Un ponte di silenzi

Dal Nazareno non un rigo, nessuna presa di distanza né un tweet per commentare il nuovo spot del premier che si genuflette al cospetto di Impregilo.

Il gior­no dopo il nuo­vo annun­cio elet­to­ra­le del pre­mier Ren­zi che, davan­ti a una pla­tea di costrut­to­ri, tira fuo­ri dal cilin­dro il Pon­te sul­lo stret­to — nel sol­co del­la miglior tra­di­zio­ne ber­lu­sco­nia­na — quel­lo che col­pi­sce dav­ve­ro è il silen­zio qua­si una­ni­me del Pd, dal­la mino­ran­za al cer­chio magi­co.

Fat­ta ecce­zio­ne per D’A­le­ma che attac­ca il pre­mier pren­den­do in pre­sti­to una bat­tu­ta di Civa­ti (“Il pon­te è un rega­lo di Ren­zi per gli 80 anni di Sil­vio”), dal Naza­re­no non un rigo, nes­su­na pre­sa di distan­za né un tweet per com­men­ta­re il nuo­vo spot del pre­mier che si genu­flet­te al cospet­to di Impregilo.

Per­si­no Mara Car­fa­gna e Rena­to Bru­net­ta han­no attac­ca­to Ren­zi per l’i­nop­por­tu­ni­tà poli­ti­ca del­la nuo­va recla­me, fat­ta in pie­na cam­pa­gna elet­to­ra­le per il refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le e sol­tan­to a un mese dal ter­re­mo­to che ha distrut­to Ama­tri­ce. Quel­lo stes­so ter­re­mo­to che avreb­be dovu­to met­te­re tut­te le for­ze poli­ti­che di fron­te alla neces­si­tà di stan­zia­re risor­se e ipo­tiz­za­re un pia­no serio e razio­na­le esclu­si­va­men­te per argi­na­re e pre­ve­ni­re il rischio sismi­co e idro­geo­lo­gi­co su tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le.

Di con­tro, plau­si una­ni­mi arri­va­no da Ala (il grup­po di Ver­di­ni) e da tut­ta la destra gover­na­ti­va, che inci­ta il pre­mier a por­ta­re avan­ti il pro­get­to per uni­re final­men­te la Sici­lia al continente.

Anche l’in­di­men­ti­ca­to Totò Cuf­fa­ro, ex pre­si­den­te ‘vasa vasa’ del­la Sici­lia ber­lu­sco­nia­na, par­la di “un’a­zio­ne di gover­no che si con­trad­di­stin­gue per le deci­sio­ni che sa pren­de­re, per le solu­zio­ni che indi­vi­dua e per la visio­ne di svi­lup­po che pia­ni­fi­ca e orga­niz­za. Oggi, con sod­di­sfa­zio­ne, pren­do atto che due gran­di scel­te del mio gover­no, Pon­te sul­lo stret­to e ter­mo­va­lo­riz­za­to­ri, pri­ma ampia­men­te demo­niz­za­te, ora diven­ta­no impor­tan­ti e indispensabili”.

In altri tem­pi, sareb­be basta­ta que­st’ul­ti­ma dichia­ra­zio­ne per pro­vo­ca­re nei dem un rigur­gi­to di orgo­glio e ragio­ne­vo­lez­za. Eppu­re oggi non è sta­to così.

Di segui­to – per rin­fre­sca­re la memo­ria — un bre­vis­si­mo reso­con­to del­le dichia­ra­zio­ni demo­crat sul­l’af­fai­re Ponte:

“E’ vera­men­te una pre­sa in giro inqua­li­fi­ca­bi­le pro­por­re un’opera farao­ni­ca men­tre pochi gior­ni fa le case sono cadu­te sot­to la fra­na a Mes­si­na”, dis­se, sot­to­li­nean­do come fos­se neces­sa­rio piut­to­sto “met­te­re in cam­po un gran­de pia­no di manu­ten­zio­ne del­le scuo­le ita­lia­ne che cado­no a pez­zi”. (Dario Fran­ce­schi­ni inter­vi­sta­to nel 2009 dal Tg3)

“Ber­lu­sco­ni: pri­ma di mori­re spe­ro di attra­ver­sa­re il Pon­te di Mes­si­na. Viva pure a lun­go, ma pro­vi a non dire sce­men­ze” (Debo­ra Ser­rac­chia­ni, su Twit­ter nel 2013)

“I sici­lia­ni non han­no l’acqua ma pre­sto, gra­zie al Pon­te sul­lo Stret­to di Mes­si­na, avran­no pron­ta una via di fuga” (Rober­to Gia­chet­ti, giu­gno 2013)

“Lo con­si­de­re­rei un capi­to­lo chiu­so” (Andrea Orlan­do, luglio 2013)

Il rap­por­to costo-bene­fi­ci non reg­ge: il pon­te sul­lo Stret­to costa trop­po per esse­re un pon­te ed è un’opera avul­sa da stra­te­gie”. (Pie­ro Fas­si­no, gen­na­io 2006)

“Ha ragio­ne il vice­pre­si­den­te di Con­fin­du­stria, quan­do dice che il Pon­te è il cavia­le, men­tre il pane sono le stra­de, fer­ro­vie e i por­ti per la mobi­li­tà inter­na in Sici­lia” (Anna Finoc­chia­ro)

“Sia­mo qui per oppor­ci ad un capric­cio del gover­no che vuo­le rea­liz­za­re un’opera inu­ti­le. Si trat­ta di un’infrastruttura peri­co­lo­sa per i cit­ta­di­ni e per le cas­se del­lo Sta­to, del­la qua­le non abbia­mo biso­gno”. (Gen­na­ro Miglio­re, ago­sto 2009)

Dul­cis in fun­do: “Voglia­mo un Pae­se che pre­fe­ri­sca la ban­da lar­ga al pon­te sul­lo Stret­to; che dica no al con­su­mo di suo­lo e sì al dirit­to di suo­lo” (Mat­teo Ren­zi, Car­ta di Firen­ze, 7 novem­bre 2010).

E for­se solo per il pre­mier il silen­zio sul Pon­te sareb­be sta­to una scel­ta mol­to più dignitosa.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.