Un Primo Maggio attuale più che mai

Pensiamo che questo Primo Maggio ci debba servire per continuare la vecchia lotta, perché è stato chiaro che da questa quarantena ne usciranno, acciaccate ma non distrutte, dal punto di vista lavorativo ed economico, solo quelle persone che hanno potuto far valere diritti contrattuali solidi.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]di Clau­dia More­ni e Cri­sti­na Cazzulo

Quest’anno ci aspet­ta un Pri­mo Mag­gio inso­li­to, come inso­li­te sono sta­te le cele­bra­zio­ni di alcu­ne gior­na­te signi­fi­ca­ti­ve dal­l’i­ni­zio del 2020, sia­no sta­te esse lai­che, come la gior­na­ta inter­na­zio­na­le del­la don­na (8 Mar­zo) o la festa del­la libe­ra­zio­ne (25 Apri­le), o reli­gio­se (Pasqua e Lune­dì del­l’An­ge­lo): un Pri­mo Mag­gio di piaz­ze virtuali.

Un Pri­mo Mag­gio in cui, per la pri­ma vol­ta, chi lavo­ra in set­to­ri come la gran­de distri­bu­zio­ne (cen­tri com­mer­cia­li o iper­mer­ca­ti), il turi­smo o la cul­tu­ra (cine­ma, tea­tri, risto­ran­ti…), sarà a casa, men­tre ci saran­no per­so­ne, che non rin­gra­zie­re­mo mai abba­stan­za, e che lavo­ra­no in ambi­to sani­ta­rio, nel­la pro­te­zio­ne civi­le, nel­le for­ze del­l’or­di­ne, ecce­te­ra, che in tem­pi nor­ma­li e tur­ni per­met­ten­do avreb­be­ro potu­to festeg­gia­re la gior­na­ta a casa ma che pro­prio per que­st’e­mer­gen­za saran­no al lavo­ro come non han­no smes­so di fare da oltre due mesi a que­sta par­te, dimen­ti­can­do ferie e ripo­si. 

Sarà soprat­tut­to un Pri­mo Mag­gio che, anco­ra di più degli anni scor­si, met­te­rà in risal­to tut­te le con­trad­di­zio­ni del­l’at­tua­le siste­ma eco­no­mi­co e pro­dut­ti­vo, con la sete di dirit­ti che anco­ra trop­pe per­so­ne che lavo­ra­no con­ti­nua­no ad avere.

Lo stop dovu­to alla pan­de­mia ha mes­so ulte­rior­men­te in luce le dif­fe­ren­ze tra chi fa atti­vi­tà lavo­ra­ti­ve dif­fe­ren­ti, ma anche fra chi ha sem­pre lavo­ra­to spal­la a spal­la (altro che metro di distan­za!) e si è sem­pre con­si­de­ra­to col­le­ga di nome, ma che nel­la real­tà vive dirit­ti dif­fe­ren­ti. Duran­te il loc­k­do­wn, infat­ti, nel­la stes­sa azien­da colo­ro che godo­no di un con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to han­no potu­to usu­frui­re di ferie, cas­sa inte­gra­zio­ne in dero­ga, di per­mes­si paren­ta­li o, se for­tu­na­ti o for­tu­na­te, han­no lavo­ra­to in smart­wor­king (ma anche in que­sto caso sareb­be oppor­tu­no dif­fe­ren­zia­re tra dato­ri di lavo­ro “illu­mi­na­ti” che quin­di for­ni­sco­no i dispo­si­ti­vi, rispet­ta­no i tem­pi di distac­co e maga­ri aiu­ta­no nel paga­men­to del­le uten­ze per il col­le­ga­men­to inter­net e quel­li più arre­tra­ti che con­si­de­ra­no il tem­po di lavo­ro a casa come sot­trat­to all’azienda).

Colo­ro che lavo­ra­no inve­ce con un con­trat­to a som­mi­ni­stra­zio­ne han­no imme­dia­ta­men­te subi­to le con­se­guen­ze del­le deci­sio­ni dell’azienda che li o le uti­liz­za e che per le APL (Agen­zie Per il Lavo­ro) pres­so cui risul­ta­no assun­ti o assun­te, rap­pre­sen­ta­no il clien­te da accontentare.

Chi ave­va un con­trat­to di tiro­ci­nio o di sta­ge, in base al prin­ci­pio per cui di con­trat­to di for­ma­zio­ne e non di lavo­ro si trat­ta, è ora a casa sen­za retri­bu­zio­ne e sen­za poter acce­de­re a nes­sun tipo di con­tri­bu­to e poco impor­ta che nel­la mag­gior par­te del­le azien­de que­sti con­trat­ti ven­ga­no nel­la qua­si nor­ma­li­tà impie­ga­ti per sop­pe­ri­re alle man­can­ze di per­so­na­le: trop­pi struz­zi han­no evi­ta­to di vede­re la deri­va cui si anda­va incontro.

Chi svol­ge un lavo­ro di cura a domi­ci­lio (come le badan­ti) ha con­ti­nua­to ad assi­ste­re anzia­ni, spes­so sen­za alcun pre­si­dio di pro­te­zio­ne, né per loro, né per chi assi­ste­va­no: dove­va pen­sar­ci la fami­glia? Dove­va­no pen­sar­ci da sole/i? Non ci ha pen­sa­to nes­su­no e han­no con­ti­nua­to a fare viag­gi del­la spe­ran­za su auto­bus semi­vuo­ti e a fare inter­mi­na­bi­li code nei nego­zi per la spe­sa, rima­nen­do a con­tat­to con tut­to e di tut­ti, rischian­do ogni gior­no la loro salu­te e quel­la di chi è più fragile.

Un’al­tra voce di que­sto elen­co è rap­pre­sen­ta­ta dal­le con­di­zio­ni di lavo­ro dei e del­le riders, che han­no con­ti­nua­to ad effet­tua­re con­se­gne di cibo da aspor­to, bevan­de e, in mol­ti casi, anche la spe­sa al domi­ci­lio di chi rima­ne­va a casa; anche per loro e solo dopo nume­ro­se pro­te­ste sono arri­va­ti, in misu­ra insuf­fi­cien­te, i dispo­si­ti­vi di pro­te­zio­ne indi­vi­dua­le e i pochi euro gua­da­gna­ti per cia­scu­na con­se­gna non basta­no per dotar­se­ne indi­vi­dual­men­te. Non sono poi sta­ti pochi i casi di riders mul­ta­ti dal­le for­ze del­l’or­di­ne per­ché cir­co­lan­ti nel­le stra­de o per “assem­bra­men­to” men­tre aspet­ta­va­no fuo­ri dai risto­ran­ti il cibo da con­se­gna­re e que­sto, para­fra­san­do un noto det­to, è il dan­no oltre la beffa.

L’e­len­co potreb­be con­ti­nua­re per pagi­ne e pagi­ne: tut­te e tut­ti abbia­mo paren­ti o cono­scen­ti che han­no capi­to in que­sti gior­ni sul­la pro­pria pel­le a cosa han­no dovu­to rinun­cia­re in nome di una retri­bu­zio­ne spes­so ina­de­gua­ta, ma neces­sa­ria. Ecco per­ché pen­sia­mo che que­sto Pri­mo Mag­gio ci deb­ba ser­vi­re per con­ti­nua­re la vec­chia lot­ta, per­ché è sta­to chia­ro che da que­sta qua­ran­te­na ne usci­ran­no, acciac­ca­te ma non distrut­te, dal pun­to di vista lavo­ra­ti­vo ed eco­no­mi­co, solo quel­le per­so­ne che han­no potu­to far vale­re dirit­ti con­trat­tua­li soli­di.

Sarà sem­pre la gior­na­ta in cui si cer­che­rà di por­re un argi­ne all’e­ro­sio­ne dei dirit­ti, alle richie­ste di ridi­men­sio­na­men­to in nome di una ripre­sa che dal 4 Mag­gio sarà lo slo­gan per i gior­ni a veni­re, ma dovrà esse­re per tut­ti, non solo per chi l’ha fat­to anche in que­sti anni, l’i­ni­zio di una nuo­va lot­ta che chie­da dirit­ti e digni­tà per chi non li ha, che crei per ogni tipo­lo­gia di lavo­ro, soprat­tut­to dei “nuo­vi lavo­ri” o di quel­li invi­si­bi­li, quel­la digni­tà che per­met­ta di affron­ta­re tut­te le emer­gen­ze che il futu­ro ci riser­va, che sia­no crea­te da un virus, dal­la natu­ra o, e sono le peg­gio­ri, dal­la natu­ra uma­na e dal­la sua avidità.

Se pen­sia­mo che dal 4 Mag­gio tut­to pro­gres­si­va­men­te ritor­ne­rà come pri­ma del­l’e­mer­gen­za, vor­rà dire allo­ra che da que­sto stop non abbia­mo impa­ra­to nien­te.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?