Ma se basta un sì perché tutti questi milioni?

jim-messina

jim-messina
Lui si chia­ma Jim Mes­si­na e non ci pote­te fare niente***.
E’ la demo­cra­zia e la demo­cra­zia costa. Stia­mo appun­to per vota­re una rifor­ma che can­cel­la spa­zi di rap­pre­sen­tan­za e limi­ta l’am­bi­to di svol­gi­men­to del­la sovra­ni­tà, che appar­ter­reb­be anco­ra al popo­lo, così si dice. In più, non con­ten­ti, stia­mo per esse­re sot­to­po­sti ad una cam­pa­gna mar­tel­lan­te in cui si faran­no affer­ma­zio­ni del tipo: abbia­mo ridot­to i costi del­la poli­ti­ca! La rifor­ma farà rispar­mia­re 500 milio­ni l’an­no (che poi sono 50, mal con­ta­ti, veda­si rela­zio­ne del­la Ragio­ne­ria di Sta­to).
Ma che c’en­tra Jim Mes­si­na? Jim è uno dei guru del­le cam­pa­gne elet­to­ra­li a stel­le e stri­sce. E’ lui l’i­dea­to­re degli slo­gan iper popu­li­sti che cam­peg­gia­no sui fian­chi dei gri­gi palaz­zi del­le nostre cit­tà. Fra­si ad effet­to, tipo quel­le cita­te e che repli­ca­no il ger­go sem­pli­fi­ca­to­rio, fuor­vian­te, fal­so (e quin­di leta­le per la veri­tà fat­tua­le) del Pre­si­den­te del Con­si­glio. Non sem­pre le ciam­bel­le rie­sco­no con il buco. Chie­de­te pure a Mario Mon­ti (che usu­fruì dei ser­vi­gi di David Axel­rod, nel­la sua pri­ma tra­gi­ca cam­pa­gna per le poli­ti­che del 2013).
Que­sta vol­ta il buco c’è ed è nei costi. Due vir­go­la otto milio­ni di euro è la spe­sa del Par­ti­to Demo­cra­ti­co per ‘Basta un sì’. Lo rive­la un arti­co­lo di Ila­rio Lom­bar­do su La Stam­pa, edi­zio­ne di que­sta mattina.

Dove li tro­va i sol­di il Pid­dì? Chi sono le men­ti oscu­re che finan­zia­no la cam­pa­gna elet­to­ra­le? Chi saran­no mai que­sti loschi sog­get­ti? In una paro­la? Voi. Anzi, noi. Per­ché ben 700 mila euro di que­sti 2,8 pro­ven­go­no dai grup­pi par­la­men­ta­ri del PD di Came­ra e Sena­to. La restan­te par­te vie­ne dal­le dispo­ni­bi­li­tà del Par­ti­to che — ben sapre­te — si for­ma in buo­na misu­ra con i ver­sa­men­ti men­si­li dei suoi rap­pre­sen­tan­ti nel­le isti­tu­zio­ni, detrat­ti dai lori ric­chi emo­lu­men­ti. Anco­ra sol­di pub­bli­ci.

Quan­to pesa Jim Mes­si­na sul Refe­ren­dum Costi­tu­zio­na­le? La bel­lez­za di quat­tro­cen­to mila euro.
Il Par­ti­to Demo­cra­ti­co ha rac­col­to le 500 mila fir­me per richie­de­re la con­sul­ta­zio­ne fra gli elet­to­ri e, in quan­to espo­nen­te del­le posi­zio­ni del Sì, ha inca­me­ra­to 500 mila euro di con­tri­bu­to pub­bli­co. Il grup­po par­la­men­ta­re del PD al Sena­to rice­ve con­tri­bu­ti per la pro­pria atti­vi­tà isti­tu­zio­na­le pari 6,4 milio­ni di euro (dato 2015). Da ini­zio legi­sla­tu­ra, l’a­van­zo gestio­na­le con­ta­bi­le ammon­ta a 3,9 milio­ni di euro. Il grup­po PD alla Came­ra ha dichia­ra­to entra­te per 14 milio­ni di euro (anno 2015) e l’a­van­zo gestio­na­le con­ta­bi­le da ini­zio legi­sla­tu­ra è pari a 5,6 milio­ni di euro. Dena­ri che ver­ran­no resti­tui­ti ai bilan­ci del­le came­re solo cin­que anni dal­la fine del­la Legi­sla­tu­ra e solo nel caso di man­ca­ta con­ti­nui­tà poli­ti­ca dei grup­pi (dovreb­be ces­sa­re di esi­ste­re un grup­po PD al Sena­to nel­la pros­si­ma legi­sla­tu­ra, fat­to poco pro­ba­bi­le; l’at­tri­bu­zio­ne dei resi­dui avvie­ne pre­vio voto a mag­gio­ran­za dei com­po­nen­ti del­l’au­la, ma cer­ta­men­te la Rifor­ma costi­tu­zio­na­le age­vo­la di mol­to que­sto tipo di operazioni).

Una rifor­ma che affron­tas­se seria­men­te il tema dei costi del­la poli­ti­ca dovreb­be anzi­tut­to deri­va­re da que­ste con­si­de­ra­zio­ni. Che i con­tri­bu­ti non spe­si van­no resti­tui­ti in ragio­ne d’an­no e non lascia­ti al sen­no di poi. Che 3 milio­ni di euro per una cam­pa­gna refe­ren­da­ria sono tan­ti, trop­pi, spe­cie se deri­va­no dagli sti­pen­di dei par­la­men­ta­ri in quo­ta al Par­ti­to. Potrem­mo comin­cia­re da que­sti, e ridur­li di un ter­zo sen­za col­po feri­re: col­pen­do pro­prio quel­la por­zio­ne che fini­sce nel­le tasche del par­ti­to (e che qual­cun altro ver­sa al Fon­do di garan­zia per le PMI). Even­tual­men­te inte­gran­do la quo­ta desti­na­ta alle spe­se per col­la­bo­ra­to­ri con le risor­se dei grup­pi parlamentari.

La rifor­ma costi­tu­zio­na­le non sfio­ra mini­ma­men­te que­sti aspet­ti, anzi, la spo­ra­di­ci­tà con la qua­le i nuo­vi sena­to­ri saran­no chia­ma­ti a con­fron­tar­si e vota­re a Palaz­zo Mada­ma, richie­de­rà un incre­men­to nel­la strut­tu­ra del per­so­na­le affin­ché sia­no svol­ti i lavo­ri pre­pa­ra­to­ri alla deli­be­ra­zio­ne in aula (l’at­ti­vi­tà oggi effet­tua­ta dal­le com­mis­sio­ni par­la­men­ta­ri). Chi ha valu­ta­to que­sta ipo­te­si? Natu­ral­men­te nessuno.
Jim Mes­si­na inca­me­ra un asse­gno a sei cifre per slo­gan che si sen­ti­reb­be­ro al bar del­la piaz­za. Ma for­se è pro­prio que­sta l’in­tui­zio­ne. Con­so­li­da­re il luo­go comu­ne a disca­pi­to del­la real­tà. Con buo­na pace del­la Costi­tu­zio­ne. E del bilan­cio pubblico.

***Non è vero che non ci pote­te fare nien­te. Pote­te, per esem­pio, vota­re NO.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.