Una contrapposizione strumentale che fa male a tutti quanti

Soltanto una logica demenziale può contrapporre i terremotati ai profughi. Se c’è una cosa che li accomuna è non avere più una casa, averla vista per ragioni diverse distrutte. Come parte della loro vita, come parte della loro famiglia.

Il resto è una contrapposizione strumentale come poche altre, che gioca su elementi che sono diversi e non comparabili, sulla base di una fallacia argomentativa che avvicina cose che sembrano somigliarsi e che quindi funzionano nella conversazione polemica.

Il sostegno alla ricostruzione e l’ospitalità ai terremotati non hanno niente a che fare con il rifugio offerto a chi arriva nel nostro paese. Sono argomenti ben distinti, da trattare con strumenti e risorse differenti: la logica secondo la quale gli interventi si escluderebbero a vicenda è inefficace, oltre che inumana.

Eppure il discorso pubblico scava lungo questo solco e lo fa per voce dei soliti noti, come Roberto Maroni (ministro dell’Interno quando ci fu da gestire la ricostruzione de L’Aquila, per dire), che ha proposto di mettere a disposizione il campo base di Expo per gli sfollati italiani, invece che per i profughi stranieri. Come se uno spostamento di massa alle porte di Milano fosse la soluzione. Come se l’accoglienza di alcuni escluderebbe quella degli altri. Come se lo scontro tra chi è più in difficoltà non faccia male a tutti quanti.

Quello che ci aspettiamo è una gestione della crisi dovuta al terremoto che si metta (questa sì!) in contrapposizione rispetto agli affari, alle mire e ai ghigni degli specialisti dell’emergenza. E soprattutto che l’emergenza finisca presto, che la ricostruzione avvenga senza lasciare spazio a deroghe, ma attraverso il rispetto puntuale e celere delle norme.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati