poli­ti­ca: non gli ince­ne­ri­to­ri e le tri­vel­le, non l’abbattimento del­lo Sta­tu­to dei lavo­ra­to­ri e l’accentramento del pote­re nel­le mani dei Pre­si­di, non una poli­ti­ca fat­ta da pochi e per pochi, ma un pro­get­to di gover­no con­di­vi­so, pun­tua­le, imper­nia­to sul rilan­cio del Sud, sul soste­gno alle azien­de agri­co­le e alle impre­se, su una nuo­va poli­ti­ca ener­ge­ti­ca soste­ni­bi­le e moder­na, sul rico­no­sci­men­to dei dirit­ti, a qual­sia­si lati­tu­di­ne. E’ per que­sto che lan­cia­mo un appel­lo ai mili­tan­ti e agli elet­to­ri delu­si dal Par­ti­to Demo­cra­ti­co, a quan­ti han­no con­vo­glia­to il voto di pro­te­sta indi­riz­zan­do­lo ver­so altri movi­men­ti, a quan­ti non tro­va­no più una rap­pre­sen­tan­za poli­ti­ca vali­da e si rifu­gia­no nell’asten­sio­ni­smo e a tut­ti colo­ro che, come noi, han­no a cuo­re le sor­ti del Mez­zo­gior­no: “non dob­bia­mo spe­ra­re, possiamo.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.