Al fianco di Mimmo Lucano – Il Consiglio Comunale aperto

Un Consiglio Comunale aperto, un’assemblea pubblica come non se vedevano da tempo, con riferimenti storici molto antichi, risalenti al tempo mitologico di Locri polis magnogreca. In quelle occasioni, se le conoscenze non ci tradiscono, ci si metteva in gioco in prima persona davanti all’Assemblea, che non era elettiva, ma deteneva lo “strano” potere di determinare persino la vita vera, non solo politica, di chi chiedeva un voto.

Un Con­si­glio Comu­na­le aper­to, un’assemblea pub­bli­ca come non se vede­va­no da tem­po, con rife­ri­men­ti sto­ri­ci mol­to anti­chi, risa­len­ti al tem­po mito­lo­gi­co di Locri polis magno­gre­ca. In quel­le occa­sio­ni, se le cono­scen­ze non ci tra­di­sco­no, ci si met­te­va in gio­co in pri­ma per­so­na davan­ti all’Assemblea, che non era elet­ti­va, ma dete­ne­va lo “stra­no” pote­re di deter­mi­na­re per­si­no la vita vera, non solo poli­ti­ca, di chi chie­de­va un voto.

Ci è par­so così, ieri sera. Nes­su­no dei con­ve­nu­ti cre­de­va seria­men­te che il Sin­da­co Dome­ni­co Luca­no potes­se vera­men­te dimet­ter­si o che i Con­si­glie­ri Comu­na­li potes­se­ro in alcun modo accet­ta­re le sue dimis­sio­ni. Il ricor­so al pote­re assem­blea­re è sta­ta una mos­sa azzec­ca­ta, posta in esse­re per ridi­co­liz­za­re l’artificio tec­no­lo­gi­co dell’audio fini­to sui social e per riba­di­re defi­ni­ti­va­men­te che il pro­di­gio Ria­ce con il suo idea­to­re e rea­liz­za­to­re Dome­ni­co Luca­no non sono sot­to­po­ni­bi­li a veri­fi­che così avven­ta­te.

Un poli­ti­co attua­le lo si può demo­li­re, o ten­ta­re di far­lo, così, uti­liz­zan­do stru­men­ti imper­fet­ti. E’ tal­men­te alea­to­rio il con­sen­so di talu­ni espo­nen­ti poli­ti­ci di que­sti tem­pi, che basta un sof­fio per spaz­za­re via la nomi­na rice­vu­ta da qual­che soler­te segre­te­ria. E’ così pos­si­bi­le che si veri­fi­chi e si ren­da pub­bli­co un coin­vol­gi­men­to in traf­fi­ci e cor­rut­te­le. Tut­ta una sto­rio­gra­fia poli­ti­co-giu­di­zia­ria si fon­da su file con video e audio com­pro­met­ten­ti. L’assenza di ele­men­ti diret­ti o indi­ret­ti del coin­vol­gi­men­to di Luca­no in alcun­ché e la sua deter­mi­na­zio­ne a non arroc­car­si sul­la pol­tro­na di Sin­da­co ma, al con­tra­rio, di espor­si davan­ti ai suoi elet­to­ri e soste­ni­to­ri arri­va­ti da tut­ta Ita­lia, met­te al ripa­ro lui e noi che abbia­mo un dan­na­to biso­gni di sogna­re. In ogni caso, nes­su­no è riu­sci­to ad appro­priar­si del suo pro­get­to, nes­su­no può esse­re il tuto­re o eser­ci­ta­re dirit­ti di tute­la su un uomo così.

Dome­ni­co Luca­no appar­tie­ne ad un altro mon­do, il mon­do degli attua­to­ri di sogni. Di fron­te alla rea­liz­za­zio­ne di quan­to pre­vi­sto nei pro­gram­mi pre­sen­ta­ti all’elettorato non pos­sia­mo che rima­ne­re affa­sci­na­ti e desi­de­ro­si di veder­ne repli­che con­ti­nue. Custo­di­re­mo, per quan­to potre­mo, il pro­get­to del dirit­to all’accoglienza pura e sem­pli­ce volu­ta da Mim­mo Lucano.

Fuo­ri dall’Assemblea, sul­la via del ritor­no, ricor­dia­mo e tenia­mo nel­la men­te le paro­le più signi­fi­ca­ti­ve dell’evento poli­ti­co e socia­le a cui abbia­mo assi­sti­to: “Il sogno con­ti­nua”.

Sil­vio Frascà,

Por­ta­vo­ce Comi­ta­to Costa dei Gelsomini

Pos­si­bi­le Calabria

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?