Armi italiane, incubo americano: più pistole, meno sicurezza

La dinamica italiana sembra andare in tutt’altra direzione, quella dell’idea di una sicurezza fai-da-te che non porta una diminuzione dei reati, ma il suo aumento. Disegnando un incubo americano

[vc_row][vc_column][vc_column_text]“All’armi, siam insi­cu­ri” è diven­ta­to il nuo­vo mot­to di mol­ti ita­lia­ni. In nome di una pres­san­te richie­sta di mag­gior sicu­rez­za cre­sce infat­ti il nume­ro di armi che cir­co­la­no nel Pae­se. Il Cor­rie­re del­la Sera par­la di un incre­men­to del 41% del­le richie­ste di licen­ze per “uso spor­ti­vo”. Una mania “spor­ti­va”, quan­to­me­no sospet­ta ver­so le armi, che sem­bra cela­re ben altro, nono­stan­te il cer­ti­fi­ca­to calo dei rea­ti. Die­tro que­sto boom di licen­ze spun­ta così una ten­den­za mol­to ame­ri­ca­na per cui la sicu­rez­za fai-da-te diven­ta un model­lo, un cre­do da vene­ra­re. La fles­sio­ne dei rea­ti non signi­fi­ca che l’Italia sia diven­ta­ta l’Eden, il Bel­pae­se in cui tut­to è per­fet­to, ma dovreb­be ridi­men­sio­na­re — nel sen­so di por­ta­re nel­la giu­sta dimen­sio­ne — l’imperante richie­sta di sicu­rez­za. Evi­tan­do soprat­tut­to scor­cia­to­ie personali.

La deri­va sta­tu­ni­ten­se è die­tro l’angolo e la real­tà dei fat­ti, al di là di ogni pur sacro­san­to prin­ci­pio eti­co, scon­si­glia viva­men­te di segui­re quell’esempio. Il sito gun­vio­len­cear­chi­ve ripor­ta che negli Sta­ti Uni­ti, dall’1 gen­na­io all’11 mar­zo 2018, sono mor­te 2.746 in segui­to a spa­ra­to­rie, com­pre­si epi­so­di di cri­mi­na­li­tà. I feri­ti sono 4.685. Si dirà: in ter­mi­ni asso­lu­ti vuol dire poco, visto il nume­ro di abi­tan­ti degli Usa. Ma la per­cen­tua­le di omi­ci­di con arma da fuo­co, para­me­tra­ta sul­la popo­la­zio­ne, indi­ca che negli anni scor­si ci sono sta­ti 3,6 vit­ti­me ogni 100mila abi­tan­ti, con un diva­rio enor­me rispet­to agli altri Pae­si svi­lup­pa­ti, a comin­cia­re dal Cana­da (secon­do in que­sta tra­gi­ca gra­dua­to­ria), che si fer­ma a 0,5. Al con­fron­to la minac­cia ter­ro­ri­sti­ca si pol­ve­riz­za, tan­to da poter affer­ma­re — sen­za timo­re di smen­ti­ta — che ucci­do­no più le armi che i fana­ti­ci estre­mi­sti. Basti pen­sa­re che le spa­ra­to­rie di mas­sa,mass shoo­ting, sono sta­te già 45 dall’inizio del 2018. La più gra­ve è avve­nu­ta il 14 feb­bra­io nel­la scuo­la di Par­kland in Flo­ri­da, con un bilan­cio di 17 mor­ti e 17 feri­ti. Ma la media di fat­ti del gene­re, sep­pu­re con una con­ta meno dram­ma­ti­ca di vit­ti­me, è poco meno di una al gior­no. E pro­prio ogni gior­no ha (media­men­te) la sua vit­ti­ma del­le spa­ra­to­rie di mas­sa. L’ultimo aggior­na­men­to dispo­ni­bi­le all’11 mar­zo rac­con­ta di 75 vit­ti­me per even­ti del gene­re, che nem­me­no arri­va­no sui gior­na­li e i siti italiani.

Sull’altro ver­san­te c’è la casi­sti­ca degli unin­ten­tio­nal shoo­ting, le spa­ra­to­rie “non inten­zio­na­li”, i pro­iet­ti­li che par­to­no sen­za voler­lo e che in meno di 3 mesi han­no ucci­so alme­no 70 per­so­ne. Il Cen­ters for Disea­se Con­trol degli Sta­ti Uni­ti ha cer­ti­fi­ca­to che nel quin­quen­nio dal 2012 al 2016, la media è di 500 cit­ta­di­ni ame­ri­ca­ni mor­ti a cau­sa di “inci­den­ti invo­lon­ta­ri”, con un pic­co di 548 mor­ti nel 2012. Cal­co­la­tri­ce alla mano, si par­la, in soli 5 anni, di 2.500 “vit­ti­me col­la­te­ra­li” del­la sma­nia di ave­re un’arma in casa.

Que­sti nume­ri — che è sem­pre bene ricor­da­re por­ta­no con sé sto­rie per­so­na­li di fami­glie distrut­te e non sono pro­ble­mi arit­me­ti­ci — rap­pre­sen­ta­no in manie­ra lam­pan­te il rischio che si cor­re nel­la cor­sa alle armi dei sin­go­li cit­ta­di­ni. Un peri­co­lo supe­rio­re alle minac­ce che oppri­mo­no la nostra socie­tà. Eppu­re i fat­ti non basta­no: la dina­mi­ca ita­lia­na sem­bra anda­re in tutt’altra dire­zio­ne, quel­la dell’idea di una sicu­rez­za fai-da-te che non por­ta una dimi­nu­zio­ne dei rea­ti, ma il suo aumen­to. Dise­gnan­do un incu­bo americano.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.