Il buco nero del decommissioning nucleare

La storia di SOGIN, soggetto pubblico teoricamente preposto al decommissioning delle centrali nucleari, e dei continui slittamenti della data prevista per la conclusione dei lavori, associati ad un continuo incremento dei costi complessivi

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1506693280713{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]C’è un arti­co­lo di Fran­ce­sco Fer­ran­te, usci­to ieri su La Stam­pa Tut­to­green, che si può sere­na­men­te anno­ve­ra­re tra quel­li che ti fan­no pri­ma sob­bal­za­re dal­la sedia, per poi far­ti met­te­re le mani tra i capel­li. Rac­con­ta una sto­ria di mala poli­ti­ca, di mala gestio­ne di fon­di pub­bli­ci non­ché, natu­ral­men­te, di “malis­si­ma” tute­la del­la salu­te pub­bli­ca e del ter­ri­to­rio, che va avan­ti da anni e non accen­na mini­ma­men­te a cam­bia­re tendenza.

E’ la sto­ria di SOGIN, sog­get­to pub­bli­co teo­ri­ca­men­te pre­po­sto al decom­mis­sio­ning del­le cen­tra­li nuclea­ri instal­la­te in Ita­lia negli anni ’60 e ’70, e dei con­ti­nui slit­ta­men­ti del­la data pre­vi­sta per la con­clu­sio­ne dei lavo­ri, asso­cia­ti ad un con­ti­nuo incre­men­to dei costi com­ples­si­vi per arri­va­re al rag­giun­gi­men­to dell’obiettivo.

Costa la strut­tu­ra inter­na, costa la manu­ten­zio­ne dei siti per tener­li in con­di­zio­ni di sicu­rez­za (nell’attesa del fan­to­ma­ti­co sman­tel­la­men­to), coste­rà sem­pre di più quest’ultimo via via che l’invecchiamento del­le infra­strut­tu­re le ren­de­rà più fra­gi­li e dif­fi­ci­li da maneggiare.

Il para­gra­fo più allu­ci­nan­te è, a pare­re di chi scri­ve, que­sto qui:

“Nel 2008 Sogin pre­sen­ta un pia­no per cui il decom­mis­sio­ning si sareb­be dovu­to con­clu­de­re nel 2019 con una spe­sa com­ples­si­va di 4,5 miliar­di di euro. Due anni dopo aggior­na quel pia­no spo­stan­do la pre­vi­sio­ne di con­clu­sio­ne dei lavo­ri al 2024 con una spe­sa aumen­ta­ta a 5,7 miliar­di. Nel 2013 pren­do­no atto di aver fat­to poco o nul­la e spo­sta­no con­clu­so­ne dei lavo­ri al 2025 aumen­tan­do la spe­sa pre­vi­sta a 6,32 miliar­di di euro! Nel frat­tem­po però Sogin costa e se si leg­go­no i suoi bilan­ci pos­sia­mo cal­co­la­re che dal 2001 – l’anno in cui il Gover­no con la diret­ti­va Ber­sa­ni fis­sa­va al 2019 la fine del decom­mis­sio­ning – fino appun­to al 2019 ver­rà a costa­re 4,3 miliar­di di euro: qua­si quan­to nel 2008 si pre­ve­de­va sareb­be venu­to a costa­re l’intero pia­no di decom­mis­sio­ning. Pec­ca­to che – paro­le dei suoi stes­si diri­gen­ti – sia­mo a un quar­to di quel piano.”

Di que­sto pas­so, inve­ce di ter­mi­na­re nel 2019 con costi com­ples­si­vi di poco supe­rio­ri ai 4 miliar­di di euro, i lavo­ri potreb­be­ro fini­re ben dopo il 2035 (for­se!), ad un costo supe­rio­re ai 10 miliar­di.

Nume­ri da capo­gi­ro, quan­do i sol­di per le cose dav­ve­ro impor­tan­ti e urgen­ti non sono mai abba­stan­za (mes­sa in sicu­rez­za del ter­ri­to­rio, riqua­li­fi­ca­zio­ne ener­ge­ti­ca e sismi­ca degli edi­fi­ci, lot­ta all’abusivismo, boni­fi­ca dei siti inqui­na­ti etc.).

Nume­ri da capo­gi­ro, quan­do in nome del­la spen­ding review i ser­vi­zi al cit­ta­di­no sono ridot­ti a meno dell’osso.

Qual­cu­no dovrà rispon­de­re di que­sto buco nero, a par­ti­re dal gover­no in cari­ca, che dovrà rispon­de­re innan­zi­tut­to ad un’interrogazione par­la­men­ta­re che pro­prio in que­ste ore Pos­si­bi­le sta pre­pa­ran­do.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.