Una vita che mediamo

alfano monti casini bersaniLa poli­ti­ca pop, stan­no inse­gnan­do con fare evan­ge­li­co, è quel­la diver­ten­te for­ma del pen­sie­ro bre­ve con­tem­po­ra­neo che debor­da nei social net­work. Segna­ta­men­te su twit­ter, oltre che attra­ver­so le paro­die sati­ri­che di valen­ti auto­ri, le cor­ru­zio­ni dei poster in .jpg, can­zo­ni e inni mes­si alla ber­li­na, foto­gra­fie che inchio­da­no e diven­ta­no vira­li, imi­ta­zio­ni che inve­ce di limi­ta­re il con­sen­so del­la “vit­ti­ma” ne accre­sco­no una sezio­ne per­ver­sa del­la popo­la­ri­tà. Di luo­ghi comu­ni ahi­mè veri, si pasce il feno­me­no: «il PD si spac­ca», ad esem­pio, lo met­ti su tut­to, dal­l’in­sa­la­ta ai gemel­li ton sur ton. Bat­te le ali una far­fal­la a Sin­ga­po­re? Il PD si spac­ca. Vec­chio­ni for­se è can­di­da­to al Nobel? Il PD si spac­ca. Tan­to da far­ci un tum­blr istan­ta­neo, tra un laz­zo e un friz­zo, a chie­der­si come mai sem­pre, per­vi­ca­ce­men­te, allar­gan­do le brac­cia il PD si spacca.

 

fassina brunetta Una rispo­sta, man­co trop­po fra le righe, l’ha data Giu­sep­pe Civa­ti lo scor­so gio­ve­dì al tea­tro Vit­to­ria in Roma, duran­te l’ou­ver­tu­re del­la cam­pa­gna con­gres­sua­le che lo vede can­di­da­to alla segre­te­ria nazio­na­le del par­ti­to. «Sono anni che media­mo», tan­to tem­po che qua­si non ce lo ricor­dia­mo più, quan­do fu l’ul­ti­ma vol­ta che la sini­stra e il cen­tro­si­ni­stra con­se­gui­ro­no un risul­ta­to signi­fi­ca­ti­vo per la pla­tea di elet­to­ri che a loro si rivol­go­no. Il PD media trop­po e media male, anche quan­do appa­ren­te­men­te par­te da posi­zio­ni di for­za: con­se­gui­re il rifi­nan­zia­men­to del­la cas­sa inte­gra­zio­ne e del­le misu­re ver­so gli eso­da­ti crea­ti dal­la som­ma media­zio­ne del mini­ste­ro For­ne­ro ‑ad esem­pio- era il pun­to mini­mo da otte­ne­re, quan­do la con­tro­part­ner di gover­no può ben sban­die­ra­re la pro­pria vit­to­ria nel­la can­cel­la­zio­ne inte­gra­le del­l’IMU, che lo stes­so PDL “non ricor­da” più di aver inse­ri­to a suo tem­po. E sia­mo bovi­na­men­te pron­ti ad accet­ta­re che fos­se così anche pri­ma del gover­no Mon­ti, nato col con­sen­so di chi, sen­za, avreb­be vin­to le ele­zio­ni. Forse.

Schermata 2013-10-27 alle 17.49.34 È una vita che media­mo: così inve­ce di impor­re al gover­no dei com­pi­ti pre­ci­si, for­ti di nume­ri mai avu­ti pri­ma alme­no alla Came­ra ‑il pia­no C evo­ca­to da Civa­ti anco­ra ai pri­mi di mar­zo- ci si strap­pa lì nel mez­zo, dove poi è più dif­fi­ci­le ricu­ci­re. E gon­go­la chi non media pro­prio per nien­te, dal­le par­ti del­la destra, acqui­sen­do sul vel­lu­to. Ché a gio­ca­re gene­ro­si, anzi “respon­sa­bi­li” come ama dire lo sta­to mag­gio­re del par­ti­to ad ogni alza­ta di soprac­ci­glio del pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca, pri­ma o poi impa­re­ran­no che ci si rimet­te: nel fia­to cor­to, nel­la visio­ne appan­na­ta, nel venir meno del soste­gno degli afi­cio­na­dos, non solo nel­l’ac­co­sta­men­to ver­ba­le a Sci­li­po­ti e Calea­ro. Media­mo per­ché far due par­ti in com­me­dia ci pare l’u­ni­ca, quan­do in luo­go del­la con­ser­va­zio­ne poli­ti­ca si affer­ma l’al­trui inte­res­se per­so­na­le; media­mo là dove si fan­no con­vi­ve­re opzio­ni oppo­ste, con l’ad­dot­to moti­vo che toc­ca sosti­tuir­si anche a una destra ine­si­sten­te. Una iat­tu­ra, ben vedete.

 

Schermata 2013-10-27 alle 18.06.21 Fin dal­la sua nasci­ta ‑e sia­mo pro­di­ghi nel non voler inclu­de­re anche il perio­do in cui vige­va­no i mas­si­mi par­ti­ti cofon­da­to­ri- il PD ha media­to con Ber­lu­sco­ni per la gover­nan­ce, con l’Eu­ro­pa per l’e­co­no­mia, coi fau­to­ri di un cen­tro immo­bi­le per la rifor­ma elet­to­ra­le, con il Vati­ca­no pre-ber­go­glia­no per i dirit­ti civi­li del­le per­so­ne, con l’ar­ti­co­lo 11 del­la Costi­tu­zio­ne quan­do si trat­ta­va di man­da­re i sol­da­ti a far la guer­ra. Rara­men­te si è ricor­da­to di media­re coi pro­pri elet­to­ri, ad esem­pio nei gior­ni con­vul­si del voto per il Qui­ri­na­le, quan­do non ha sapu­to far­si segui­re dal­la base a nes­sun livel­lo. O in occa­sio­ne del­l’ac­qui­sto degli F35, per non dire del­la con­fer­ma di Alfa­no dopo il caso kaza­ko nè, all’o­ri­gi­ne, del­l’ac­can­to­na­men­to di Ita­lia Bene Comu­ne. Eppu­re, nel­la flo­ri­da Ger­ma­nia, la SPD da posi­zio­ni d’in­fe­rio­ri­tà ha coin­vol­to mate­rial­men­te i suoi iscrit­ti e sot­to­po­sto alla Mer­kel un deca­lo­go di richie­ste strin­gen­ti, con tan­to di vidi­ma­zio­ne: sala­ri mini­mi più alti, pari­tà di trat­ta­men­to eco­no­mi­co per le don­ne, fon­di alla scuo­la pub­bli­ca. Cose di sini­stra, insom­ma.

le-manifestazioni-per-il-sequestro-dell-ilva Altre vol­te la geren­za del Par­ti­to Demo­cra­ti­co ha deci­so di non media­re nem­me­no, e di lavar­si le mani tra urgen­ze più alte che non lo spic­cio­lo tor­na­con­to nel­le pre­si­den­ze del­le com­mis­sio­ni: come tra lavo­ro e ambien­te a Taran­to, lascian­do col­pe­vol­men­te cade­re un van­to indu­stria­le sen­za che la comu­ni­tà loca­le bene­fi­cas­se di un’a­ria più salu­bre e di ana­li­si medi­che non pre­oc­cu­pan­ti. Ecco, se “Una vita che media­mo” è sta­ta la can­zo­ne tri­ste, soli­ta­ria y final chem ha con­dot­to a que­sta situa­zio­ne, la musi­ca può cam­bia­re con Giu­sep­pe Civa­ti segre­ta­rio: non fos­s’al­tro che per l’or­go­glio di rap­pre­sen­ta­re chi al PD si affi­da e non chi ne con­tra­sta le idee e i valo­ri, per anda­re a testa alta sapen­do di non aver tra­di­to la fidu­cia del­le per­so­ne, per aver scel­to gli inte­res­si da soste­ne­re (uno su tut­ti, le impre­se che resta­no in Ita­lia a pro­dur­re anzi­ché quel­le che migra­no dove i dirit­ti sin­da­ca­li sono inesistenti).

Quin­di sia­mo alla par­ten­za: una vita che media­mo, e il PD si spac­ca. Non è una bar­zel­let­ta: il par­ti­to si spac­ca pro­prio per­ché una sua par­te è anco­ra refrat­ta­ria a gio­ca­re al ribas­so, men­tre un’al­tra disin­vol­ta­men­te è capa­ce di pas­sar sopra a ogni nequi­zia per giu­sti­fi­ca­re la gover­na­bi­li­tà, la sta­bi­li­tà, assur­gen­do­le a valo­re in sè com­piu­to. Con l’ef­fet­to che que­sti ulti­mi pas­sa­no per “respon­sa­bi­li” (vedi sopra) men­tre chi som­mes­sa­men­te fa nota­re le discra­sie con quan­to si era det­to e pro­mes­so a feb­bra­io, diven­ta il dis­si­den­te, il repro­bo, maga­ri pas­si­bi­le di espul­sio­ne. For­se è vero, come scri­ve il Ser­ra miglio­re, che den­tro il PD ci sono ele­men­ti che odia­no la sini­stra, un’en­ti­tà che sa di esse­re par­te e non il tut­to: sarà mai pos­si­bi­le, qual­cu­no allo­ra si chie­de. No, sug­ge­ri­sce Mau­ri­zio con effi­ca­ce neo­lo­gi­smo: una cir­co­stan­za come que­sta può esse­re incre­di­bi­le, e al tem­po stes­so esse­re pidi­bi­le, cioè pos­si­bi­le nel Par­ti­to Democratico.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.