Cannabis: un’ipocrisia che non possiamo più permetterci

L’Euro­pean Drug Report del 2018 pub­bli­ca­to dall’Osser­va­to­rio Euro­peo sul­le Dro­ghe mostra un qua­dro evi­den­te: la que­stio­ne del­la can­na­bis nel nostro pae­se non può esse­re riman­da­ta oltre, per il benes­se­re del­la nostra cit­ta­di­nan­za, per il rispet­to dei loro dirit­ti, e non ulti­mo per un rea­le con­tra­sto alla cri­mi­na­li­tà organizzata.

Oltre il 25% del­la popo­la­zio­ne euro­pea ha con­su­ma­to can­na­bis nel cor­so del­la sua vita, un dato signi­fi­ca­ti­vo che in Ita­lia arri­va al 33%, il ter­zo dato più alto dopo quel­lo di Esto­nia (41%) e Fran­cia (38%).

Un dato anco­ra più rile­van­te mostra come il 10% del­la nostra popo­la­zio­ne abbia con­su­ma­to can­na­bis nel cor­so dell’ultimo anno, il secon­do dato più alto dopo quel­lo del­la Fran­cia (11%). Un dato media­no attra­ver­so le varie fasce di età, ma che comun­que dimo­stra un con­su­mo ricrea­ti­vo che attra­ver­sa tut­te le demo­gra­fi­che e non riguar­da asso­lu­ta­men­te solo i gio­va­ni o gio­va­nis­si­mi.

Il rap­por­to mostra, però, che meno dell’1% del­la nostra popo­la­zio­ne fa uso quo­ti­dia­no di can­na­bis, un dato che resta bas­so anche nel­la fascia con­si­de­ra­ta più espo­sta: solo l’1,84% dei gio­va­ni tra i 15–34 anni fa uso quo­ti­dia­no di cannabis.

Si trat­ta, per­ciò, di un con­su­mo ricrea­ti­vo mol­to distan­te dall’abuso e che riguar­da però milio­ni di per­so­ne, mol­te del­le qua­li adul­te e pie­na­men­te matu­re e in gra­do di deci­de­re in liber­tà di come dispor­re del­la loro vita.

Que­sti dati mostre­reb­be­ro una “libe­ra­liz­za­zio­ne di fat­to” del­la can­na­bis nel nostro pae­se, ma si scon­tra­no mol­to dura­men­te con il com­por­ta­men­to del nostro Sta­to nei con­fron­ti del­la que­stio­ne cannabis.

I ten­ta­ti­vi del­la scor­sa legi­sla­tu­ra di pro­muo­ve­re una sep­pur timi­da lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis sono anda­ti fal­li­ti, con un fron­te anti-can­na­bis che ha visto uni­re le for­ze tut­ti i par­ti­ti di destra e il par­ti­to demo­cra­ti­co, con alcu­ne ecce­zio­ni personali.

L’Italia resta quin­di un pae­se dove una per­so­na su die­ci con­su­ma sal­tua­ria­men­te can­na­bis, ma nell’illegalità.

Que­sto lede per pri­mo il dirit­to alla salu­te dei cit­ta­di­ni, che sono in que­sto modo espo­sti a rischi lega­ti al man­ca­to con­trol­lo del­le sostan­ze che assu­mo­no. I dati del rap­por­to euro­peo 2018 mostra­no, infat­ti, come la mor­te da abu­so di dro­ghe sia anco­ra sostan­zial­men­te esclu­si­va del­le dro­ghe pesan­ti, ma anche come sia in for­te aumen­to la poten­za del­la can­na­bis in cir­co­la­zio­ne in Euro­pa, e come sia mol­to mol­to alto il rischio di intos­si­ca­zio­ne dovu­ta all’uso di can­na­bi­noi­di sin­te­ti­ci.

Inol­tre, il con­su­mo nell’illegalità lede la liber­tà di ita­lia­ne e ita­lia­ni. L’Italia è al quar­to posto in Euro­pa per rea­ti lega­ti alla can­na­bis: 42609 casi nell’ultimo anno di rile­va­zio­ne, il 2016. Ma di que­sti, ben il 62% riguar­da il con­su­mo e non lo spac­cio.

La liber­tà dei nostri con­cit­ta­di­ni è mes­sa a repen­ta­glio e i nostri tri­bu­na­li sono inta­sa­ti da deci­ne di miglia­ia di cau­se lega­te al con­su­mo, che i dati dimo­stra­no modi­co, di una sostan­za che in mol­ti altri pae­si è per­fet­ta­men­te legale.

Il tut­to sen­za con­si­de­ra­re che l’esposizione a un mer­ca­to ille­ci­to com­por­ta un rischio con­si­sten­te per i con­su­ma­to­ri, e non solo per loro.

La salu­te dei nostri cit­ta­di­ni non è tute­la­ta, infat­ti, né lo è la loro liber­tà per­so­na­le, per non par­la­re del­la sicu­rez­za. Ma chi ci gua­da­gna dav­ve­ro è solo la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta, che con­trol­la inte­ra­men­te un mer­ca­to sti­ma­to in 5 miliar­di di euro all’anno.

Sen­za nem­me­no var­ca­re la soglia del­la liber­tà per­so­na­le, sen­za nem­me­no affron­ta­re gli aspet­ti medi­ci del­la que­stio­ne (il rap­por­to euro­peo mostra chia­ra­men­te come l’abuso di alcol sia un pro­ble­ma mol­to più gran­de e mol­to più sot­to­va­lu­ta­to, per la nostra popo­la­zio­ne e in par­ti­co­la­re per le fasce più gio­va­ni), i nudi dati del rap­por­to euro­peo 2018 sul con­su­mo di dro­ghe mostra­no come la lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis sareb­be un fat­to di puro buon sen­so, quel buon sen­so che l’attuale gover­no Lega-5Stel­le sostie­ne esse­re l’unico vero faro del­la pro­pria azio­ne politica.

Sap­pia­mo bene che da loro non avre­mo alcu­na rispo­sta, in que­sto sen­so. Anche se il Movi­men­to 5 Stel­le si era schie­ra­to a favo­re del­la lega­liz­za­zio­ne, pare chia­ro che con un Mini­stro dell’Interno come Sal­vi­ni l’approccio ottu­sa­men­te repres­si­vo con­ti­nue­rà a far­la da padro­ne, e i 5 Stel­le saran­no ben feli­ci di sacri­fi­ca­re le loro idee per man­te­ne­re il con­trol­lo sul­la loro fet­ta di potere.

Noi di Pos­si­bi­le con­ti­nue­re­mo comun­que a bat­ter­ci per un pae­se final­men­te più libe­ro e per toglie­re risor­se alla mafia per dar­le allo Sta­to e ai ser­vi­zi per tut­te e tut­ti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.