Astenuti, ma non per scelta: iovotofuorisede

La legge non prevede questa possibilità. E non prevede nemmeno, come chiedeva un emendamento presentato in sede di discussione della Legge Elettorale, l’“early voting”
#

In cima alla home del sito di iovotofuorisede campeggia un post sconfortante e sconfortato, che inizia così:

Sei uno studente fuori sede o un lavoratore che lavora in un Comune diverso da quello di residenza, ed in questo momento ti stai chiedendo: “Posso votare nel Comune dove mi trovo domiciliato piuttosto che in quello dove ho la residenza per le elezioni del 4 marzo 2018?”

La risposta alla tua domanda è NO, purtroppo l’unica possibilità per votare è tornare nel tuo Comune dove risiedi”.

Non appena la campagna elettorale si è affacciata alla cronaca quotidiana e la data delle elezioni è apparsa all’orizzonte, sugli account social dei partiti e dei comitati studenteschi, via mail e anche direttamente sui numeri dei referenti, salvati in memoria dopo i referendum sulle trivellazioni e quello costituzionale, sono arrivate richieste per essere nominati rappresentanti di lista, in modo da poter votare nel comune dove si studia o lavora, invece che in quello di residenza.

Solo che questa volta non si può, a differenza degli ultimi referendum, in cui tanti (tra cui molti comitati di Possibile) si sono messi all’opera per permettere agli studenti fuorisede e ai tantissimi lavoratori lontani dalla propria residenza di votare, sfruttando la possibilità di essere nominati rappresentanti di lista in tutta Italia, visto che il collegio è nazionale e non, come alle politiche, su base più o meno provinciale.

Sono numeri pesantissimi, quelli di cui si parla: circa 1.500.000 lavoratori “pendolari di lungo raggio”, secondo Bankitalia. E 300.000 studenti che hanno il domicilio in una regione diversa da quella di residenza: il 77% delle ragazze e dei ragazzi lucani, il 78% dei valdostani, il 68% dei molisani, il 53% di trentini e altoatesini, il 41% dei calabresi, il 37% dei pugliesi, e il 32% dei siciliani, secondo i dati del Miur del 2017.

Niente form online, quindi, questa volta. Niente file excel, moduli, deleghe, telefonate agli uffici elettorali, autenticazioni e ore piccole per far votare migliaia di persone in tutta Italia (se leggete, compagni di avventura, sapete di cosa si parla). La legge non prevede questa possibilità. E non prevede nemmeno, come chiedeva un emendamento presentato in sede di discussione della Legge Elettorale, l’“early voting”, la possibilità cioè di votare, nei giorni che precedono le elezioni, via posta o in un seggio allestito nel comune di domicilio.

L’emendamento è stato bocciato. Per evitare “rischi di brogli e manomissioni”, spiegava il Viminale, evidentemente ignaro o disinteressato del fatto che questo strumento esiste in tantissime democrazie: dagli Stati Uniti all’Australia, passando per Germania e Norvegia, dove è stato utilizzato alle elezioni politiche del 2009 da 707.000 elettori su 2.682.000.

Chi studia e lavora in Italia, ma non nel proprio comune di residenza, continuerà a non poter votare. Un’astensione forzata, che stride soprattutto in un momento in cui da ogni parte si sentono preoccupate valutazioni politiche sui dati dell’astensione vera e propria, quella che è di per sé una scelta, un segnale: “Partito dell’astensione”, lo chiamano, quello di chi per disinteresse, protesta o sfiducia non vota, nemmeno scheda bianca.

Certo, sono previste delle agevolazioni sui viaggi per tornare a votare nel luogo di residenza. E ci saranno sicuramente cittadini che (magari perdendo un giorno di lezione all’università, o chiedendo un giorno di ferie) prenderanno un treno o un aereo per mettere un segno sulla scheda elettorale. Viaggi spesso lunghi, su quelle tratte pendolari che molti conoscono e percorrono in condizioni sovente scoraggianti (chi scrive ha una lunga esperienza di regionali sovraffollati in partenza dal famigerato binario 20bis di Termini, direzione Campobasso).

In questo modo, i fuorisede sono considerati alla stregua di cittadini di terza categoria, specie se si considera che finalmente nell’ultima legge elettorale si è trovata – almeno – una soluzione per gli Italiani all’estero, compresi quelli temporaneamente fuori dall’Italia per ragioni di lavoro o studio, come gli Erasmus.

C’è ancora una possibilità. ll 12 ottobre 2017 era stato accolto un ordine del giorno per assicurare il voto ai fuorisede e il Governo si era assunto l’impegno di intervenire con urgenza attraverso un decreto per mettere in atto misure che lo consentissero. I tempi sono naturalmente strettissimi, ma è una questione di volontà politica.

Per questo invitiamo a firmare l’appello #iovotofuorisede su change.org, che a oggi ha già circa 5.000 aderenti. Per applicare efficacemente il principio sancito dall’articolo 3 della Costituzione, secondo cui “è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Francesca Druetti

Marco Vassalotti (Comitato Agorà 7 luglio di Reggio Emilia)

  • 260
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati