#Cannabislegale: le obiezioni frequenti

Un comodo vademecum, per rispondere alle più diffuse (e sbagliate) obiezioni alla legalizzazione della cannabis

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1506090983928{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Non ave­te altro di cui parlare?

Il benal­tri­smo è il pri­mo nemi­co del­la lega­liz­za­zio­ne. Si segna­la che la lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis è uno spac­ca­to, anzi una sin­te­si dei pro­ble­mi prin­ci­pa­li del nostro pae­se: la pre­sen­za capil­la­re del­la mafia e del­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta, il nero, la scar­sa pre­ven­zio­ne sani­ta­ria e la debo­lez­za del­le leggi.

La lega­liz­za­zio­ne è una mano­vra eco­no­mi­ca che vale miliar­di di euro (tra rispar­mi e entra­te fisca­li, diret­te e indi­ret­te), deci­ne di miglia­ia di posti di lavo­ro (lega­li) nel­le sti­me più pru­den­ti, la ridu­zio­ne del­la liqui­di­tà del­la mafia e del suo rag­gio di azio­ne, in con­tat­to con la popo­la­zio­ne, la pos­si­bi­li­tà di uti­liz­za­re le ingen­ti risor­se recu­pe­ra­te per la pre­ven­zio­ne e per la sanità.

La lega­liz­za­zio­ne per­met­te­reb­be di evi­ta­re la cri­mi­na­liz­za­zio­ne di com­por­ta­men­ti di mini­mo impat­to socia­le, pas­san­do da un approc­cio mera­men­te e pesan­te­men­te repres­si­vo a un approc­cio più accu­ra­to nell’affrontare casi di disa­gio socia­le.

Il proi­bi­zio­ni­smo favo­ri­sce il con­tat­to e la com­pli­ci­tà di comu­ni cit­ta­di­ni (one­sti!) con gli ambien­ti del­la cri­mi­na­li­tà: chi si fa uno spi­nel­lo, spes­so finan­zia le mafie e il narcotraffico.

Da ulti­mo, il fal­li­men­to del­la stra­te­gia proi­bi­zio­ni­sti­ca e repres­si­va fa pen­sa­re che l’impianto legi­sla­ti­vo che la sostie­ne sia del tut­to ina­de­gua­to: non vi è cosa peg­gio­re di una leg­ge (spro­por­zio­na­ta) che non è rispettata.

A ciò si aggiun­ge che la lega­liz­za­zio­ne con­sen­ti­reb­be un più faci­le acces­so alla can­na­bis tera­peu­ti­ca, ridu­cen­do­ne i costi, e dareb­be nuo­vo slan­cio alla filie­ra indu­stria­le del­la can­na­bis, ambi­to nel qua­le il nostro pae­se era lea­der mon­dia­le fino alla metà del Novecento.

 

I gio­va­ni con­su­me­reb­be­ro di più!

La leg­ge si rivol­ge ai mag­gio­ren­ni. Per i gio­va­ni rimar­reb­be l’attuale legi­sla­zio­ne, che non evi­ta che milio­ni di per­so­ne con­su­mi­no can­na­bis. C’è chi dice che con la lega­liz­za­zio­ne aumen­te­reb­be­ro i con­su­ma­to­ri mino­ren­ni per­ché il con­su­mo del­la can­na­bis diver­reb­be più acces­si­bi­le e con­sue­tu­di­na­rio. In veri­tà le sta­ti­sti­che di chi ha lega­liz­za­to, come alcu­ni sta­ti degli Sta­ti uni­ti, dico­no che con la lega­liz­za­zio­ne non aumen­ta­no né i gio­va­ni con­su­ma­to­ri né il con­su­mo di can­na­bis, ma dimi­nui­sco­no. Peral­tro la can­na­bis lega­le che doves­se arri­va­re nel­le dispo­ni­bi­li­tà dei mino­ren­ni sareb­be pro­dot­to cer­ti­fi­ca­to rispet­to alle schi­fez­ze attual­men­te in cir­co­la­zio­ne, che pos­so­no esse­re taglia­te con altre sostan­ze, appe­san­ti­te da mate­ria­li di risul­ta o anche solo con­ta­mi­na­te per via del tra­spor­to. La lega­liz­za­zio­ne con­sen­ti­reb­be, inol­tre, di veri­fi­ca­re mol­to più di quan­to non acca­da oggi la ‘poten­za’ del­la can­na­bis e dei suoi deri­va­ti, con­trol­lan­do mag­gior­men­te i loro effet­ti sui con­su­ma­to­ri, per un con­su­mo mol­to più consapevole.

 

La lega­liz­za­zio­ne libe­ra­liz­za com­por­ta­men­ti sbagliati!

In veri­tà la can­na­bis è già libe­ra­liz­za­ta di fat­to, in Ita­lia. L’azione repres­si­va si è rive­la­ta costo­sis­si­ma e inef­fi­ca­ce. La can­na­bis è acces­si­bi­le in pochi minu­ti in qual­sia­si cit­tà del pae­se. I con­su­ma­to­ri in tota­le sono cin­que milio­ni. Soprat­tut­to tra le fasce più gio­va­ni del­la popo­la­zio­ne è tutt’altro che ban­di­ta. E tut­to ciò in pre­sen­za di un siste­ma proi­bi­zio­ni­sti­co che si è spin­to fino al paros­si­smo del­la leg­ge Fini-Gio­va­nar­di, dichia­ra­ta incostituzionale.

Peral­tro, chi ven­de can­na­bis spes­so ven­de dell’altro, in cir­cui­ti cri­mi­na­li che avvi­ci­na­no il con­su­ma­to­re di can­na­bis ad altre sostan­ze: un con­nu­bio che la lega­liz­za­zio­ne spez­ze­reb­be, sepa­ran­do le moda­li­tà di acces­so alle diver­se sostanze.

 

E se poi chi assu­me can­na­bis lega­le guida?!

Con l’approvazione del­la pro­po­sta dell’intergruppo non cam­bia nul­la (ovvia­men­te) per la gui­da in sta­to di ebbrez­za e di alte­ra­zio­ne, che sareb­be san­zio­na­ta come lo è oggi. L’argomento però è fal­la­ce: nes­su­no si sogne­reb­be di vie­ta­re l’assunzione di alcol solo per­ché poi qual­cu­no, sba­glian­do, si potreb­be met­te­re alla gui­da di un auto.

 

Però la can­na­bis fa male!

La lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis non è un invi­to al suo con­su­mo. Vale lo stes­so argo­men­to che si adot­ta per l’alcol (più noci­vo del­la can­na­bis) e che non por­ta nes­sun legi­sla­to­re a imma­gi­na­re di ren­der­lo ille­ga­le. Il con­su­mo con­sa­pe­vo­le può evi­ta­re abu­si o comun­que ridur­re il dan­no e la lega­liz­za­zio­ne con­sen­ti­reb­be di supe­ra­re alcu­ne con­se­guen­ze del proi­bi­zio­ni­smo, che spes­so aggra­va la situa­zio­ne san­zio­nan­do in modo spro­por­zio­na­to com­por­ta­men­ti che non sono di nocu­men­to a ter­zi. A ciò si aggiun­ge che è cre­sciu­ta in que­sti anni l’influenza nel­la nostra socie­tà di sostan­ze asso­lu­ta­men­te lega­li — pastic­che e oppioi­di — che pro­vo­ca­no for­ti dipen­den­ze e cau­sa­no nume­ro­se mor­ti per over­do­se (anche acci­den­ta­li) che la can­na­bis, inve­ce, non com­por­ta affat­to. Si segna­la da ulti­mo che l’uso per­so­na­le non è san­zio­na­to nem­me­no ora, in regi­me di proibizione.

 

La can­na­bis por­ta all’uso di dro­ghe pesanti!

La «teo­ria del pas­sag­gio» è con­si­de­ra­ta del tut­to infon­da­ta in asso­lu­to, anche in pre­sen­za del proi­bi­zio­ni­smo che già cono­scia­mo e di cui subia­mo le con­se­guen­ze. Come già illu­stra­to qui sopra, la lega­liz­za­zio­ne peral­tro aumen­ta (non dimi­nui­sce) la distan­za da altre sostan­ze, che rimar­reb­be­ro ille­ci­te e non sareb­be­ro cer­to ven­du­te da chi offre can­na­bis, come acca­de ora. La lega­liz­za­zio­ne distin­gue la can­na­bis da altre sostan­ze più noci­ve, in ter­mi­ni di impat­to sull’organismo e di dipendenza.

Per ulte­rio­ri infor­ma­zio­ni, nume­ri e ragio­ni a favo­re del­la lega­liz­za­zio­ne, mi per­met­to di sug­ge­ri­re la let­tu­ra di Giu­sep­pe Civa­ti, Can­na­bis. Dal proi­bi­zio­ni­smo alla lega­liz­za­zio­ne, Fan­dan­go 2016.

[SCARICA “#CANNABISLEGALE: LE OBIEZIONI FREQUENTI”]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.