17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Creare un clima di sospetto, diffidenza e paura ha l’effetto devastante di sfociare in odio che si traduce in violenza, spesso fisica, a scapito di persone che vorrebbero solo vivere la propria vita come tutte le altre senza negare nulla nessuno.

Oggi è la gior­na­ta mon­dia­le con­tro l’omolesbobitransfobia.

Ma non c’è nul­la da festeggiare.

Poco più che un mese fa il gover­no con­ser­va­to­re UK, attra­ver­so uno dei quat­tro siste­mi sani­ta­ri del regno uni­to (NHS) ha avvia­to una pro­fon­da revi­sio­ne dei pro­to­col­li per l’impiego dei bloc­can­ti del­la puber­tà stru­men­ta­liz­zan­do le con­clu­sio­ni indi­ca­te nel­la ver­sio­ne fina­le di un ampio rap­por­to di una ricer­ca­tri­ce indi­pen­den­te, Hila­ry Cass, che inve­ce si limi­ta­va ad evi­den­zia­re ampie lacu­ne di dati suf­fi­cien­ti a com­por­re una ricer­ca signi­fi­ca­ti­va da una par­te, e la neces­si­tà di un approc­cio a tut­to ton­do a tute­la del benes­se­re psi­co fisi­co degli indi­vi­dui dall’altra. 

Non stu­pi­sce quin­di che l’AIFA, il cui cda è fre­sco di nomi­na filo gover­na­ti­va, abbia caval­ca­to l’onda per ope­ra­re la mede­si­ma stru­men­ta­liz­za­zio­ne annun­cian­do una pre­oc­cu­pan­te stret­ta sull’impiego dei far­ma­ci ritar­dan­ti del­la puber­tà anche nel nostro pae­se.

Non stu­pi­sce nem­me­no che l’annuncio sia arri­va­to pro­prio a pochi mesi di distan­za dal­la incre­scio­sa inda­gi­ne sul Careg­gi di Firen­ze ad ope­ra di Gaspar­ri, al declas­sa­men­to del San­dre­na, ed a pochi gior­ni dal via libe­ra alla maxi com­mis­sio­ne per la riscrit­tu­ra del­le linee gui­da dell’assistenza nei per­cor­si di affer­ma­zio­ne di gene­re in cui, è bene sot­to­li­nea­re, nes­su­na asso­cia­zio­ne trans è sta­ta invi­ta­ta a con­di­vi­de­re l’esperienza diret­ta in meri­to, ed al con­tra­rio sono emer­se figu­re vici­nis­si­me alla mini­stra Roc­cel­la nota per le sue posi­zio­ni aper­ta­men­te con­tro la comu­ni­tà LGBTQIA+.

Oggi, il 17 mag­gio, gior­na­ta mon­dia­le con­tro l’omolesbobitransfobia è più che mai neces­sa­rio ripor­ta­re l’attenzione sui fat­ti per inter­rom­pe­re que­ste peri­co­lo­se misti­fi­ca­zio­ni e cro­cia­te ideologiche.

L’OMS ha rimos­so l’omosessualità dal­la lista del­le malat­tie men­ta­li il 17 mag­gio del 1990, e la incon­gruen­za di gene­re dal 2018, per cui una per­so­na che desi­de­ra affer­ma­re il pro­prio gene­re non ha alcun distur­bo. Colo­ro che sosten­go­no che la cosa equi­val­ga a ‘sen­tir­si Leo­nar­do da Vin­ci’, ad esem­pio, non han­no ben chia­ro che in que­sto caso si par­li “distur­bo dis­so­cia­ti­vo dell’identità”.

Nes­su­no inten­de impor­re ‘nuo­vi model­li’ né indot­tri­na­re le per­so­ne: già ora l’impiego dei far­ma­ci e l’accesso alle tera­pie di affer­ma­zio­ne di gene­re sono con­trol­la­te da pro­to­col­li inter­na­zio­na­li e rila­scia­ti con tut­te le dovu­te cau­te­le sot­to stret­ta sor­ve­glian­za medi­ca e psi­co­lo­gi­ca, pro­prio per garan­ti­re il miglior benes­se­re a cia­scun individuo.

Le bat­ta­glie per il rico­no­sci­men­to del dirit­to alla pro­pria affer­ma­zio­ne di gene­re han­no la mede­si­ma radi­ce del­le altre sui dirit­ti indi­vi­dua­li qua­li abor­to, fine vita, fecon­da­zio­ne ete­ro­lo­ga. La pro­spet­ti­va è quin­di sem­pre di pie­na sorel­lan­za transfemminista.

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nes­su­no.

Ma di omo­le­sbo­bi­tran­sfo­bia in ita­lia si fini­sce anco­ra in ospe­da­le, o nei casi non così estre­mi si muo­re anco­ra. Al nume­ro ver­de Gay Help Line sono sta­ti segna­la­ti 21.000 con­tat­ti negli ulti­mi 12 mesi e le sta­ti­sti­che al ribas­so di arci­gay per gli anni 2022/23 par­la­no di 133 casi di vio­len­za, 3 mor­ti e 3 suicidi.

È ora di scen­de­re in piaz­za e dire basta.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.