Università per Stranieri di Perugia: il caso Suarez era solo la punta dell’iceberg

Uno dei danni più gravi di questa vicenda e della condotta di docenti, amministrativi, enti locali e, infine, della politica nazionale e del ministro, è proprio quello di aver provato a distruggere i nostri sogni e le nostre speranze, tradendo la fiducia che è alla base del rapporto tra Stato e cittadino.

Ci pre­sen­tia­mo, sia­mo gli stu­den­ti dell’Unione degli Uni­ver­si­ta­ri dell’Università per Stra­nie­ri di Peru­gia.

In que­sti anni ci sia­mo spe­si tan­tis­si­mo per il nostro Ate­neo, orga­niz­zan­do ini­zia­ti­ve socia­li e cul­tu­ra­li, por­tan­do avan­ti le istan­ze dei nostri col­le­ghi, facen­do asso­cia­zio­ni­smo e poli­ti­ca nell’accezione più alta del ter­mi­ne. Per cita­re alcu­ne di que­ste ini­zia­ti­ve potrem­mo par­lar­vi dei pran­zi socia­li inter­cul­tu­ra­li, in cui stu­den­ti e pro­fes­so­ri era­no soli­ti por­ta­re piat­ti tipi­ci del­la loro ter­ra, con­di­vi­den­do cibo e cultura.

Potrem­mo par­lar­vi del ban­do atti­vi­tà cul­tu­ra­li, di #aulea­per­te, del tuto­rag­gio linguistico.

Potrem­mo e vor­rem­mo par­lar­vi di tan­te cose posi­ti­ve che abbia­mo fat­to e che abbia­mo anco­ra voglia di fare, con e per il nostro Ate­neo, ma pur­trop­po, da qual­che mese, sia­mo alla ribal­ta nazio­na­le per qual­co­sa che offu­sca il nostro lavo­ro, e che è com­ple­ta­men­te in anti­te­si rispet­to ai valo­ri nei qua­li cre­dia­mo da sem­pre e per i qua­li lottiamo. 

Infat­ti, da cin­que mesi la nostra Uni­ver­si­tà è cono­sciu­ta in tut­to il mon­do per esse­re quel­la in cui il cal­cia­to­re Luis Suá­rez ha con­se­gui­to un cer­ti­fi­ca­to lin­gui­sti­co, soste­nen­do un esa­me far­sa, per otte­ne­re la cit­ta­di­nan­za italiana. 

Fin dal prin­ci­pio di que­sta brut­ta sto­ria, abbia­mo volu­to chia­ri­re che il caso Suá­rez, ben­ché media­ti­ca­men­te più rumo­ro­so, per noi era in real­tà solo la pun­ta dell’iceberg, e che altre que­stio­ni for­se più impor­tan­ti con­ti­nua­va­no a resta­re nell’ombra.

Se fos­si­mo un pae­se serio, dovrem­mo inter­ro­gar­ci sul per­ché dia­mo per scon­ta­to che un cal­cia­to­re pos­sa acqui­si­re la cit­ta­di­nan­za pur non dispo­nen­do di uno dei requi­si­ti fon­da­men­ta­li per otte­ner­la, men­tre un ragaz­zo nato e cre­sciu­to in que­sto pae­se deb­ba fare i sal­ti mor­ta­li per ottenerla.

Se fos­si­mo un pae­se serio, dovrem­mo chie­der­ci per­ché il siste­ma di reclu­ta­men­to nel­le uni­ver­si­tà non è qua­si mai di natu­ra vir­tuo­sa, ma qua­si sem­pre vizio­sa e vizia­ta da logi­che di scam­bio che nul­la han­no a che vede­re con il meri­to (la nostra Uni­ver­si­tà è coin­vol­ta anche in vicen­de di que­sto tipo, sul­le qua­li la magi­stra­tu­ra sta pro­van­do a fare chiarezza).

Se fos­si­mo un pae­se serio, dovrem­mo chie­der­ci una vol­ta per tut­te se ha sen­so tra­sfor­ma­re gli ate­nei in azien­de a gestio­ne sta­ta­le: un ibri­do che assom­ma in sé tut­to ciò che c’è di nega­ti­vo nel pub­bli­co e nel pri­va­to.

Ecco, all’indomani del­lo scop­pio del caso, spe­ra­va­mo che da quel pastic­ciac­cio brut­to nasces­se un dibat­ti­to serio, che coin­vol­ges­se, poi, tut­to il resto del pae­se. Inve­ce ci sia­mo dovu­ti sor­bi­re un cine­pa­net­to­ne fat­to di per­so­nag­gi discu­ti­bi­li e cal­cia­to­ri che non spic­ci­ca­no una paro­la di ita­lia­no, con l’amara sen­sa­zio­ne che nul­la sareb­be cam­bia­to. A nul­la è val­so il nostro impe­gno per cer­ca­re di far capi­re che la situa­zio­ne era mol­to più gra­ve di quan­to si potes­se pen­sa­re, a nul­la sono val­se le let­te­re in cui chie­de­va­mo rispet­to per l’unica par­te lesa di que­sta sto­ria: gli stu­den­ti.

Qual­che gior­no fa, in un estre­mo ten­ta­ti­vo di rista­bi­li­re un mini­mo di tra­spa­ren­za e lega­li­tà, abbia­mo chie­sto al Mini­stro Man­fre­di, che si appre­sta­va ad incon­tra­re la dimis­sio­na­ria pro­ret­tri­ce del nostro Ate­neo, di invia­re un com­mis­sa­rio mini­ste­ria­le per gesti­re que­sta deli­ca­ta fase di tran­si­zio­ne, e ci sia­mo inol­tre resi dispo­ni­bi­li per un incon­tro nel qua­le potes­si­mo espri­me­re il nostro pun­to di vista. Pur­trop­po, per la secon­da vol­ta, sia­mo sta­ti igno­ra­ti, a dimo­stra­zio­ne che gli stu­den­ti inte­res­sa­no a poli­ti­ci e isti­tu­zio­ni solo nei pro­gram­mi elet­to­ra­li, ma poi, quan­do si trat­ta di par­la­re di cose da “adul­ti”, è meglio che i ragaz­zi non si immischino.

Uno dei dan­ni più gra­vi di que­sta vicen­da e del­la con­dot­ta di docen­ti, ammi­ni­stra­ti­vi, enti loca­li e, infi­ne, del­la poli­ti­ca nazio­na­le e del mini­stro, è pro­prio quel­lo di aver pro­va­to a distrug­ge­re i nostri sogni e le nostre spe­ran­ze, tra­den­do la fidu­cia che è alla base del rap­por­to tra Sta­to e cittadino. 

A vol­te, quan­do par­lia­mo con i nostri col­le­ghi, ci sen­tia­mo rispon­de­re: “Che sarà mai, suc­ce­de ovun­que!”. Que­sta fra­se pesa come un maci­gno, e dovreb­be rap­pre­sen­ta­re una con­dan­na sen­za appel­lo per il mon­do dell’università, per la poli­ti­ca, per i media, per tut­ta la nazio­ne. Un popo­lo ras­se­gna­to alla cor­ru­zio­ne e al malaf­fa­re è un popo­lo sen­za futuro.

Non ci ras­se­gnia­mo, con­ti­nue­re­mo ad ope­ra­re nel­le isti­tu­zio­ni e nel­la socie­tà, negli Orga­ni di Ate­neo e nel­le scuo­le, nei sin­da­ca­ti e nel­le fab­bri­che. Pote­te ral­len­tar­ci le car­rie­re, pote­te toglier­ci un dot­to­ra­to, pote­te ren­der­ci la vita dif­fi­ci­le, ma non ci toglie­re­te la voglia di sogna­re e lot­ta­re per un mon­do più giu­sto, in cui un cal­cia­to­re milio­na­rio abbia gli stes­si dirit­ti e dove­ri di una ragaz­za disoc­cu­pa­ta, in cui un ricer­ca­to­re ven­ga scel­to in base alle sue com­pe­ten­ze e non in base a chi cono­sce, in cui un’università non sia un’azienda che deve pro­dur­re uti­li eco­no­mi­ci ma un’istituzione che deve pro­dur­re uti­li sociali.

Caro Mini­stro, cara Ret­tri­ce, caro Diret­to­re Gene­ra­le, cari pro­fes­so­ri, cari poli­ti­can­ti, non ci avre­te mai come vole­te voi.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.