Assisi, marcia per la pace. Mai come oggi un’aspirazione che è rivoluzione, perché pace significa giustizia.

Il momen­to che vive il nostro pae­se, che ci pre­oc­cu­pa pro­fon­da­men­te e ci cari­ca di respon­sa­bi­li­tà come cit­ta­di­ne e cit­ta­di­ni che han­no a cuo­re la Repub­bli­ca, ren­de anco­ra più impor­tan­te la mar­cia del­la pace tra Peru­gia e Assi­si, per il suo signi­fi­ca­to mate­ria­le e sim­bo­li­co. Per que­sto ade­ria­mo con pia­ce­re e con orgo­glio all’ap­pel­lo di Lucio Cavaz­zo­ni e Giu­sep­pe Civa­ti che pote­te leg­ge­re qui sot­to. Per que­sto sare­mo alla mar­cia dome­ni­ca 7, dopo aver dedi­ca­to saba­to 6 ad Aman­do­la e ai luo­ghi del ter­re­mo­to, a un pro­get­to che dia nuo­va spe­ran­za a quel­le zone. Per­ché in que­sta epo­ca di tran­si­zio­ne anche que­stio­ni appa­ren­te­men­te lon­ta­ne si ten­go­no insie­me e si risol­vo­no insie­me, così come popo­li appa­ren­te­men­te lon­ta­ni pos­so­no rag­giun­ge­re i loro tra­guar­di solo con la paci­fi­ca coo­pe­ra­zio­ne ver­so un futu­ro miglio­re per tut­te e tutti.
Bea­tri­ce Brignone

Assi­si, mar­cia per la pace. Mai come oggi un’aspirazione che è rivo­lu­zio­ne, per­ché pace signi­fi­ca giustizia.

A 100 anni dal­la fine del­la più gran­de e scan­da­lo­sa eca­tom­be fra­tri­ci­da tra pove­ri con­ta­di­ni euro­pei, la pri­ma guer­ra mon­dia­le e ad oltre 70 dal­la secon­da in cui tut­to il pia­ne­ta fu coin­vol­to, si con­ta­no 51 con­flit­ti arma­ti in cor­so che coin­vol­go­no milio­ni e milio­ni di per­so­ne iner­mi e ridot­te in con­di­zio­ni disperate.

È la gen­te nor­ma­le, la popo­la­zio­ne che vive nel­le cit­tà e nel­le cam­pa­gne la pri­ma vera e gran­de vit­ti­ma del­le guer­re e dei con­flit­ti, di inte­res­si eco­no­mi­ci e geo­po­li­ti­ci e rap­por­ti di for­za fra le gran­di nazio­ni. Que­ste ulti­me omo­lo­ga­bi­li sem­pre più a pic­co­li o gran­di moder­ni impe­ri per come le scel­te ven­go­no assun­te e impo­ste dai loro capi.
È la ter­ra e sono le cit­tà, è la casa e la vita che sono sot­trat­te dal­la guer­ra a inte­re aree del pia­ne­ta, pro­vo­can­do migra­zio­ne e facen­do del futu­ro un deser­to. Non ci col­pi­sce per­ché acca­de lon­ta­no dai nostri occhi e dal­le nostre orec­chie, ma è qui, qui vici­no. E giun­ge fino a noi.

Dire basta a chi fomen­ta la guer­ra, ai gover­ni che la col­ti­va­no e non la con­tra­sta­no, a tut­ti colo­ro — e la poli­ti­ca per pri­ma — che la igno­ra­no è un pri­mo atto di respon­sa­bi­li­tà che ci impe­gna: per­ché non c’è pace sen­za giu­sti­zia, sen­za una visio­ne che pon­ga equi­li­brio ed equi­tà come obiet­ti­vi da rag­giun­ge­re. Come il rispet­to per il con­ti­nuo muo­ver­si di cit­ta­di­ni pel­le­gri­ni, che devo­no incam­mi­nar­si ver­so un avve­ni­re più uma­no per sal­va­re la pro­pria vita e quel­la del­le gene­ra­zio­ni future.
Sen­tia­mo l’urgenza di affer­ma­re che una dire­zio­ne ver­so la coo­pe­ra­zio­ne tra popo­li anche mol­to lon­ta­ni non si costrui­sce con le armi e le guer­re ma con lo svi­lup­po di un’economia civi­le e soste­ni­bi­le: que­sta è l’Europa che noi voglia­mo, non quel­la chiu­sa e sepa­ra­ta nel­le sue vec­chie fron­tie­re ma aper­ta e for­te nel­la volon­tà e capa­ci­tà di con­tri­bui­re al bene comu­ne, pla­ne­ta­rio.

Lucio Cavaz­zo­ni
Giu­sep­pe Civati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.