Una voce italiana e siriana, per un risveglio culturale e una politica estera dei diritti umani

Ma se la nostra è "La civiltà" che senso hanno quelle parole gridate all'indomani di Charlie Hebdo, del Bataclan e di chissà quante altre stragi che ci attendono, di fronte ai profughi che arrancano nel fango di Idomeni e di altre spiagge?

Rice­via­mo e mol­to volen­tie­ri pubblichiamo:

Caro Pip­po,

ti scri­vo per­ché le imma­gi­ni che ci arri­va­no da Ido­me­ni mi han­no col­pi­to pro­fon­da­men­te, direi scos­so. Dopo la stra­ge di Char­lie Heb­do una marea uma­na si radu­nò per le stra­de di Pari­gi a riaf­fer­ma­re che ‘noi sia­mo la civil­tà che si con­trap­po­ne alla bar­ba­rie’ – oggi rap­pre­sen­ta­ta dagli uomi­ni del­l’I­sis, doma­ni chissà! 

“Illu­mi­ni­smo; socie­tà che rispet­ta i dirit­ti uma­ni e demo­cra­zia” era­no le paro­le all’or­di­ne del gior­no che riem­pi­va­no la boc­ca di poli­ti­ci e intel­let­tua­li (o ope­ra­to­ri cul­tu­ra­li) da Pari­gi a Roma. Era di moda dire que­ste paro­le, affol­la­re i salot­ti tele­vi­si­vi e iner­pi­car­si in ana­li­si che poco han­no sapu­to pro­dur­re per la com­pren­sio­ne del radi­ca­li­smo isla­mi­co. Ma se la nostra è La civil­tà (quin­di uni­ca e che deve esse­re rag­giun­ta da tut­te le socie­tà per dir­si civi­liz­za­te) che sen­so han­no quel­le paro­le gri­da­te all’in­do­ma­ni di Char­lie Heb­do, del Bata­clan e di chis­sà quan­te altre stra­gi che ci atten­do­no, di fron­te ai pro­fu­ghi che arran­ca­no nel fan­go di Ido­me­ni e di altre spiag­ge? Io cre­do nul­la: non han­no alcun peso. Se que­sta marea uma­na che asse­dia la nostra for­tez­za del benes­se­re cre­de di tro­va­re un luo­go di pace, dove sot­trar­si alla tor­tu­ra di mas­sa che regi­mi e fon­da­men­ta­li­smi (entram­bi stret­ta­men­te lega­ti), lo sgom­be­ro di Ido­me­ni, i cor­tei di Alba Dora­ta, le bot­te, l’u­mi­lia­zio­ne di vive­re sot­to una ten­da non pos­so­no che pro­dur­re odio, lecito.

Dicia­mo­ce­lo chia­ra­men­te: abbia­mo biso­gno di una nuo­va poli­ti­ca este­ra basa­ta sul rispet­to dei dirit­ti uma­ni. Da cin­que anni mi occu­po, attra­ver­so i miei libri e tra­mi­te una atti­vi­tà di sen­si­bi­liz­za­zio­ne poli­ti­ca, del­la Siria. Ho vis­su­to l’e­si­lio; vivo la guer­ra – da lon­ta­no osser­vo la mia secon­da Patria scom­pa­ri­re, ami­ci e fami­glia­ri mori­re – e nul­la di quel­lo che è sta­to det­to o fat­to per la Siria ha por­ta­to risul­ta­ti. Con­ti­nuia­mo a pra­ti­ca­re una poli­ti­ca del­l’i­po­cri­sia: ci si lamen­ta dei pro­fu­ghi siria­ni che arri­va­no in mas­sa, par­lia­mo di “nostra civil­tà del­la pace” men­tre ven­dia­mo armi al regi­me siria­no e indi­ret­ta­men­te all’I­sis. Ricor­do che Gior­gio Napo­li­ta­no, nel 2010, deco­rò con una ono­ri­fi­cen­za del­la Repub­bli­ca il dit­ta­to­re siria­no. Suc­ces­si­va­men­te, l’o­no­ri­fi­cen­za fu riti­ra­ta dopo che feci nota­re a qual­cu­no l’in­con­gruen­za di que­sto “meri­to”. Alla moglie di Bashar al Asad è sta­ta con­fe­ri­ta dal­la Sapien­za di Roma una lau­rea in archeo­lo­gia e cre­do che sia da riti­ra­re anche quel­la, visto che a Pal­mi­ra, oltre ai resti archeo­lo­gi­ci, c’è un car­ce­re di mas­si­ma sicu­rez­za dove deci­ne di miglia­ia di per­so­ne sono sta­te ucci­se in que­sto mez­zo seco­lo di dittatura.

Dob­bia­mo smet­te­re di soste­ne­re dit­ta­tu­re per­ché ci pro­met­to­no sta­bi­li­tà o ci chie­do­no di chiu­de­re gli occhi di fron­te ai mas­sa­cri che com­pio­no in cam­bio del­la loro pro­te­zio­ne dal fon­da­men­ta­li­smo tele­gui­da­to. Ricor­do che ave­va­mo stret­to un accor­do con Ghed­da­fi nel qua­le gli dava­mo sol­di per limi­ta­re l’ar­ri­vo dei pro­fu­ghi. Come fer­mas­se l’ar­ri­vo di que­sta gen­te non ci inte­res­sa­va. Le car­ce­ri libi­che e le fos­se comu­ni nel deser­to testi­mo­nia­no come que­sta gen­te non sia mai arri­va­ta a Lampedusa!

Nel luglio del 2015, Mat­teo Ren­zi rila­sciò una inter­vi­sta a Bar­ba­ra Ser­ra di Al Jazee­ra nel­la qua­le elo­gia­va Al Sisi, il pre­si­den­te gol­pi­sta egi­zia­no, per le sue qua­li­tà, repu­tan­do­lo un ami­co. Ci si è accor­ti che in Egit­to si tor­tu­ra­va solo quan­do han­no ucci­so Giu­lio Rege­ni. Ben ven­ga la cam­pa­gna per la veri­tà sul­la mor­te di que­sto ragaz­zo, por­ta­ta avan­ti dal­la fami­glia e da Amne­sty Inter­na­tio­nal Ita­lia, altri­men­ti c’è chi avreb­be fat­to dimen­ti­ca­re velo­ce­men­te la fac­cen­da in nome dell’interesse.

Tro­vo esclu­si­va­men­te neces­sa­rio cam­bia­re mar­cia in poli­ti­ca este­ra, garan­ten­do la pace negli altri pae­si e la neces­si­tà di soste­ne­re le socie­tà civi­li che ten­ta­no di eman­ci­par­si da dit­ta­tu­re e fon­da­men­ta­li­smi, ma è anche urgen­te una rivo­lu­zio­ne cul­tu­ra­le in Ita­lia. In cin­que anni ho nota­to che intor­no alla Siria – e non solo – c’è una ver­go­gno­sa assen­za da par­te del­la una clas­se intel­let­tua­le ita­lia­na (sia­no essi poe­ti, scrit­to­ri o altro). Non c’è inte­res­se nel­l’impe­gnar­si nel soste­ne­re cau­se extraeu­ro­pee o nel sem­pli­ce dar voce a auto­ri che non sia­no “ami­ci”. Se oggi c’è un riaf­fer­mar­si del popu­li­smo e del­la xeno­fo­bia, una gra­ve respon­sa­bi­li­tà l’han­no gli intel­let­tua­li, inca­pa­ci di argi­na­re una con­tro cul­tu­ra (di destra ma non solo) che si fa lar­go fra i gio­va­ni e che fra qual­che decen­nio – se con­ti­nuia­mo di que­sto pas­so – ci dimo­stre­rà tut­ta la sua cari­ca distrut­ti­va. Guar­dia­mo alla cul­tu­ra nel mon­do ara­bo: ci sono scrit­to­ri e poe­ti dispo­sti a far­si incar­ce­ra­re, tor­tu­ra­re e ucci­de­re in nome di un idea­le. Scri­vo­no libri (roman­zi, sag­gi e rac­col­te di poe­sie) social­men­te impe­gna­ti. Han­no mol­to da inse­gnar­ci riguar­do a come si usa una cit­ta­di­nan­za atti­va. A que­sto loro atti­vi­smo, la clas­se cul­tu­ra­le ita­lia­na con­ti­nua a vive­re in una tor­re d’a­vo­rio, non ten­tan­do di sdo­ga­na­re la cul­tu­ra ara­ba dal­l’an­go­lo in cui è reclu­sa nel­l’im­ma­gi­na­rio collettivo.

C’è biso­gno d’im­pe­gno, di atti­var­si dal bas­so, di leg­ge­re e di non accet­ta­re indif­fe­ren­ti gli eventi.

Sha­dy Hamadi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.