95 miliardi, questo è il costo annuo che l’Italia deve all’inquinamento dell’aria

Per la precisione 95,14 miliardi (nel 2018, fonte Ocse) il prezzo che paghiamo per respirare un'aria di qualità scadente, l'equivalente del 5,75% del Pil (quello del 2018, ndr). Per l'Europa il costo sale ad un astronomico valore di 600 miliardi l'anno, hai voglia a parlare di Green Deal europeo e Recovery Fund (soprattutto se nel pacchetto riguardante la mobilità sostenibile investi solo in alta velocità o se la casella ''riforestazione'', pur rimanendo, non prevede alcun fondo).
METEOPERITALIA_20200117115934957

Per la pre­ci­sio­ne 95,14 miliar­di (nel 2018, fon­te Ocse) il prez­zo che paghia­mo per respi­ra­re un’a­ria di qua­li­tà sca­den­te, l’e­qui­va­len­te del 5,75% del Pil (quel­lo del 2018, ndr). Per l’Eu­ro­pa il costo sale ad un astro­no­mi­co valo­re di 600 miliar­di l’an­no, hai voglia a par­la­re di Green Deal euro­peo e Reco­ve­ry Fund (soprat­tut­to se nel pac­chet­to riguar­dan­te la mobi­li­tà soste­ni­bi­le inve­sti solo in alta velo­ci­tà o se la casel­la ”rifo­re­sta­zio­ne”, pur rima­nen­do, non pre­ve­de alcun fondo).

Il report pub­bli­ca­to dal­l’Oc­se nel novem­bre scor­so (Health at a Glan­ce: Euro­pe 2020) è fin trop­po chia­ro: i 27 pae­si del­l’UE tra par­ti­co­la­to fine, bios­si­do di azo­to e ozo­no han­no subi­to per­di­te mone­ta­rie in ter­mi­ni di benes­se­re quan­ti­fi­ca­bi­li nei 600 mld di cui sopra, cioè il 5% del Pil del­l’U­nio­ne Euro­pea. A deter­mi­na­re que­sto costo non inci­de sola­men­te la mor­ta­li­tà (400 mila cit­ta­di­ni euro­pei mor­ti pre­ma­tu­ra­men­te nel 2018, dati Euro­pean Envi­ron­ment Agen­cy), ma la mino­re qua­li­tà del­la vita, mino­re pro­dut­ti­vi­tà, mag­gior spe­sa sani­ta­ria cau­sa­ta dal­le malat­tie che respi­ra­re aria inqui­na­ta acu­tiz­za (malat­tie car­dio­va­sco­la­ri, pro­ble­mi pol­mo­na­ri, incre­men­to del rischio di cancro).

A per­de­re di più sono i pae­si del­l’E­st in rap­por­to al Pil, in valo­ri asso­lu­ti sono la Ger­ma­nia, il Regno Uni­to e l’I­ta­lia.

Men­tre un report del­l’E­pha di otto­bre met­te in clas­si­fi­ca 432 cit­tà euro­pee, per costo lega­ti alla salu­te per l’in­qui­na­men­to. Nel­le pri­me die­ci ci sono ben cin­que nostre cit­tà: Mila­no secon­da con 2843 euro pro-capi­te di costi (Sala ci per­do­ne­rà per la cita­zio­ne), Pado­va ter­za con 2455 euro, Vene­zia e Bre­scia seste a pari meri­to con 2106 euro e Tori­no in nona posi­zio­ne con 2076 euro.

La Con­fin­du­stria brit­ta­ni­ca, che per vari moti­vi (Bre­xit) sta da tem­po facen­do­si i con­ti in tasca e com­mis­sio­nan­do stu­di a iosa, ha cal­co­la­to che baste­reb­be ade­gua­re il livel­lo medio del­l’in­qui­na­men­to di par­ti­co­la­to entro il valo­re limi­te sta­bi­li­to dal­l’OMS (10 µg/m3) per crea­re un valo­re aggiun­to di 1,75 miliar­di di euro fra ridu­zio­ne di mor­ti pre­ma­tu­re (17 mila in meno solo nell’ UK) ridur­reb­be il rischio di amma­lar­si e aumen­te­reb­be la pro­dut­ti­vi­tà (meno gior­na­te lavo­ra­ti­ve per­se per malat­tia, 3,2 milio­ni gior­na­te lavorative).

Que­st’an­no l’UE adot­te­rà il pia­no d’a­zio­ne con l’o­biet­ti­vo di azze­ra­re l’in­qui­na­men­to del­l’a­ria, del­l’ac­qua e del suo­lo nel qua­dro del Green Deal, per que­sto il Reco­ve­ry Fund dovreb­be pun­ta­re con mag­gio­re deci­sio­ne alla ricon­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca (alme­no secon­do le boz­ze che stan­no tra­pe­lan­do), un approc­cio ‘envi­ron­men­tal orien­ted’ che a mon­te deter­mi­ni van­tag­gi sani­ta­ri, ambien­ta­li ed eco­no­mi­ci di ogni inve­sti­men­to. Quei 95 miliar­di l’an­no e i cir­ca 80mila mor­ti pre­ma­tu­ra­men­te in Ita­lia (nume­ri che riman­da­no all’al­tro Con­to, quel­lo dram­ma­ti­co che si aggior­na alle 18.00 da un anno a que­sta par­te) testi­mo­nia­no che l’i­na­zio­ne ha rag­giun­to un prez­zo trop­po alto, così ele­va­to da non riu­sci­re più a giu­sti­fi­ca­re la man­can­za di inve­sti­men­ti immediati.

Ste­fa­no Artusi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.