Abbiamo un vincitore: “Chi vota con chi” è l’argomento più scemo del referendum

Di tutti gli argomenti capziosi, discutibili e spesso palesemente inventati che hanno dominato il dibattito di questa campagna referendaria, svetta fulgido nella sua totale inutilità quello che recita: “Chi vota no vota come i fascisti”.

A coniare questo impareggiabile argomento retorico è stata non a caso la ministra Boschi, autrice e paladina della pessima riforma su cui siamo chiamati ad esprimerci il 4 dicembre, che già nella scorsa primavera ha affermato che:

Chi a sinistra vota no, vota come CasaPound.

Come tutte le idee geniali, la seguente affermazione si è diffusa in ogni anfratto del dibattito politico, dai confronti televisivi a quelli sul web, dai dibattiti in parlamento a quelli nei bar. E pur avendo dei degni rivali nella sua squadra, come il celebre “la casta/i gattopardi/i vecchi contro i giovani votano no” e l’ormai classico “è una riforma che aspettiamo da vent’anni/trent’anni/dalla costituente,/dalla caduta dell’Impero Romano d’Occidente”, lo slogan firmato Boschi resta in assoluto quello privilegiato per sbertucciare chi a sinistra vota NO, quindi praticamente tutta la sinistra.

Nelle mille varianti sul tema, l’ultima arrivata colpisce particolarmente l’occhio. Gira da qualche giorno sui social un meme che ritrae Enrico Berlinguer e che recita stentoreo:

ai ‘compagni’ che votano come i fascisti, ricordiamo che mai il PCI votò come i fascisti.

Al di là dell’ottimo gusto ed eleganza dimostrati nel mettere la faccia di Berlinguer al servizio della riforma di Renzi e Boschi, che non ci stupiscono (lo stesso premier ha aspettato circa venti minuti dalla morte di Umberto Veronesi per ricordare a tutti che l’illustre chirurgo era a favore del Sì), vogliamo soffermarci sul testo che accompagna l’immagine, perché è esemplificativo della cretinaggine dell’argomento in questione.

Il PCI dell’epoca si opponeva a un provvedimento dell’allora maggioranza di governo (DC, PSI, PRI, PSDI, PLI) e propose un referendum allo scopo di abrogare la legge. Assieme al PCI si schierarono per il sì anche la Lista Verde e Democrazia Proletaria, ma non furono i soli: spiace ricordarlo agli amici del PD, ma anche il Movimento Sociale Italiano si schierò per il sì.

Quindi proprio il PCI votò a un referendum come i fascisti!

L’accusa ha terminato, direbbe qualcuno.

Ma la questione non è assegnare un altro punto a questa o quella squadra, è riportare il dibattito sul piano della razionalità. Come si fa a sapere che cosa avrebbe votato un padre costituente, un esponente del PCI o del PLI trent’anni dopo la sua morte? E che senso ha fare accostamenti così, quando in un referendum ciascuno vota come ritiene, in compagnia di altri che lo fanno per le stesse o per altre ragioni? Alessandra Mussolini vota sì, ma Mussolini nonno come avrebbe votato? Capite che siamo al delirio?

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati