Una marcia nazionale a difesa della Certosa di Trisulti

La Certosa deve rimanere un luogo aperto al mondo, interculturale, nella piena disponibilità della comunità locale e degli escursionisti, un avamposto d’Europa per farne un luogo simbolo di idee che non si chiudono al mondo, ma continuano a respirare.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]La Cer­to­sa di Tri­sul­ti a Col­le­par­do (FR) è un sito che per seco­li è sta­to pun­to di rife­ri­men­to per la cura del­lo spi­ri­to, un bene comu­ne da tute­la­re rispet­to a qual­sia­si tra­sfor­ma­zio­ne che ne sna­tu­ri­no la sto­ria e la tradizione.

La Cer­to­sa deve rima­ne­re un luo­go aper­to al mon­do, inter­cul­tu­ra­le, nel­la pie­na dispo­ni­bi­li­tà del­la comu­ni­tà loca­le e degli escur­sio­ni­sti, un avam­po­sto d’Europa per far­ne un luo­go sim­bo­lo di idee che non si chiu­do­no al mon­do, ma con­ti­nua­no a respirare.

Per que­sti moti­vi, con­di­vi­do la nota del Comi­ta­to Altie­ro Spi­nel­li di Fro­si­no­ne, che fin dal pri­mo momen­to è sta­to accan­to alla comu­ni­tà loca­le, e invi­to tut­te e tut­ti alla mar­cia del 16 mar­zo, per chie­de­re la revo­ca defi­ni­ti­va del­la con­ces­sio­ne alla Digni­ta­tis Huma­nae Insti­tu­te.

Bea­tri­ce Brignone

 

Il 14 feb­bra­io 2018, quan­do Dario Fran­ce­schi­ni era mini­stro dei Beni e del­le atti­vi­tà Cul­tu­ra­li, la Digni­ta­tis Huma­nae Insti­tu­te (DHI) vici­na a Ste­ve Ban­non si aggiu­di­cò par­te­ci­pan­do a un rego­la­re ban­do di gara, la con­ces­sio­ne del­la Cer­to­sa di Tri­sul­ti, luo­go cari­co di sto­ria e tra­di­zio­ni che per seco­li è sta­to pun­to di rife­ri­men­to per la cura del­lo spi­ri­to e apprez­za­to pun­to di rife­ri­men­to per il turi­smo culturale.

L’aggiudicazione alla DHI ha crea­to mal­con­ten­to nel­le comu­ni­tà loca­li, sia per la cifra irri­so­ria dell’affitto (100.000 euro annui per 19 anni), sia per le fina­li­tà del­la con­ces­sio­ne, l’apertura di una scuo­la di poli­ti­ca e sede cen­tra­le di un movi­men­to che guar­da agli affa­ri inter­na­zio­na­li favo­ren­do l’intolleranza, l’odio e la discri­mi­na­zio­ne, noto per le sue posi­zio­ni ultra­cat­to­li­che di chia­ro stam­po nazio­na­li­sta, sovra­ni­sta e di estre­ma destra.

Il 29 dicem­bre si è svol­ta una mar­cia di pro­te­sta, orga­niz­za­ta dal­la rete di comi­ta­ti e asso­cia­zio­ni loca­li, che chie­de­va la revo­ca del­la concessione.

Ieri 25 gen­na­io pres­so l’Aula di Mon­te­ci­to­rio l’on. Fra­to­ian­ni ha pre­sen­ta­to a nome di tut­ti noi un’interpellanza urgen­te in meri­to all’aggiudicazione dell’Abbazia alla Fon­da­zio­ne DHI pre­sie­du­ta da Har­n­well. il Gover­no ha dovu­to rispon­de­re cir­ca la sus­si­sten­za dei requi­si­ti richie­sti dal Ban­do, e gli even­tua­li pos­si­bi­li pro­fi­li di ille­git­ti­mi­tà in tut­to l’iter che ha por­ta­to all’assegnazione del bene; le paro­le di Gian­lu­ca Vac­ca, sot­to­se­gre­ta­rio al Mini­ste­ro dei Beni Cul­tu­ra­li «le dichia­ra­zio­ni del rap­pre­sen­tan­te lega­le dell’associazione, asse­ri­ta­men­te ripor­ta­te dal­la stam­pa, comun­que non for­ma­no par­te dell’offerta pre­sen­ta­ta e del pro­get­to di valo­riz­za­zio­ne alle­ga­to e non tro­va­no disci­pli­na alcu­na nell’ambito del­la con­ces­sio­ne stipulata».

In pra­ti­ca nel ban­do non era pre­vi­sto l’insediamento di una scuo­la poli­ti­ca sovra­ni­sta, che pre­ve­de­va inve­ce la tute­la e la valo­riz­za­zio­ne del­la Certosa.

Ci aspet­tia­mo che il gover­no revo­chi la concessione.

Nel­la con­fe­ren­za stam­pa che è segui­ta all’interpellanza in aula, la rap­pre­sen­tan­te del­le Comu­ni­tà Soli­da­li, la rete dei comi­ta­ti e asso­cia­zio­ni dei ter­ri­to­ri a cui Pos­si­bi­le par­te­ci­pa atti­va­men­te, ha dichia­ra­to di con­si­de­ra­re la rispo­sta del Sot­to­se­gre­ta­rio un pri­mo pas­so nel­la giu­sta direzione.

Come Pos­si­bi­le, con­ti­nue­re­mo a moni­to­ra­re la situa­zio­ne e par­te­ci­pe­re­mo il 16 mar­zo alla mar­cia nazio­na­le per chie­de­re la revo­ca defi­ni­ti­va dell’assegnazione alla DHI.

Pos­si­bi­le Fro­si­no­ne — Comi­ta­to Altie­ro Spi­nel­li[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?