Concorso docenti: un disastro annunciato. La nostra interrogazione alla Ministra Giannini.

Arrivano da ogni parte di Italia segnalazioni da chi, in queste settimane, è impegnato nelle prove e ovunque emergono criticità. Abbiamo deciso di raccoglierne alcune e farne oggetto di un atto ispettivo per vederci più chiaro. Una risposta dal Ministro Giannini non è solo opportuna ma doverosa.

Il con­cor­so docen­ti si sta rive­lan­do quel­lo che le pre­mes­se ave­va­no annun­cia­to: un disa­stro. Arri­va­no da ogni par­te di Ita­lia segna­la­zio­ni da chi, in que­ste set­ti­ma­ne, è impe­gna­to nel­le pro­ve e ovun­que emer­go­no cri­ti­ci­tà: gri­glie di valu­ta­zio­ne pub­bli­ca­te in ritar­do, cla­mo­ro­si (e ver­go­gno­si) erro­ri nell’abbinamento dei codi­ci ai can­di­da­ti, un altis­si­mo e ingiu­sti­fi­ca­to nume­ro di docen­ti boc­cia­ti.

Abbia­mo così deci­so, nel­le scor­se set­ti­ma­ne, di rac­co­glie­re alcu­ne segna­la­zio­ni per­ve­nu­te e far­ne ogget­to di un atto ispet­ti­vo per veder­ci più chia­ro. Una rispo­sta dal Mini­stro Gian­ni­ni non è solo oppor­tu­na ma dove­ro­sa. Non si può far fin­ta che tut­to stia pro­ce­den­do sen­za intoppi.

Con­ti­nua­re a par­la­re di “Buo­na Scuo­la” sta diven­tan­do sem­pre più imba­raz­zante, tan­to più dove agli erro­ri gros­so­la­ni e alle pro­ce­du­re poco chia­re, si som­ma la man­can­za del basi­la­re rispet­to del­la digni­tà e del­la pro­fes­sio­na­li­tà dei docen­ti, cioè di chi del­la scuo­la ne è pilastro.

INTERROGAZIONE A FIRMA CIVATI, BRIGNONE, MAESTRI, PASTORINO, MATTARRELLI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.