Ciò che dice il Premier non risolverà i problemi di Taranto

Nel 2013, la Procura di Taranto ed i Custodi Giudiziari avevano stimato in 8,1 miliardi di euro il costo totale degli interventi necessari al ripristino funzionale degli impianti dell’area a caldo per un possibile risanamento ambientale. Parliamo quindi di 8,1 miliardi di euro solo per l' ambientalizzazione.

Il Pre­si­den­te del Con­si­glio ha annun­cia­to l’al­tro­ie­ri, duran­te la sua diret­ta Face­book, che sarà stan­zia­to «oltre un miliar­do per risa­na­re Taranto».

Il Pre­si­den­te Ren­zi ha spe­ci­fi­ca­to che «si è con­clu­sa la nego­zia­zio­ne tra la fami­glia Riva e Ilva e oltre 1 miliar­do di euro arri­ve­ran­no dal­la fami­glia Riva come com­pen­sa­zio­ne. Que­sti sol­di, alla fine qua­si 1,3 miliar­di, andran­no a risa­na­re Taran­to e l’Ilva».

Pare di capi­re, quin­di, che la som­ma alla qua­le si fa rife­ri­men­to sia pari a 1,3 miliar­di di euro, custo­di­ti in Sviz­ze­ra e che potreb­be­ro esse­re libe­ra­ti, ma non si sa quando.

Anche qua­lo­ra quei sol­di — che sono la som­ma con la qua­le i Riva liqui­de­reb­be­ro ogni debi­to nei con­fron­ti del­l’a­zien­da Ilva — fos­se­ro libe­ra­ti, non sareb­be­ro affat­to desti­na­ti alla cit­tà di Taran­to, o solo mol­to parzialmente.

Essi sareb­be­ro infat­ti desti­na­ti allo sta­bi­li­men­to. E ci sono due cose che non ven­go­no pre­se in considerazione:

  1. l’en­ti­tà del dan­no com­ples­si­vo che la fami­glia Riva dovrà cor­ri­spon­de­re sarà sta­bi­li­to solo dopo il Pro­ces­so in atto a Taranto.
  2. la som­ma di 1,3 miliar­di è irri­so­ria rispet­to alle neces­si­tà di Ilva e Taranto.

Nel 2013, la  Pro­cu­ra di Taran­to ed i Custo­di Giu­di­zia­ri ave­va­no sti­ma­to in 8,1 miliar­di di euro il costo tota­le degli inter­ven­ti neces­sa­ri al ripri­sti­no fun­zio­na­le degli impian­ti dell’area a cal­do per un pos­si­bi­le risa­na­men­to ambien­ta­le. Par­lia­mo quin­di di 8,1 miliar­di di euro solo per l’ ambien­ta­liz­za­zio­ne.

A que­sta som­ma van­no aggiun­ti i costi del­le spe­se di bonifica.

Quin­di, cosa si fareb­be con 1,3 miliar­di? Poco o nul­la rispet­to all’en­ti­tà dei pro­ble­mi. Quel­le som­me potreb­be­ro anda­re anco­ra una vol­ta a risa­na­re i debi­ti del­l’Il­va ma nul­la di più.

Quel­le che sono sta­te defi­ni­te le “pole­mi­che” su Taran­to non sono affat­to pole­mi­che, ma istan­ze, richie­ste di aiu­to, eser­ci­zio del dirit­to di paro­la da par­te di una popo­la­zio­ne for­te­men­te toc­ca­ta da un dram­ma per il qua­le non si intrav­ve­de soluzione.

Per risol­ve­re la “que­stio­ne Taran­to” ci vuo­le una deci­sio­ne chia­ra sul futu­ro e lo stan­zia­men­to dei fon­di ade­gua­ti. Ma, pri­ma di tut­to, la volon­tà poli­ti­ca di anda­re fino in fondo.

Le ope­re neces­sa­rie per Taran­to sono di gran­dis­si­ma por­ta­ta e meri­te­reb­be­ro l’in­clu­sio­ne del­la cit­tà all’in­ter­no dei pro­ces­si deci­sio­na­li in ambi­to nazio­na­le ed euro­peo.

Anto­nia Battaglia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.