Dopo Bologna, Alessandria e Torino il “Tour dei Diritti” fa tappa al PolitiCamp

Un Tour dei Diritti attraverso il quale iniziare un viaggio tra i territori, i comitati e le associazioni, per confrontarci e contribuire, tutti insieme, al nostro Manifesto per trasformarlo in un bene comune, patrimonio di tutte e tutti

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1499781384510{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]A par­ti­re dal­la Costi­tuen­te del­le Idee, con il Grup­po Nazio­na­le Dirit­ti, abbia­mo ini­zia­to un lavo­ro aper­to, con­di­vi­so e par­te­ci­pa­to per con­tri­bui­re alla reda­zio­ne del Mani­fe­sto di Pos­si­bi­le che pos­sa rap­pre­sen­ta­re il pro­get­to di gover­no di una sini­stra lai­ca, libe­ra e atten­ta ai dirit­ti, all’autodeterminazione ed al con­tra­sto di ogni for­ma di odio, intol­le­ran­za e discri­mi­na­zio­ne. In que­sto per­cor­so abbia­mo scel­to di ascol­ta­re le asso­cia­zio­ni che da anni, ogni gior­no dell’anno, si occu­pa­no di pro­muo­ve­re una cul­tu­ra del­la pari­tà con­vin­ti che un par­ti­to poli­ti­co deb­ba esse­re il mez­zo, lo stru­men­to, col qua­le met­te­re a siste­ma e dare voce alle buo­ne pra­ti­che che già esi­sto­no nei nostri ter­ri­to­ri e che van­no valorizzate.

Per que­sti moti­vi abbia­mo lan­cia­to un Tour dei Dirit­ti attra­ver­so il qua­le ini­zia­re un viag­gio tra i ter­ri­to­ri, i comi­ta­ti e le asso­cia­zio­ni, per con­fron­tar­ci e con­tri­bui­re, tut­ti insie­me, al nostro Mani­fe­sto per tra­sfor­mar­lo in un bene comu­ne, patri­mo­nio di tut­te e tut­ti.

L’idea di apri­re un per­cor­so di par­te­ci­pa­zio­ne intor­no al mani­fe­sto pro­gram­ma­ti­co e alle pro­po­ste per le tema­ti­che LGBTQI*, ci ha por­ta­to a riflet­te­re sul­la neces­si­tà di crea­re momen­ti di con­fron­to sui ter­ri­to­ri per mobi­li­ta­re tut­te e tut­ti su temi che non riguar­da­no solo alcu­ni ma che diven­ta­no il ter­re­no su cui rico­strui­re l’impegno atti­vo e con­sa­pe­vo­le di tutt*. Il rico­no­sci­men­to e la tute­la dei dirit­ti (uma­ni, civi­li, poli­ti­ci, costi­tu­zio­na­li) sono gli ele­men­ti attra­ver­so i qua­li misu­ra­re lo sta­to di salu­te del­la nostra demo­cra­zia.

Lo scor­so 30 giu­gno abbia­mo aper­to il Tour a Bolo­gna per par­la­re di edu­ca­zio­ne alle dif­fe­ren­ze insie­me a Il Pro­get­to Ali­ce (che fa par­te del net­work nazio­na­le Edu­ca­re alle Dif­fe­ren­ze), ad Arci­gay il Cas­se­ro, a Coa­li­zio­ne Civi­ca Bolo­gna ed alla nostra euro­de­pu­ta­ta Elly Schlein. È sta­ta una ini­zia­ti­va impor­tan­te con la qua­le si è pro­va­to a met­te­re a siste­ma le buo­ne pra­ti­che già esi­sten­ti con l’impegno che gli Enti Loca­li pos­so­no por­ta­re avan­ti per pro­muo­ve­re una cul­tu­ra del rispet­to e del­la pari­tà. Han­no par­te­ci­pa­to anche le inse­gnan­ti dell’Istituto Com­pren­si­vo di San Pie­tro in Casa­le, nei pres­si di Bolo­gna, che per aver scel­to di rea­liz­za­re per­cor­si di edu­ca­zio­ne alle dif­fe­ren­ze sono sta­te ogget­to dell’attacco dell’estrema destra.

Il 6 e 7 luglio inve­ce è sta­to il tur­no del­le tap­pe pie­mon­te­si. Ad Ales­san­dria la discus­sio­ne con l’associazione Tes­se­re le Iden­ti­tà è sta­ta ric­ca di spun­ti a par­ti­re dal lavo­ro capil­la­re che in que­sti anni stan­no facen­do su un ter­ri­to­rio non sem­pli­ce, vista la gran­de pre­sen­za di movi­men­ti con­tra­ri alle riven­di­ca­zio­ni in tema di dirit­ti. Un con­fron­to che si è spo­sta­to anche sul­la più gene­ra­le rifles­sio­ne sul tema del­la liber­tà (del­la liber­tà di opi­nio­ne), il cui sen­so a vol­te vie­ne com­ple­ta­men­te stra­vol­to pur di nascon­de­re discor­si di odio, discri­mi­na­zio­ne ed intol­le­ran­za. A Tori­no è sta­ta inve­ce la vol­ta per un ragio­na­men­to più ampio sul Mani­fe­sto per una socie­tà del­le dif­fe­ren­ze, in otti­ca anche euro­pea vista la par­te­ci­pa­zio­ne per le con­clu­sio­ni di Elly Schlein. La pre­sen­za di asso­cia­zio­ni sto­ri­che come Arci­gay Otta­vio Mai ed il cir­co­lo Mau­ri­ce GLBT, a cui si è affian­ca­ta la più recen­te, ma mol­to ope­ra­ti­va Juve­na­lia — Labo­ra­to­rio per men­ti libe­re, è sta­ta fon­te di un con­fron­to ric­co di spun­ti per pro­se­gui­re il lavo­ro nei pros­si­mi mesi. Il tut­to a par­ti­re da un inter­ro­ga­ti­vo: le dif­fe­ren­ze sono tut­te social­men­te accet­ta­bi­li? Può la dif­fe­ren­za tra fasci­smo ed anti­fa­sci­smo esse­re, per esem­pio, mes­sa sul­lo stes­so piano?

In que­ste pri­me tre tap­pe è emer­sa la gran­de dispo­ni­bi­li­tà dei ter­ri­to­ri a discu­te­re di que­sti temi e allo stes­so modo la voglia del­le asso­cia­zio­ni di tro­va­re inter­lo­cu­to­ri per un con­fron­to serio, lai­co, schiet­to su que­sti argo­men­ti. Per que­sto non ci fer­me­re­mo ma andre­mo avan­ti cer­can­do di mobi­li­ta­re anche altri ter­ri­to­ri per con­ti­nua­re un lavo­ro di ascol­to che deve tra­dur­si in ela­bo­ra­zio­ne con­ti­nua.

La pros­si­ma fer­ma­ta del Tour dei Dirit­ti sarà al Poli­ti­Camp di Reg­gio Emi­lia dove saba­to 15 avre­mo un tavo­lo di lavo­ro su Dirit­ti e Poli­ti­che di Gene­re per fare il pun­to sul­lo sta­to dell’arte e pro­se­gui­re il per­cor­so. Saran­no con noi ami­ci del­le asso­cia­zio­ni che in que­sti mesi abbia­mo ascol­ta­to ed incon­tra­to e dare­mo la pos­si­bi­li­tà a tut­ti di inter­ve­ni­re per con­ti­nua­re l’elaborazione, anche gra­zie ai con­tri­bu­ti rac­col­ti e al lavo­ro fat­to, discus­so e mes­so nero su bian­co fino a qui. Se vole­te pro­por­re idee, pro­po­ste, rifles­sio­ni, o se vole­te orga­niz­za­re una tap­pa del Tour, basta scri­ve­re a [email protected] e ci atti­ve­re­mo per far­vi ave­re quan­to pri­ma un feedback.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.