Astenuti, ma non per scelta: iovotofuorisede

La legge non prevede questa possibilità. E non prevede nemmeno, come chiedeva un emendamento presentato in sede di discussione della Legge Elettorale, l’“early voting”

I cima alla home del sito di iovo­to­fuo­ri­se­de cam­peg­gia un post scon­for­tan­te e scon­for­ta­to, che ini­zia così:

Sei uno stu­den­te fuo­ri sede o un lavo­ra­to­re che lavo­ra in un Comu­ne diver­so da quel­lo di resi­den­za, ed in que­sto momen­to ti stai chie­den­do: “Pos­so vota­re nel Comu­ne dove mi tro­vo domi­ci­lia­to piut­to­sto che in quel­lo dove ho la resi­den­za per le ele­zio­ni del 4 mar­zo 2018?”

La rispo­sta alla tua doman­da è NO, pur­trop­po l’unica pos­si­bi­li­tà per vota­re è tor­na­re nel tuo Comu­ne dove risiedi”.

Non appe­na la cam­pa­gna elet­to­ra­le si è affac­cia­ta alla cro­na­ca quo­ti­dia­na e la data del­le ele­zio­ni è appar­sa all’orizzonte, sugli account social dei par­ti­ti e dei comi­ta­ti stu­den­te­schi, via mail e anche diret­ta­men­te sui nume­ri dei refe­ren­ti, sal­va­ti in memo­ria dopo i refe­ren­dum sul­le tri­vel­la­zio­ni e quel­lo costi­tu­zio­na­le, sono arri­va­te richie­ste per esse­re nomi­na­ti rap­pre­sen­tan­ti di lista, in modo da poter vota­re nel comu­ne dove si stu­dia o lavo­ra, inve­ce che in quel­lo di residenza.

Solo che que­sta vol­ta non si può, a dif­fe­ren­za degli ulti­mi refe­ren­dum, in cui tan­ti (tra cui mol­ti comi­ta­ti di Pos­si­bi­le) si sono mes­si all’opera per per­met­te­re agli stu­den­ti fuo­ri­se­de e ai tan­tis­si­mi lavo­ra­to­ri lon­ta­ni dal­la pro­pria resi­den­za di vota­re, sfrut­tan­do la pos­si­bi­li­tà di esse­re nomi­na­ti rap­pre­sen­tan­ti di lista in tut­ta Ita­lia, visto che il col­le­gio è nazio­na­le e non, come alle poli­ti­che, su base più o meno pro­vin­cia­le.

Sono nume­ri pesan­tis­si­mi, quel­li di cui si par­la: cir­ca 1.500.000 lavo­ra­to­ri “pen­do­la­ri di lun­go rag­gio”, secon­do Ban­ki­ta­lia. E 300.000 stu­den­ti che han­no il domi­ci­lio in una regio­ne diver­sa da quel­la di resi­den­za: il 77% del­le ragaz­ze e dei ragaz­zi luca­ni, il 78% dei val­do­sta­ni, il 68% dei moli­sa­ni, il 53% di tren­ti­ni e altoa­te­si­ni, il 41% dei cala­bre­si, il 37% dei puglie­si, e il 32% dei sici­lia­ni, secon­do i dati del Miur del 2017.

Nien­te form onli­ne, quin­di, que­sta vol­ta. Nien­te file excel, modu­li, dele­ghe, tele­fo­na­te agli uffi­ci elet­to­ra­li, auten­ti­ca­zio­ni e ore pic­co­le per far vota­re miglia­ia di per­so­ne in tut­ta Ita­lia (se leg­ge­te, com­pa­gni di avven­tu­ra, sape­te di cosa si par­la). La leg­ge non pre­ve­de que­sta pos­si­bi­li­tà. E non pre­ve­de nem­me­no, come chie­de­va un emen­da­men­to pre­sen­ta­to in sede di discus­sio­ne del­la Leg­ge Elet­to­ra­le, l’“early voting”, la pos­si­bi­li­tà cioè di vota­re, nei gior­ni che pre­ce­do­no le ele­zio­ni, via posta o in un seg­gio alle­sti­to nel comu­ne di domi­ci­lio.

L’emendamento è sta­to boc­cia­to. Per evi­ta­re “rischi di bro­gli e mano­mis­sio­ni”, spie­ga­va il Vimi­na­le, evi­den­te­men­te igna­ro o disin­te­res­sa­to del fat­to che que­sto stru­men­to esi­ste in tan­tis­si­me demo­cra­zie: dagli Sta­ti Uni­ti all’Australia, pas­san­do per Ger­ma­nia e Nor­ve­gia, dove è sta­to uti­liz­za­to alle ele­zio­ni poli­ti­che del 2009 da 707.000 elet­to­ri su 2.682.000.

Chi stu­dia e lavo­ra in Ita­lia, ma non nel pro­prio comu­ne di resi­den­za, con­ti­nue­rà a non poter vota­re. Un’astensione for­za­ta, che stri­de soprat­tut­to in un momen­to in cui da ogni par­te si sen­to­no pre­oc­cu­pa­te valu­ta­zio­ni poli­ti­che sui dati dell’astensione vera e pro­pria, quel­la che è di per sé una scel­ta, un segna­le: “Par­ti­to dell’astensione”, lo chia­ma­no, quel­lo di chi per disin­te­res­se, pro­te­sta o sfi­du­cia non vota, nem­me­no sche­da bianca.

Cer­to, sono pre­vi­ste del­le age­vo­la­zio­ni sui viag­gi per tor­na­re a vota­re nel luo­go di resi­den­za. E ci saran­no sicu­ra­men­te cit­ta­di­ni che (maga­ri per­den­do un gior­no di lezio­ne all’università, o chie­den­do un gior­no di ferie) pren­de­ran­no un tre­no o un aereo per met­te­re un segno sul­la sche­da elet­to­ra­le. Viag­gi spes­so lun­ghi, su quel­le trat­te pen­do­la­ri che mol­ti cono­sco­no e per­cor­ro­no in con­di­zio­ni soven­te sco­rag­gian­ti (chi scri­ve ha una lun­ga espe­rien­za di regio­na­li sovraf­fol­la­ti in par­ten­za dal fami­ge­ra­to bina­rio 20bis di Ter­mi­ni, dire­zio­ne Campobasso).

In que­sto modo, i fuo­ri­se­de sono con­si­de­ra­ti alla stre­gua di cit­ta­di­ni di ter­za cate­go­ria, spe­cie se si con­si­de­ra che final­men­te nell’ultima leg­ge elet­to­ra­le si è tro­va­ta — alme­no — una solu­zio­ne per gli Ita­lia­ni all’estero, com­pre­si quel­li tem­po­ra­nea­men­te fuo­ri dall’Italia per ragio­ni di lavo­ro o stu­dio, come gli Era­smus.

C’è anco­ra una pos­si­bi­li­tà. ll 12 otto­bre 2017 era sta­to accol­to un ordi­ne del gior­no per assi­cu­ra­re il voto ai fuo­ri­se­de e il Gover­no si era assun­to l’impegno di inter­ve­ni­re con urgen­za attra­ver­so un decre­to per met­te­re in atto misu­re che lo con­sen­tis­se­ro. I tem­pi sono natu­ral­men­te stret­tis­si­mi, ma è una que­stio­ne di volon­tà poli­ti­ca.

Per que­sto invi­tia­mo a fir­ma­re l’appello #iovo­to­fuo­ri­se­de su change.org, che a oggi ha già cir­ca 5.000 ade­ren­ti. Per appli­ca­re effi­ca­ce­men­te il prin­ci­pio san­ci­to dall’articolo 3 del­la Costi­tu­zio­ne, secon­do cui “è com­pi­to del­la Repub­bli­ca rimuo­ve­re gli osta­co­li di ordi­ne eco­no­mi­co e socia­le, che, limi­tan­do di fat­to la liber­tà e l’eguaglianza dei cit­ta­di­ni, impe­di­sco­no il pie­no svi­lup­po del­la per­so­na uma­na e l’effettiva par­te­ci­pa­zio­ne di tut­ti i lavo­ra­to­ri all’organizzazione poli­ti­ca, eco­no­mi­ca e socia­le del Paese”.

Fran­ce­sca Druetti

Mar­co Vas­sa­lot­ti (Comi­ta­to Ago­rà 7 luglio di Reg­gio Emilia)

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.