Art. 18: il fact checking delle parole di Renzi

matteo-renzi-direzione-pdLe dichia­ra­zio­ni di Mat­teo Ren­zi degli ulti­mi due gior­ni, tra inter­vi­ste a Repub­bli­ca e inter­ven­to in Dire­zio­ne nazio­na­le del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, si sono stra­ti­fi­ca­te crean­do con­fu­sio­ne e allon­ta­nan­do lo sguar­do dal­la leg­ge dele­ga in discus­sio­ne al Sena­to, che al momen­to resta l’u­ni­co docu­men­to, nero su bian­co, sul qua­le poter discu­te­re. Il con­fron­to tra dichia­ra­zio­ni e dati può esse­re uti­le per fare un po’ di chia­rez­za nel dibattito.

Qua­ran­ta­quat­tro anni

«Per­ché in que­sti 44 anni si è pro­va­to più vol­te ad apri­re la discus­sio­ne su que­sto tema, e poi ci sia­mo fer­ma­ti di fron­te all’im­pres­sio­ne di un totem, di un tabù? […] Il lavo­ro non si crea difen­den­do le rego­le di 44 anni fa». (Dire­zio­ne Nazio­na­le, 29 set­tem­bre 2014)
FALSO. L’ar­ti­co­lo 18 è sta­to modi­fi­ca­to nel 2012, dal gover­no Mon­ti, su ini­zia­ti­va del mini­stro For­ne­ro, aumen­tan­do la fles­si­bi­li­tà in usci­ta limi­tan­do i casi di reintegro.

Lo 0,0001% dei lavoratori

«Nel meri­to l’ar­ti­co­lo 18 non difen­de tut­ti. Anzi, non difen­de qua­si nes­su­no. Nel 2013 i lavo­ra­to­ri rein­te­gra­ti sono sta­ti meno di 3000: con­si­de­ran­do che i lavo­ra­to­ri in Ita­lia sono oltre ven­ti­due milio­ni stia­mo par­lan­do del­lo 0,0001%» (Repub­bli­ca, 28 set­tem­bre 2014).
FALSO. Secon­do dati del­la CGIA Mestre, i lavo­ra­to­ri del set­to­re pri­va­to del­l’in­du­stria e dei ser­vi­zi che godo­no del­le tute­le pre­vi­ste dal­l’ar­ti­co­lo 18 sono 6,5 milio­ni, su un tota­le di 11 milio­ni. Il 57,6%. Ad ogni modo, il nume­ro di lavo­ra­to­ri rein­te­gra­ti sarà ridot­to, ma sicu­ra­men­te suf­fi­cien­te ad assi­cu­ra­re quei 6,5 milio­ni dal ricat­to del licen­zia­men­to ingiu­sti­fi­ca­to e dun­que dal­l’ab­bas­sa­men­to gene­ra­le dei sala­ri che il pote­re di ricat­to consentirebbe.

1,5 miliar­di pos­so­no bastare

«Costruia­mo un’I­ta­lia che costrui­sce un model­lo di wel­fa­re per cui se tu ci pro­vi e fal­li­sci, io ti difen­do. Io non ti lascio anda­re in ter­ra. Io non ti lascio sen­za rete di pro­te­zio­ne. Tu fal­li­sci? Bene, non ti dico di non pro­var­ci e di sta­re sul­la difen­si­va. Ti dico: pro­va­ci. Sarà mia cura difen­der­ti in un modo diverso».
«Un miliar­do e mez­zo per i nuo­vi ammor­tiz­za­to­ri socia­li». (Dire­zio­ne Nazio­na­le, 29 set­tem­bre 2014)
FALSO. Mau­ri­zio Del Con­te, docen­te di Dirit­to del Lavo­ro del­l’U­ni­ver­si­tà Boc­co­ni, sostie­ne che il model­lo del­la fle­x­se­cu­ri­ty pos­sa fun­zio­na­re solo in real­tà ric­che e pic­co­le e che l’in­ten­zio­ne di rifor­ma­re il mer­ca­to del lavo­ro ita­lia­no in que­sto sen­so «per esse­re cre­di­bi­le ha biso­gno di quei famo­si die­ci miliar­di». Ste­fa­no Fas­si­na, inve­ce, sostie­ne che per “copri­re” 500.000 lavo­ra­to­ri pre­ca­ri sono neces­sa­ri 4 miliar­di in più ogni anno. Inol­tre, non è sta­to chia­ri­to se quel­la cifra com­pren­de lo stan­zia­men­to per gli ammor­tiz­za­to­ri in dero­ga, che da soli val­go­no 1,5 miliar­di. Nel­la leg­ge dele­ga ovvia­men­te non sono pre­vi­ste coper­tu­re e il man­ca­to coor­di­na­men­to con la leg­ge di sta­bi­li­tà pone for­ti inter­ro­ga­ti­vi sul­le pos­si­bi­li coperture.

Un solo con­trat­to per tutti

«Vuoi difen­de­re le per­so­ne che non han­no avu­to dirit­ti fino ad oggi? Ini­zia col ridur­re le for­me con­trat­tua­li. A par­ti­re dai co.co.pro., sal­van­do i veri rap­por­ti di col­la­bo­ra­zio­ne det­ta­ti dal­le esi­gen­ze del lavo­ra­to­re o di natu­ra pro­fes­sio­na­le». (Dire­zio­ne Nazio­na­le, 29 set­tem­bre 2014)
FALSO. Non è vero che ci sarà solo un con­trat­to, come sul model­lo di Boe­ri e Gari­bal­di. Nel­la leg­ge dele­ga, infat­ti, si leg­ge che si può pen­sa­re all’in­tro­du­zio­ne «di ulte­rio­ri tipo­lo­gie con­trat­tua­li espres­sa­men­te vol­te a favo­ri­re l’in­se­ri­men­to nel mon­do del lavo­ro, con tute­le cre­scen­ti per i lavo­ra­to­ri coin­vol­ti». “Ulte­rio­ri” è la paro­la magi­ca, che ren­de­reb­be il nuo­vo con­trat­to a tute­le cre­scen­ti aggi­ra­bi­le da tut­te le parti.

Le azien­de in mano ai giudici

«Il rein­te­gro spa­ven­ta gli impren­di­to­ri e met­te in mano ai giu­di­ci la vita del­le azien­de. Va tenu­to solo per i casi di discri­mi­na­zio­ne». (Repub­bli­ca, 28 set­tem­bre 2014).
«L’a­zien­da stra­nie­ra non inter­vie­ne per­ché non sa quan­to costa l’e­ven­tua­le usci­ta. Ecco per­ché io cre­do vada supe­ra­to l’at­tua­le siste­ma del rein­te­gro, cer­to lascian­do­lo per il discri­mi­na­to­rio e il disci­pli­na­re. […] Con una garan­zia del red­di­to che sia pro­por­zio­na­le — ecco le tute­le cre­scen­ti — all’an­zia­ni­tà con­tri­bu­ti­va. E che per­met­ta di anda­re non davan­ti a un giu­di­ce o a un avvo­ca­to, ma per leg­ge, come suc­ce­de in qua­si tut­ti gli altri Pae­si — direi in tut­ti gli altri Pae­si». (Dire­zio­ne Nazio­na­le, 29 set­tem­bre 2014)
FALSO. Secon­do un dos­sier ela­bo­ra­to dal mini­ste­ro del Wel­fa­re, la pos­si­bi­li­tà del rein­te­gro esi­ste in nume­ro­si Pae­si euro­pei, dal­la Sve­zia al Por­to­gal­lo. «Ciò che distin­gue mol­to l’I­ta­lia dagli altri pae­si è, piut­to­sto, la dura­ta dei pro­ce­di­men­ti giu­di­zia­ri: in media intor­no ai due anni con­tro i quat­tro-cin­que mesi del­la Ger­ma­nia, stan­do ad un’in­da­gi­ne del­l’Oc­se. […] In Ger­ma­nia, dove la cul­tu­ra dei giu­di­ci è meno pro labour ma il sin­da­ca­to è più for­te e strut­tu­ra­to nel­le azien­de, pre­va­le nel­l’im­pian­to legi­sla­ti­vo la con­ser­va­zio­ne del posto di lavo­ro. Dun­que è il tri­bu­na­le che può ordi­na­re il man­te­ni­men­to del rap­por­to di lavo­ro in caso di licen­zia­men­to nul­lo o ingiu­sti­fi­ca­to». Da segna­la­re che il 29 set­tem­bre si è aggiun­ta la fat­ti­spe­cie “disci­pli­na­re” ai casi di rein­te­gro. Nul­la di tut­to ciò, però, vie­ne trat­ta­to dal­la leg­ge dele­ga che su que­sto tema è par­ti­co­lar­men­te vaga.

La fles­si­bi­li­tà in Europa

Infi­ne, gli inve­sti­to­ri voglio­no sape­re quan­to costa, più che l’u­sci­ta, l’en­tra­ta nel mer­ca­to, e tut­ti gli stu­di inter­na­zio­na­li pon­go­no l’I­ta­lia in fon­do alla clas­si­fi­ca quan­to agli alti costi (e tem­pi) di inse­dia­men­to. Al con­tra­rio, il costo del licen­zia­men­to è tra i più bassi.

Per tor­na­re al noc­cio­lo del­la que­stio­ne: quan­to è fles­si­bi­le il mer­ca­to del lavo­ro in Ita­lia? Lo spie­ga pun­tual­men­te Vali­gia­Blu: «A sor­pren­de­re è il dato for­ni­to dall’indice del­le tute­le dei lavo­ra­to­ri (con con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to). I dati dell’Ocse, come si può vede­re nel gra­fi­co, dimo­stra­no che non è vero che i lavo­ra­to­ri ita­lia­ni sono i più pro­tet­ti. Inol­tre, se in mol­ti altri Pae­si l’indice è rima­sto sta­bi­le, quel­lo ita­lia­no tra il 2012 e il 2013, è sce­so da 2,76 a 2,51 dopo le modi­fi­che all’articolo 18 del­la rifor­ma For­ne­ro». Per fare un para­go­ne, in Ger­ma­nia det­to indi­ce di pro­te­zio­ne è pari a 2,87.

Gra­zie a Gian­ni Prin­ci­pe per i suggerimenti.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.