Assisi, marcia per la pace. Mai come oggi un’aspirazione che è rivoluzione, perché pace significa giustizia.

#

Il momento che vive il nostro paese, che ci preoccupa profondamente e ci carica di responsabilità come cittadine e cittadini che hanno a cuore la Repubblica, rende ancora più importante la marcia della pace tra Perugia e Assisi, per il suo significato materiale e simbolico. Per questo aderiamo con piacere e con orgoglio all’appello di Lucio Cavazzoni e Giuseppe Civati che potete leggere qui sotto. Per questo saremo alla marcia domenica 7, dopo aver dedicato sabato 6 ad Amandola e ai luoghi del terremoto, a un progetto che dia nuova speranza a quelle zone. Perché in questa epoca di transizione anche questioni apparentemente lontane si tengono insieme e si risolvono insieme, così come popoli apparentemente lontani possono raggiungere i loro traguardi solo con la pacifica cooperazione verso un futuro migliore per tutte e tutti.
Beatrice Brignone

Assisi, marcia per la pace. Mai come oggi un’aspirazione che è rivoluzione, perché pace significa giustizia.

A 100 anni dalla fine della più grande e scandalosa ecatombe fratricida tra poveri contadini europei, la prima guerra mondiale e ad oltre 70 dalla seconda in cui tutto il pianeta fu coinvolto, si contano 51 conflitti armati in corso che coinvolgono milioni e milioni di persone inermi e ridotte in condizioni disperate.

È la gente normale, la popolazione che vive nelle città e nelle campagne la prima vera e grande vittima delle guerre e dei conflitti, di interessi economici e geopolitici e rapporti di forza fra le grandi nazioni. Queste ultime omologabili sempre più a piccoli o grandi moderni imperi per come le scelte vengono assunte e imposte dai loro capi.
È la terra e sono le città, è la casa e la vita che sono sottratte dalla guerra a intere aree del pianeta, provocando migrazione e facendo del futuro un deserto. Non ci colpisce perché accade lontano dai nostri occhi e dalle nostre orecchie, ma è qui, qui vicino. E giunge fino a noi.

Dire basta a chi fomenta la guerra, ai governi che la coltivano e non la contrastano, a tutti coloro – e la politica per prima – che la ignorano è un primo atto di responsabilità che ci impegna: perché non c’è pace senza giustizia, senza una visione che ponga equilibrio ed equità come obiettivi da raggiungere. Come il rispetto per il continuo muoversi di cittadini pellegrini, che devono incamminarsi verso un avvenire più umano per salvare la propria vita e quella delle generazioni future.
Sentiamo l’urgenza di affermare che una direzione verso la cooperazione tra popoli anche molto lontani non si costruisce con le armi e le guerre ma con lo sviluppo di un’economia civile e sostenibile: questa è l’Europa che noi vogliamo, non quella chiusa e separata nelle sue vecchie frontiere ma aperta e forte nella volontà e capacità di contribuire al bene comune, planetario.

Lucio Cavazzoni
Giuseppe Civati

  • 62
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati